19/10/2020, 11.00
INDIA
Invia ad un amico

Una marcia silenziosa per la liberazione di padre Stan

di Nirmala Carvalho

L'imam della moschea di Nakhoda: "se un fratello sta affrontando un'ingiustizia, gli altri fratelli non saranno spettatori silenziosi ...". L'arcivescovo Thomas D'Souza: “è un campione per i diritti umani e la dignità dei poveri e dei tribali ... quindi, siamo solidali, per dirgli che non è solo, siamo con lui”. Padre Felix Raj: i profeti parlano per i poveri, p. Stan lo fa. E ha uno spirito come Madre Teresa.

Mumbai (AsiaNews) – Una marcia silenziosa di protesta contro l'arresto del gesuita padre Stan Swamy si è svolta sabato 17 su Park Street, a Kolkatta. Vi hanno preso parte sacerdoti e religiosi cristiani, ma anche persone di altre fedi.

Al termine della marcia, l'imam della moschea di Nakhoda Maulana Shafique Qasmi ha espresso solidarietà al sacerdote gesuita di 83 anni, dicendo che "se un fratello sta affrontando un'ingiustizia, gli altri fratelli non saranno spettatori silenziosi ...". “Condanniamo questo arresto ... e facciamo appello a tutti affinché la gente alzi la voce per coloro che vengono oppressi ... Se vogliamo che tutti siano buoni, dobbiamo trattare tutti con amore e simpatia”. “È un appello al governo affinché rilasci padre Stan Swamy". “Padre Stan Swamy - ha aggiunto - è stato arrestato senza aver commesso alcun delitto ed è nostra richiesta che il governo lo rilasci incondizionatamente. Altrimenti, tutte le minoranze del Paese si agiteranno contro questo atto".

L'arcivescovo Thomas D'Souza ha protestato domenica 18 ottobre contro gli arresti di p. Stan e parlando ad AsiaNews ha detto: “Siamo solidali con la causa di p. Stam, per i diritti umani e contro l'ingiustizia inflittagli. Quindi chiediamo di ripristinare la sua dignità umana. Era un campione per i diritti umani e la dignità dei poveri e dei tribali ... quindi, siamo solidali, per dirgli che non è solo, siamo con lui”.

“In secondo luogo – ha aggiunto - volevamo mostrare il nostro dispiacere per il modo in cui è stato trattato padre Stan, un modo inumano. L'ottuagenario padre Stan è stato arrestato, nonostante avesse detto che non poteva viaggiare. E’ stato preso con la forza, non c'è stata né compassione né trattamento umanitario verso di lui nonostante sia così anziano. Dov'è il rispetto riservato agli anziani nel nostro Paese? Facciamo appello al governo e chiediamo al governo che p. Stan venga rilasciato".

Il vicecancelliere della St. Xavier's University, padre J. Felix Raj, uno dei leader della manifestazione, ha detto che la protesta di Calcutta ispirerà molti altri ad alzare la voce. Padre Felix Raj ha anche detto che i profeti parlano per i poveri, Stan Swamy lo fa. E, ha spiegato ad AsiaNews, ha uno spirito come Madre Teresa.

“1. Sia Madre Teresa che P. Stan Swamy sono religiosi impegnati, che seguono fedelmente la spiritualità ignaziana di trovare Dio in tutte le cose e tutte le cose in Dio.

2. Hanno dedicato la loro vita a Dio e alle persone. L'opzione preferenziale della madre era quella di lavorare per i moribondi e gli indigenti, mentre quella di padre Stan era di lavorare per i dalit e i tribali oppressi.

3. Entrambi sono senza paura, audaci nel loro lavoro. Hanno trovato la loro forza in Dio.

4. Si dice che un profeta non è accettato nella sua città o Paese: entrambi sono stati accusati. La madre di conversioni, padre Stan di essere unito a maoisti e terroristi.

5. Il nemico viene dall'interno. I nostri uomini di governo, leader che hanno i loro interessi personali hanno messo a tacere questi profeti.

6. Entrambi hanno dedicato la loro vita alle persone. La madre veniva dall'Europa e p. Stan è venuto dal Tamil Nadu per lavorare tra i tribali.

 

7 Hanno fatto proprie persone di altre terre, culture e lingue. Questo è ciò che viene chiamato nelle Upanishad: Vasudeva Kudumpakam (il mondo intero è una famiglia).

8. P. Il lavoro di padre Stan per i Dalit e gli indigeni era basato sui problemi: faceva ricerche approfondite su varie questioni, disponeva di documenti e prove sufficienti. Questo è il motivo per cui poteva interrogare coraggiosamente il governo e i funzionari e combattere per il popolo.

9 È essenzialmente una lotta tra poveri e ricchi per la giustizia. Si schierò dalla parte degli oppressi e combatté per loro.

Il suo arresto, le sue sofferenze sono la conseguenza della sua difesa della verità e della giustizia. Questo accade a tutti coloro che stanno dalla parte della verità.

Ma la verità alla fine vincerà”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Il card. Gracias prega per p. Stan Swamy, arrestato per ‘terrorismo’
24/10/2020 08:47
Nuovi appelli per la liberazione di padre Stan Swamy
12/10/2020 13:39
P. Stan Swamy, sacerdote arrestato a Ranchi: ‘Fabbricate e false’ le accuse contro di me
06/09/2018 12:44
P. Stan Swamy: pregate per i miei compagni di prigione
16/11/2020 10:14
I cattolici indiani chiedono l’immediato rilascio di p. Stan Swamy
10/10/2020 11:07