26/11/2005, 00.00
INDONESIA
Invia ad un amico

Vescovo a Poso: ingiusta la condanna a morte per tre cattolici

Mons. Suwatan difende i tre detenuti accusati di essere tra i responsabili degli scontri tra cristiani e musulmani a Poso nel 2000; il presule spiega che in quell'occasione i cattolici furono vittime e non istigatori di violenza, e che la pena capitale è eccessiva. La diocesi di Manado prega perchè la sentenza venga cancellata.

Jakarta (AsiaNews/Ucan) - I tre cattolici condannati a morte per le violenze del 2000 a Poso sono innocenti e non vanno giustiziati. Ne è convinto il vescovo di Manado, mons. Joseph Suwatan, che si schiera in difesa dei tre uomini ai quali il presidente indonesiano ha negato a metà mese la grazia.

"Penso - dichiara il presule - che Fabianus Tibo, Dominggus da Silva, e Marinus Riwu non sono responsabili, ma solo vittime degli scontri a Poso". Secondo il vescovo la pena capitale non è giusta nel loro caso".

Nella diocesi di mons. Suwatan rientra anche Poso, la città nella provincia di Sulawesi centrale teatro dal 1998 al 2001 di un sanguinoso conflitto tra cristiani e musulmani costato la vita a circa 2 mila persone. Finora nessun musulmano è stato processato per quegli eventi.

La Corte distrettuale di Palu ha condannato Tibo e due suoi amici alla pena di morte, dopo averli giudicati tra i responsabili di una serie di omicidi di musulmani, avvenuti a Poso tra maggio e giugno del 2000, e che avrebbero innescato gli scontri tra le due comunità. La sentenza capitale è stata poi confermata dall'Alta Corte delle Sulawesi centrali a maggio 2001 e ancora una volta dalla Corte suprema di Jakarta a novembre dello stesso anno. Il 10 novembre scorso il presidente Susilo Bambang Yudhoyono ha respinto la richiesta di grazia. La data dell'esecuzione non è ancora nota. A numerosi indonesiani il processo contro i tre cattolici appare controverso; durante il suo svolgimento si sono verificate intimidazioni su vasta scala da parte dei fondamentalisti islamici. Alcuni osservatori affermano che la giuria non aveva scelta se non "assecondare" i gruppi che volevano i tre uomini colpevoli.

Mons. Suwatan ricorda che i tre condannati sono solo semplici contadini analfebeti, emigrati dall'isola di Flores a Poso in cerca di una vita migliore. Secondo quanto riferisce il presule i cattolici non hanno preso parte agli scontri di Poso, "ma sono divenuti vittime delle rivolte che hanno totalmente distrutto la parrocchia di Santa Teresa, un convento di religiose e diverse scuole cattoliche".

Il segretario di mons. Suwatan racconta che il vescovo, "appena appresa la notizia della grazia negata, ha dichiarato di voler pregare per i tre e le loro famiglie". A queste, aggiunge p. Lengkonk, la nostra diocesi offre sostegno morale e prega affinchè la sentenza venga cancellata.

Il parroco di Santa Teresa, p. Jimmy Tumbelaka, si è recato spesso a trovare i tre cristiani in carcere. Egli ha anche incontrato Hasyim Muzadi, presidente del Nahdlatul Ulama - la più grande organizzazione musulmana in Indonesia - il quale ha mostrato di appoggiare la causa. Nelle intenzioni del parroco anche parlare con il nunzio apostolico in Indonesia, mons. Malcolm Ranjith, "per discutere di cosa poter fare".

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Poso, violenze anticristiane: estremisti incendiano una chiesa protestante
23/10/2012
Vescovo nelle Sulawesi: cancellate la pena di morte per i tre cattolici
25/01/2006
Torna a Flores la salma di Dominggus da Silva, uno dei 3 cattolici fucilati a Palu
25/09/2006
"Omicidio di Stato" la fucilazione dei tre cattolici indonesiani
25/09/2006
"Per qualche ora" in chiesa la salma di uno dei tre cattolici giustiziati in Indonesia
23/09/2006