22 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 17/12/2015, 00.00

    PAKISTAN

    Vescovo di Faisalabad: Vivere il Natale con l’ansia e la gioia dei pastori di Betlemme

    Skafique Khokhar

    Mons. Joseph Arshad condivide con AsiaNews il suo Messaggio di Natale. Ricorda l’annuncio della nascita di Gesù ai pastori, “pieni di gioia e di amore per aver trovato il piccolo bambino Salvatore del mondo”. Riporta le parole di papa Benedetto XVI “che ha spiegato che il Natale è un evento, un fatto”. Le sfide attuali dell’umanità sono un segnale d’allarme ai cristiani. L’invito di papa Francesco ad essere umili come “Dio che si è rivelato attraverso Gesù, di umili origini” e a servire gli altri “come ha fatto Gesù”.

    Faisalabad (AsiaNews) – Ogni volta “che ascoltiamo la storia della nascita di Cristo, ricordiamo che Dio non è lontano o disinteressato, ma ha deciso di venire tra noi. L’eterna parola di Dio ha scelto di farsi umana e di stabilire la sua dimora tra di noi”. Lo dice mons. Joseph Arshad, vescovo di Faisalabad, nel suo Messaggio di Natale, in cui esorta i suoi fedeli a vivere questo tempo “con la stessa ansia e gioia dei pastori di Betlemme”. Egli dice: “Se vogliamo cercare la vera gioia e la ‘luce di amore’ ed essere inondati dai loro doni, e realizzare i nostri desideri e sogni più profondi, dobbiamo fare l’esperienza di Betlemme nelle nostre vite. In questo modo sapremo che il Dio vivente continua a risiedere tra di noi”.

    Mons. Arshad ricorda la semplicità del luogo in cui venne alla luce il Figlio di Dio e la reazione di stupore e gioia dei pastori: “All’inizio la notizia giunse ai più comuni tra la gente comune. Quando apparvero gli angeli, i pastori si stavano occupando con tenerezza delle loro pecore. La prima reazione fu un insieme di ansia, angoscia e paura. Si domandavano se fosse solo un sogno, ma essi ‘ebbero fretta’ di vedere con i loro occhi. Quando arrivarono alla stalla a Betlemme, trovarono la dimora di Dio! Quei pastori furono ripieni di gioia e di amore per aver trovato il piccolo bambino Salvatore del mondo”.

    Con la stessa umiltà dei pastori, oggi i cristiani devono riscoprire la bellezza del Natale, di quando “il Figlio di Dio, Salvatore del mondo, è nato per noi a Betlemme”. “Nel mondo di oggi – dice – l’umanità affronta numerose sfide e il nostro mondo è segnato da molti fattori: il bene e il male, l’unità e la divisione, la ricchezza e la povertà, la violenza e la pace. Tutte queste cose mandano un messaggio di allarme ai cristiani: svelare di nuovo la rilevanza della famiglia umana dalla prospettiva di vita cristiana, nella relazione con Dio, il creato e i vicini”.

    Il vescovo ricorda le parole di papa Benedetto XVI, che “ha spiegato che il Natale non è un semplice annuncio: esso è un evento, un fatto, che dei testimoni credibili hanno visto, sentito e toccato nella persona di Gesù Cristo, che è nato per noi, per essere il nostro Salvatore”.

    Il presule cita anche papa Francesco: “Egli ricorda ai cristiani di riflettere su due punti: il primo è che Dio si è rivelato attraverso Gesù, non come un potente Dio dell’universo, ma come uno di umili origini. Per questo motivo, per assomigliare a Gesù, non dobbiamo mettere noi stessi sopra gli altri! Noi stessi dobbiamo essere umili e servire gli altri”. Il secondo punto “è che se Gesù è diventato uno di noi, allora qualunque cosa facciamo per i nostri fratelli e sorelle, l’abbiamo fatta a lui”.

    Infine mons. Arshad conclude: “Mentre la Chiesa universale celebra l’Anno della Misericordia, riconosciamo che Gesù Cristo ci insegna che la misericordia, il perdono, la gioia, la pace e la giustizia sono possibili e non si trovano solo nei nostri sogni. Essi sono possibili e reali, perché è Gesù Cristo, nato a Betlemme, ad essere vera misericordia, perdono, gioia, pace e giustizia”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/03/2017 12:52:00 PAKISTAN
    Mons. Arshad: in Quaresima, abbracciamo le nostre croci quotidiane

    Il vescovo di Faisalabad ha diffuso il messaggio per la preparazione alla Pasqua. Si rivolge ai giovani, coloro che più sopportano le difficoltà nella ricerca del lavoro, per la crisi economica e per inserirsi nella società. Invita tutti a seguire l’esempio di Cristo, che con la sua morte e resurrezione dà significato “alle nostre croci della vita di tutti giorni”.



    14/06/2016 13:25:00 PAKISTAN
    Vescovo di Faisalabad: Attraverso il Sacro Cuore di Gesù l’amore di Dio riempirà il mondo

    Mons. Joseph Arshad condivide un messaggio per la solennità celebrata il 3 giugno. “Il nostro compito è fare del nostro meglio per far conoscere il Sacro Cuore di Gesù”. La chiamata biblica di Gesù all’umanità peccatrice deve ispirare l’uomo, che affronta crisi sul significato della vita, le sfide dei bisogni attuali e la necessità di difendere la dignità di ogni essere umano.



    19/06/2017 14:51:00 PAKISTAN
    Mons. Arshad: l’Eucaristia ‘fonte e culmine’ della vita e della missione della Chiesa

    Il vescovo di Faisalabad celebra la festa del Corpus Domini. In Pakistan il 2018 sarà l’Anno dell’Eucaristia. “Diventiamo tutt’uno con Gesù quando riceviamo la Comunione”. L’Eucaristia è “l’espressione della nostra chiamata a condividere la vita divina come individui e come comunità nel pieno scopo del nostro essere – vivere per sempre all’interno dello splendore divino”.



    24/05/2017 09:04:00 PAKISTAN
    A Faisalabad la prima chiesa in una università pakistana

    L'edificio sacro sorgerà nella University of Agriculture Faisalabad. Il progetto approvato dopo tre anni di discussione. La pietra fondativa gettata il 18 maggio. La struttura costa circa 65mila euro, di cui oltre 25mila donati dalla diocesi. Professore cattolico: “Non è un favore dell’amministrazione. In tutte le università dovrebbero esserci chiese, templi e gurdwara”.



    27/07/2017 08:59:00 PAKISTAN
    Faisalabad: esce il secondo cd di mons. Arshad, per “una società di pace”

    Il lancio dell’album rientra nelle iniziative per il 70mo anniversario dell’indipendenza del Pakistan. I brani “riflettono la ricchezza della cultura e delle varie sfumature del Paese”. Produttore cinematografico: “I cristiani hanno avuto un ruolo determinante. Non meritano di essere chiamati minoranza”.





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®