21/06/2013, 00.00
CINA
Invia ad un amico

Xinjiang, 19 uighuri condannati: “Hanno diffuso l’estremismo su internet”

Le sentenze emesse nei giorni scorsi da diversi tribunali provinciali, arrivano fino a 6 anni di reclusione. Per Pechino i militanti islamici di Pakistan e Asia centrale stiano addestrando l’etnia turcofona per rovesciare il governo.

Pechino (AsiaNews) - Il governo provinciale dello Xinjiang ha approvato una serie di condanne emesse nei giorni scorsi contro 19 membri dell'etnia uighura (maggioritaria nella zona), condannati a pene fino a 6 anni di reclusione per "aver promosso l'odio razziale" e aver "diffuso l'estremismo religioso attraverso internet". Tutti i condannati (tranne uno) provengono dalla parte meridionale della provincia, una delle più accese nel confronto con i cinesi di etnia han.

I giudici hanno giudicato colpevole uno degli arrestati perché ha scaricato dalla Rete "materiale che fomenta il fervore religioso e predica la guerra santa". Un altro avrebbe "diffuso" attraverso internet materiale "che loda l'estremismo religioso e il terrorismo". Secondo il governo centrale cinese, i gruppi uighuri dello Xinjiang hanno rapporti con i militanti dell'Asia centrale e del Pakistan, che li starebbero istruendo su come rovesciare il governo legittimo e crearne un altro indipendente.

Lo scorso aprile una serie di scontri violenti nei pressi di Kashgar - lo storico snodo della Via della Sete - ha provocato 21 morti. Nel luglio del 2009 le violenze fra i due gruppi hanno raggiunto l'apice, con oltre 200 vittime nella capitale provinciale Urumqi e l'esercito dispiegato per le strade in formazioni anti-sommossa.

Gli uighuri sono musulmani e turcofoni: da diversi decenni hanno un rapporto conflittuale con il governo centrale cinese, che in parte non riconoscono. Dopo alcuni tentativi (falliti) di ottenere l'indipendenza come "Turkestan orientale", i leader etnici hanno chiesto a Pechino la possibilità di preservare lingua, cultura e religione locale. Il governo cinese - pur concedendo agevolazioni fiscali e sociali - ha deciso invece di usare la mano pesante e ha lanciato una campagna di controllo e repressione in tutta la zona.   

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Pechino “festeggia” il Ramadan, funzionari comunisti invitano a pranzo i musulmani uighuri
12/07/2013
Xinjiang: dopo gli scontri etnici, l’esercito torna per le strade
01/07/2013
Giornalista uighuro condannato a 15 anni per le denunce contro polizia ed esercito
24/07/2010
Indonesia, cinesi discriminati nei soccorsi per lo tsunami
05/01/2005
Intellettuali han scrivono al governo: “Basta discriminazione per gli uiguri”
02/08/2010