22 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 18/05/2017, 15.43

    CINA

    Xinjiang, disposta la raccolta del Dna in nome della ‘stabilità nazionale’



    Dal 1989 raccolte in Cina le informazioni genetiche di circa 44 milioni di persone. La campionatura senza alcuna supervisione, trasparenza o tutela della privacy. Solo 1,5 milioni di campioni collegati a scene del crimine. Dal novembre 2016, nello Xinjiang per chiedere un passaporto si deve fornire il Dna. Il governo regionale ha speso 10 miliardi di euro per l'indicizzazione. La raccolta delle informazioni biometriche parte della politica del governo centrale di “mantenere la stabilità”.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Gruppi per i diritti umani e accademici denunciano che le autorità cinesi nella turbolenta regione nordoccidentale dello Xinjiang stanno compiendo una raccolta di massa di Dna da cittadini non sospettati di alcun crimine.

    La Human Rights Watch (Hrw) di New York segnala che le forze di polizia operano la campionatura senza alcuna supervisione, trasparenza o tutela della privacy. “Rapporti suggeriscono che il governo regionale dello Xinjiang, regione di minoranza etnica [musulmana ndr] con una lunga storia di repressione, intende accelerare la raccolta e l'indicizzazione del DNA”, dichiara il gruppo in una relazione sul suo sito web.

    Hrw afferma che dei campioni raccolti nel database, solo 1,5 milioni sono collegati a scene del crimine. Circa 513 mila sono invece tenuti in un archivio separato, per combattere il traffico di esseri umani. “Le autorità hanno affermato che i database del DNA sono usati per risolvere i crimini, inclusi il terrorismo e il traffico di minori, nonché per identificare cadaveri e vagabondi”, ha detto il gruppo.

    Gli attivisti riportano che, dal novembre 2016, la polizia dello Xinjiang ha disposto che tutti i richiedenti un passaporto presentino un campione di Dna, mentre le agenzie governative hanno rilasciato offerte multimilionarie per la fornitura degli strumenti  necessari alla raccolta delle sequenze genetiche. Le autorità dello Xinjiang hanno dichiarato di aver acquistato circa 10 miliardi di euro in attrezzature per implementare l'indicizzazione del Dna. I bandi dei governi regionali rivelano che la raccolta delle informazioni biometriche è parte della politica del governo centrale di “mantenimento della stabilità” in Cina.

    Resoconti dalla minoranza etnica uigura rivelano che lo schema di campionatura del Dna nello Xinjiang ha avuto inizio lo scorso settembre, con l'avvio di un “controllo sanitario” a livello regionale. Hrw avverte che il programma potrebbe essere utilizzato per aumentare il controllo politico. Gli sforzi di Pechino sembrano concentrati su vari gruppi di persone in tutta la Cina che non sono sospettati di crimini, dichiara il rapporto. Tali gruppi comprendono “persone di interesse”, un ampio termine che può includere dissidenti, attivisti, firmatari e chiunque abbia precedenti penali, lavoratori migranti e clienti di ostelli, locali di intrattenimento, internet cafè e affittuari, nonché specifiche professioni.

    La raccolta del Dna è una pratica che la Cina attua sin dal 1989. Fino ad ora le autorità cinesi hanno accumulato in un database nazionale le informazioni genetiche di circa 44 milioni di persone.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/12/2009 CAMBOGIA – CINA
    Il governo cambogiano espelle 20 rifugiati uiguri cinesi
    Phnom Penh li considera immigrati irregolari e ne ha disposto il rimpatrio in Cina. Il gruppo, fuggito nel luglio scorso dallo Xinjiang, cercava asilo politico all’ufficio Onu della capitale. Attivisti per i diritti umani lanciano l’allarme: se tornano in Cina verranno torturati e uccisi.

    12/09/2009 CINA
    Xinjiang, prime condanne per i presunti autori degli attacchi con siringhe
    Sentenze fino a 15 anni di galera per due uomini e una donna. Il tribunale non ha diffuso l’etnia, ma sembrano appartenere alla minoranza uiguri. Una ottantina di persone in attesa di processo per le violenze a Urumqi, ma le autorità non hanno diffuso la data delle udienze.

    29/12/2009 CINA
    Per Natale, 5 condanne a morte di uiguri per le proteste di luglio nello Xinjiang
    I processi si sono svolti il 22 e 23 dicembre, nel silenzio della stampa nazionale. Ci sono stati anche 8 ergastoli e condanne ad anni di carcere e le autorità annunciano altri processi. Pechino vuole continuare le condanne esemplari contro gli uiguri, ma evitare che il mondo lo sappia.

    07/07/2009 CINA
    Nuove proteste a Urumqi e in altre città dello Xinjiang
    Donne e ragazze chiedono la liberazione dei loro parenti, arrestati nei giorni scorsi. Dimostrazioni a Kashgar, Yili, Dawan e Tianshan. Rebiya Kadeer: Le violenze rivelano problemi profondi che Pechino non ha mai voluto affrontare.

    13/07/2009 CINA
    Cina: nuove violenze nello Xinjiang, altri due morti fra gli uiguri
    Fonti ufficiali parlano di un intervento della polizia per sedare uno scontro fra i membri della minoranza musulmana locale. I media di Stato denunciano una “campagna orchestrata” alla base delle proteste contro le rappresentanze diplomatiche cinesi.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®