18 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/02/2018, 12.23

    INDONESIA

    Yogyakarta, radicali islamici contro le opere di carità della parrocchia

    Mathias Hariyadi

    Esse consistono nel dono di beni di prima necessità e check-up medici gratuiti. Gli estremisti non intendono consentirne lo svolgimento in aree dove la maggioranza della popolazione è musulmana. Minacciosi raduni di protesta e blocchi a Banguntapan e Jaranan. Avvocato cattolico: “È persecuzione pubblica”.

    Jakarta (AsiaNews) – “Sono operazioni di proselitismo sotto copertura”. A Banguntapan, sobborgo di Yogyakarta (Central Java), gruppi di fondamentalisti islamici disturbano e protestano contro le opere di carità organizzate dalla comunità cattolica di St. Paul’s Pringgolayan, per celebrare l’elevazione della chiesa a nuova parrocchia della reggenza di Bantul. Lo scorso 27 dicembre, mons. Robertus Rubiyatmoko, arcivescovo di Semarang, ha officiato la cerimonia per l’istituzione della neonata circoscrizione ecclesiastica (foto 2).

    La presenza cattolica nel villaggio alla periferia di Yogyakarta risale al 1974, quando le messe venivano ancora celebrate da un sacerdote della parrocchia centrale di St. Joseph’s Bintaran, nelle case di fedeli come il sig. Sukirdjo e Francis Xavier Sardjono. Nel 1979, con il pieno sostegno del defunto card. Justinus Darmojuwono, all’epoca arcivescovo di Semarang, l'amministratore della chiesa di Bintaran comprò un terreno. Tra il 1980 ed il 1983, la comunità cattolica si impegnò in una grande raccolta fondi che portò alla costruzione di una prima semplice cappella, inaugurata il 25 gennaio 1986. I progetti di ampliamento del complesso sono stati rallentati dal grave terremoto che ha colpito l’area di Yogyakarta nel 2006. Nel corso degli anni successivi i lavori sono ripresi e lo scorso dicembre la comunità locale ha visto nascere la sua parrocchia (foto 3-4).

    Per festeggiare l’evento, i cattolici di Banguntapan hanno dato vita a diverse iniziative benefiche rivolte ai villaggi circostanti. Queste opere di carità rappresentano l'impegno e la compassione che la Chiesa rivolge alle persone locali più sfortunate. Esse consistono nel dono di beni di prima necessità e check-up medici gratuiti. Tuttavia, queste attività hanno incontrato la ferma opposizione di alcuni gruppi di estremisti islamici, che non intendono consentirne lo svolgimento in aree dove la maggioranza della popolazione è musulmana.

    A Banguntapan, lo scorso 28 gennaio i fondamentalisti hanno organizzato manifestazioni di protesta (foto 1) per impedire l’accesso dei cattolici ai luoghi stabiliti per le loro iniziative. Minacciosi raduni sono stati tenuti anche a Jaranan, dove erano previsti altri progetti benefici. Gli estremisti islamici accusano i cattolici di condurre “operazioni sotto copertura” per fare proselitismo nei villaggi musulmani. Il gruppo islamista locale Darrohman, appartenente al Front Jihad Islam (Fji), intima di condurre tali opere di beneficenza all’interno della struttura parrocchiale, e non nei complessi residenziali. Al fine di alleviare la tensione, il parroco di St. Paul, p. Ariawan, è stato costretto a cancellare tutte le iniziative.

    Intervistati da AsiaNews, gli avvocati nazionalisti della National Bhinneka Tunggal Ika Lawyer Association di Yogyakarta criticano con forza l’operato degli islamisti, definendo gli incidenti una “pubblica persecuzione” nei confronti di cittadini indonesiani, basata su “false assunzioni”. Agnes Dwi Rusjiyati, avvocato cattolico e presidente dell’Associazione, dichiara: “La persecuzione è un grave crimine che provoca prepotenze, dispiaceri e preoccupazioni tra le persone. Inoltre, essa costituisce una seria violazione del diritto internazionale”. “I dimostranti non hanno alcuna prova che sostenga le loro accuse di proselitismo, che sono prive di fondamento”, conclude l’avvocato, che invita le autorità a perseguire chiunque abbia preso parte agli episodi di violenza.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/02/2010 INDONESIA
    Bekasi, continuano le persecuzioni anticristiane. Colpita una chiesa protestante
    Una folla di 200 musulmani lancia messaggi intimidatori ai fedeli e proibisce l’uso di una chiesa domestica per le funzioni domenicali. Gli assalitori affermano di essere abitanti della zona. Pastore protestante smentisce: sono “sicuramente forestieri”. Dal 2009 a oggi colpite almeno 17 chiese cristiane.

    06/09/2005 INDONESIA
    Cardinale di Jakarta chiede alla polizia di difendere le chiese da attacchi fondamentalisti

    Il leader cattolico, insieme a un leader protestante e ad uno musulmano chiedono l'intervento della pubblica sicurezza contro le violenze degli estremisti islamici.



    11/02/2011 INDONESIA
    Jakarta, Yudhoyono: giro di vite contro l’estremismo. Ma i funzionari lo boicottano
    La polizia ha arrestato 13 persone, coinvolte negli attacchi dei giorni scorsi contro la minoranza Ahmadi e le chiese cristiane. Il presidente richiama le autorità locali a colpire le frange estremiste. Un appello condiviso dalla società civile, ma osteggiato dai funzionari e membri della sicurezza. Il link delle violenze anticristiane e contro gli ahmadi.

    09/02/2011 INDONESIA
    Violenze islamiche: società civile, leader cristiani e musulmani contro Yudhoyono
    Il governo accusa funzionari locali e responsabili della sicurezza. Ma viene sconfessato da attivisti e capi religiosi di entrambe le fedi. Arcivescovo di Semarang: “non rispondere alla violenza con la violenza”. Leader del Nahdlatul Ulama: “lo Stato è disarmato quando deve fronteggiare i gruppi estremisti”. E sui social network si moltiplicano le critiche: presidente, “parole vuote”.

    22/09/2007 INDONESIA
    East Java, musulmani distruggono una moschea radicale
    Oltre 500 musulmani hanno distrutto in meno di 10 minuti una “moschea domestica” di proprietà della Lembaga Dakwa Islam Indonesia, un gruppo missionario islamico ritenuto di ispirazione radicale. Annunciate nuove violenze.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®