04/10/2022, 12.05
CINA
Invia ad un amico

‘Generazione sandwich’: 170 milioni di famiglie cinesi segnate dalla politica del figlio unico

Sono i nati tra il 1976 e il 1985. Sotto pressione economica per dover crescere la propria prole e allo stesso tempo occuparsi da soli dei genitori anziani. Allevare un figlio fino a 18 anni costa in Cina quasi 7 volte il Pil pro capite. La situazione spinge le generazioni più giovani a non sposarsi e a non avere figli.

Pechino (AsiaNews) – La “generazione sandwich”, quella nata tra il 1976 e il 1985 sotto la politica del figlio unico, si trova ora a dover crescere i propri figli e a prendersi cura da sola degli anziani genitori. L’impegno finanziario ed emotivo richiesto la rendono la più “oppressa” nella storia della Cina comunista. Secondo studi accademici, ci sono 170 milioni di famiglie che rientrano in questa classe della popolazione.

Entro il 2025 è prevista una decrescita demografica nel Paese, per questo il governo ha abbandonato la politica del figlio unico. Problemi di soldi, tempo ed energie sono le principali preoccupazioni della generazione sandwich, soprattutto dopo che una coppia ha un secondo figlio.

Come riporta Caixin, uno studio del YuWa Population Research Institute rivela che nel 2019 il costo medio per crescere un figlio fino a 18 anni era di 485mila yuan (circa 69mila euro) a famiglia, circa sette volte il Pil pro capite in Cina: un livello molto più alto che nei Paesi sviluppati, e che nelle grandi città come Pechino e Shanghai è ancora maggiore.

Analisti osservano che mentre i cinesi della generazione sandwich sanno bene come allevare i propri figli, si dimostrano meno capaci di fronteggiare le difficoltà nell’aiutare i genitori con disagi. Una popolazione sempre più anziana, e meno autosufficiente, è una sfida sociale per il Paese. E ciò non solo per il carico pensionistico: in Cina l’80% dei bambini fino a tre anni (42 milioni nel 2021) sono accuditi in parte dai nonni. Solo il 5,5% è iscritto a un asilo nido.

La situazione è molto grave nelle aree rurali, dove vive metà della popolazione con più di 65 anni. Spesso anziani che vivono da soli non hanno accesso alle strutture sanitarie, perché senza soldi o qualcuno che li accompagni. Un sondaggio pubblicato nel 2019 dall’università di Wuhan spiega invece che nelle città il 60% degli anziani con disabilità è aiutato dai figli: metà di loro però era assistito solo 36 ore a settimana.

Gli affanni della generazione sandwich spingono quelle più giovani a rivedere le proprie scelte di vita. Centinaia di migliaia di donne in età riproduttiva non vogliono sposarsi o avere figli, anche avendone le possibilità economiche, “traumatizzate” dalle esperienze familiari di amici e conoscenti. Per i demografi cinesi, si tratta di una emergenza che minaccia la sicurezza nazionale.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
In Cina l'Accademia delle scienze chiede di abolire la politica del figlio unico
02/01/2006
Crisi demografica: Pechino pronta a rimuovere limiti (e sanzioni) sul numero di figli
20/08/2021 11:18
Rallenta l’economia cinese: politica dei tre figli in pericolo
03/06/2021 13:33
Pechino: ammessi fino a tre figli per coppia sposata
31/05/2021 11:02
I giovani cinesi non vogliono figli: in pericolo crescita demografica ed economica
12/05/2021 12:14


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”