27/01/2022, 08.50
UZBEKISTAN
Invia ad un amico

Chiusi gli orfanatrofi uzbeki

di Vladimir Rozanskij

Il provvedimento copre cinque province. Quasi tutti adottati dagli operatori delle strutture chiuse, da funzionari pubblici e poliziotti. Obbligo adozione imposto con ogni probabilità dalle autorità: lo Stato contribuisce con aiuti tra 120 e 250 euro al mese per bambino. Timori per le condizioni fisiche e psichiche degli adottati.

Mosca (AsiaNews) – Per decreto del presidente Šavkat Mirziyoyev, le autorità dell’Uzbekistan hanno chiuso in cinque province le “case della misericordia”, dove vivevano bambini orfani e rifiutati dalle famiglie. I bambini sono stati adottati quasi tutti dagli operatori degli orfanatrofi in chiusura, da vari funzionari delle amministrazioni locali, della Guardia Nazionale, della polizia e da imprenditori locali, come scrive Radio Ozodi. Non è chiaro fino a che punto tali adozioni siano volontarie o imposte “dall’alto”.

Le chiusure sono avvenute nelle province di Karakalpakstan, Navoijska, Fergana, Namangan e Khorezm. In tutto il Paese sono state aperte negli ultimi quattro mesi oltre 100 case-famiglia, che devono sostituire gli orfanatrofi statali. I nuovi genitori adottivi, che ufficialmente sono tutti volontari, devono presentare alcuni requisiti come una superficie abitativa sufficiente e uno stipendio fisso, a cui lo Stato aggiunge il necessario per il mantenimento.

Un operatore dell’Ufficio adozioni di Samarcanda, che preferisce mantenere l’anonimato, è però convinto che l’adozione sia una misura obbligatoria presa dal governo. A suo dire “in 10 anni di lavoro in questo settore non ho mai visto alcun dirigente o funzionario della pubblica amministrazione che abbia espresso il desiderio di adottare un bambino, e oggi ne adottano fino a cinque per volta”. L’operatore sottolinea che sono per lo più ragazzini tra gli 8 e i 16 anni, con le difficoltà dell’adolescenza, “e non so chi sarà in grado di controllare il loro futuro destino; non sarà facile seguire dei bambini adottati dai poliziotti”.

Secondo le informazioni disponibili, lo Stato assicura a chi prende un bambino in adozione o circa 120 euro al mese; se sono invalidi fino a 250 euro. Vengono concessi anche fondi per i vestiti: un giaccone, un paio di stivali, abiti sportivi e uniforme scolastica. Questi compensi non sono comunque sufficienti per coprire tutte le spese di mantenimento ed educazione di un adolescente.

Rimane aperta la questione del controllo delle condizioni fisiche e psichiche dei bambini nelle famiglie d’adozione. Dovrebbe essere affidata alla Guardia Nazionale, che ha un settore apposito per il lavoro con l’infanzia.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Taškent: Mirziyoyev rieletto presidente con oltre l’80%
27/10/2021 08:47
L’importanza del pollo per il popolo uzbeko
28/04/2022 08:55
Taškent, parte campagna elettorale: scontata la conferma di Mirziyoyev
10/08/2021 08:00
Obblighi religiosi e sportivi al centro delle riforme di Mirziyoyev
24/06/2021 10:42
Taškent, il nuovo muftì supremo è ‘imam del compromesso’
03/11/2021 10:53


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”