07/10/2005, 00.00
CINA
Invia ad un amico

Cina, licenziati di una acciaieria chiedono libertà per gli 8 capi della protesta

Gli operai, che manifestano in modo pacifico, chiedono anche le paghe arretrate e accusano la corruzione dei manager. La polizia ha arrestato i loro leader e i dirigenti rifiutano ogni negoziato.

Chongqing (AsiaNews/Scmp) – I dipendenti di un'acciaieria di Chongqing continuano il loro sit-in davanti al municipio per protestare contro l'arresto dei loro leader e la chiusura della fabbrica in cui lavoravano. Una donna afferma che "non se ne andranno fino al rilascio degli 8 uomini che guidavano la protesta".

"Molti lavoratori – dice – fra cui donne ed anziani sono in ginocchio davanti all'ufficio della pubblica sicurezza per chiedere la liberazione dei nostri capi". "La nostra era una protesta pacifica – sottolinea – ma le autorità hanno inviato oltre mille poliziotti a cacciarci ed arrestare chi ci guidava".

La protesta è scoppiata in agosto, dopo che i dirigenti dell'acciaieria hanno licenziato senza liquidazione i lavoratori della Chongqing Special Steel Plant. La fabbrica, sulla carta una delle maggiori produttrici di acciaio in Cina, al massimo del suo sviluppo ha dato lavoro ad oltre 18 mila persone. In luglio, a causa di oltre 4 miliardi di yuan di debiti, ha dichiarato bancarotta.

Il 12 agosto oltre 2 mila licenziati hanno bloccato una delle strade principali della città, paralizzando il traffico, per chiedere le paghe arretrate. I dirigenti dell'azienda hanno dichiarato di "non voler negoziare nulla" con i licenziati che chiedevano 2 mila yuan (circa mille euro) a testa.

Una donna di 41 anni sottolinea che la causa principale della chiusura va cercata nei dirigenti e nella loro corruzione: "I quadri aziendali – denuncia – hanno utilizzato il 50 % delle entrate totali dell'industria per pagare i loro stipendi e le loro assicurazioni sanitarie". "La mia famiglia lavora in questa fabbrica da oltre 50 anni – continua – e noi siamo entrati qui da bambini. Alla fine di tutto, non abbiamo nulla".

I leader del Partito comunista cinese sono sempre più preoccupati delle continue proteste nelle fabbriche e nelle miniere del Paese. Liu Xutao, esperto di scienze politiche, dice che i lavoratori sono stati sacrificati per le riforme economiche della Cina e spiega: "I lavoratori non sono mai stati 'i padroni della Cina'. Quello è sempre stato solo uno slogan ripetuto dal 1949".

L'esperto sottolinea inoltre che solo con veri sindacati liberi si potranno fermare queste manifestazioni, che al momento sono l'unica via che i lavoratori hanno per protestare contro licenziamenti e ingiustizie.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Paghe arretrate, scontri fra polizia e dimostranti
30/09/2005
Lavoratore migrante condannato a morte: ha ucciso per ottenere la paga
06/09/2005
Cina, nel 2005 oltre 87 mila proteste sociali
20/01/2006
Malaysia, commissione governativa denuncia: polizia corrotta e violenta
16/05/2005
Ai lavoratori di Shenzhen sottratti salari per 102 milioni di yuan
24/02/2009


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”