27/06/2022, 11.52
HONG KONG
Invia ad un amico

Con legge sulla sicurezza nazionale è fuga di cervelli da Hong Kong

Lasciano la città per mancanza di libertà accademica, e il timore di poter finire in carcere per le proprie attività di ricerca e insegnamento. Nel 2021 la popolazione di Hong Kong è diminuita di 23.600 unità. Sull’esodo incidono anche le draconiane norme per contrastare la diffusione del Covid-19.

Hong Kong (AsiaNews) – Dopo l’adozione due anni fa della legge sulla sicurezza nazionale voluta da Pechino, le università cittadine si trovano a fare i conti con una crescente fuga di cervelli. Il volano dell’esodo è la mancanza di libertà accademica e il timore di poter finire in carcere per le proprie attività di ricerca e insegnamento. Senza contare che gli atenei locali hanno licenziato molti professori non allineati o non hanno rinnovato loro il contratto.

Non ci sono ancora dati certi sul numero di docenti universitari che hanno abbandonato l’ex colonia britannica dall’estate 2020. Un calcolo indiretto lo fornisce Nikkei Asia, secondo cui nell’ultimo anno accademico la quota di professori universitari che vengono dalla Cina continentale è arrivata a quasi il 25% del totale, quando pochi anni fa era del 19,6. Nello stesso periodo la frazione di docenti stranieri è scesa al 28,5%

Il fenomeno della fuga dalla città è più vasto e riguarda soprattutto dissidenti e attivisti democratici, costretti a riparare all’estero per non finire in prigione. Secondo cifre del governo cittadino, nel 2021 la popolazione di Hong Kong è diminuita di 23.600 unità.

In un sondaggio pubblicato a inizio anno, la Camera di commercio Usa ha rivelato che il 42% degli stranieri presenti in città considerava la partenza, mentre il 26% delle imprese straniere valutava lo spostamento del proprio business in altri Paesi.

Sono tutti numeri che il presidente cinese Xi Jinping non fornirà il primo luglio, giorno in cui si celebreranno i 25 anni dal ritorno di Hong Kong sotto sovranità cinese dopo la parentesi coloniale britannica, e l’entrata in carica del nuovo capo dell’esecutivo cittadino John Lee. Non è ancora chiaro se Xi parteciperà dal vivo o in collegamento: si sa bene però che il leader cinese vuole solo accademici “patriottici” in città.

Oltre all’indebolimento delle tradizionali libertà riconosciute alla città per il suo ritorno in mano cinese nel 1997, analisti sostengono che anche le stringenti regole per la pandemia da Covid-19 hanno influito sulla migrazione di migliaia di suoi abitanti.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Hong Kong, appello accademici: No alla legge sulla sicurezza di Pechino
13/10/2020 14:37
Hong Kong, fino a tre anni di carcere per i 10 attivisti democratici detenuti a Shenzhen
30/12/2020 08:48
John Lee è il nuovo leader di Hong Kong: ‘eletto’ con il 99% dei voti
09/05/2022 11:37
Hong Kong: arrestati 4 organizzatori della veglia per il massacro di Tiananmen
08/09/2021 12:38
Hong Kong, espulsa reporter dell’Economist: nuovo colpo alla libertà di stampa
13/11/2021 09:20


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”