20/12/2021, 10.49
IRAQ
Invia ad un amico

Dalla Chiesa caldea una giornata di digiuno e preghiera per l’Iraq

L’iniziativa indetta dal patriarca Sako in programma domani si rivolge alle persone di “buona volontà”, cristiani e musulmani. L’invito a lavorare in modo “saggio” per la “pace e stabilità” e la costruzione “di un vero Stato democratico”. L’arcidiocesi di Baghdad distribuisce beni di prima necessità e una somma di denaro a mille famiglie bisognose. 

Baghdad (AsiaNews) - Il patriarcato caldeo ha indetto una giornata di digiuno e preghiera per l’Iraq, una nazione alla ricerca di un “nuovo equilibrio” e di un futuro di “sviluppo e sicurezza” dopo le violenze post invasione Usa e la follia jihadista dello Stato islamico (SI, ex Isis). A promuovere l’iniziativa in programma domani, 21 dicembre, è lo stesso primate, il card. Louis Raphael Sako, che si rivolge alla comunità cristiana e a tutte le persone che hanno a cuore il bene della nazione, musulmani compresi. 

Nel messaggio, il porporato sottolinea che attraverso la preghiera e l’iniziativa di persone di “buona volontà” si cerca di “alleviare la crisi” lasciata dalle elezioni parlamentari e accelerare sulla “formazione di un governo nazionale”. L’obiettivo, aggiunge, è quello di lavorare in modo “saggio” per costruire un “vero stato democratico” e raggiungere “la pace e la stabilità”. Un impegno duplice, conclude la nota patriarcale, in questo periodo in cui i cristiani “stanno per celebrare la nascita di Cristo, messaggero di pace e amore”. 

Ai primi di novembre aveva destato particolare preoccupazione l’attentato al primo ministro iracheno Mustafa al-Kadhimi, rimasto illeso durante un attacco lanciato con droni alla sua abitazione. Analisti ed esperti avevano legato l’operazione alla recente tornata elettorale, contestata da una parte dello schieramento politico, in particolare dai movimenti sciiti filo-iraniani usciti sconfitti dalle urne. La crescente tensione aveva già fatto risuonare più di un campanello d’allarme fra i vescovi caldei, i quali avevano invocato a più riprese un governo forte per frenare la deriva violenta e una situazione di caos che farebbe precipitare il Paese nel baratro.

Nel lanciare la giornata pre-natalizia di digiuno e preghiera, la Chiesa caldea e l’arcidiocesi di Baghdad hanno promosso al contempo una distribuzione di aiuti per mille famiglie bisognose della capitale. Una iniziativa voluta con forza dallo stesso patriarca Sako, in collaborazione con gli attivisti di Caritas Iraq. Alle famiglie bisognose i leader cristiani hanno distribuito un cesto alimentare contenente beni di prima necessità e redistribuito i proventi di una raccolta fondi per l’acquisto di prodotti essenziali che ha portato a raccogliere 20 milioni di dinari iracheni (poco più di 12mila euro complessivi). 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Cristiani irakeni: il 'digiuno di Giona' contro la pandemia
20/01/2021 10:58
Patriarca di Baghdad: Un anno dopo la presa di Ninive, preghiamo per la pace
01/08/2015
Presidente e nuovo Patriarca: timori e speranze, nel Natale dei cristiani irakeni
20/12/2012
Patriarca caldeo al clero: oltre il Covid-19, uniti a Dio e vicini alla gente
11/07/2020 08:00
Patriarca Sako: La fiamma della speranza illumini il Natale dei cristiani irakeni
09/12/2013


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”