16/02/2022, 10.58
BANGLADESH
Invia ad un amico

Dhaka, minoranze religiose chiedono rappresentanza nella Commissione elettorale

di Sumon Corraya

Appello del maggiore forum interreligioso per i diritti di cristiani, buddhisti e indù del Bangladesh sulla composizione dell'organismo che vigilerà sulla campagna elettorale del prossimo anno. Il presidente Nirmol Rozario: "La stagione del voto vede aumentare i rischi. E spesso chi perde incolpa le minoranze". 

Dhaka (AsiaNews) - Il Consiglio per l'unità tra cristiani buddisti e indù del Bangladesh (Bhbcuc), il maggiore forum interreligioso del Paese, ha richiesto che le comunità minoritarie siano rappresentate nella nuova Commissione elettorale che si sta formando in vista delle elezioni politiche generali del prossimo anno. 

Il presidente del Bhbcuc, il cattolico Nimol Rozario, che è anche presidente dell'Associazione cristiana del Bangladesh, spiega ad AsiaNews:  "In questo Paese, le minoranze religiose ed etniche costituiscono almeno il 12% della popolazione. Per questo, noi chiediamo al comitato e al presidente del Bangladesh Abudl Hamid che questi gruppi siano rappresentati per poter sostenere la propria condizione." 

Secondo Rozario l'esperienza delle precedenti elezioni dice che durante il voto i rischi per le minoranze aumentano: "Se un partito viene sconfitto, spesso i suoi sostenitori accusano le minoranze di non averlo votato e divengono vittima di ritorsioni". 

La precedente commissione elettorale, istituita nel 2017, aveva inoltre fissato le date di alcune elezioni durante le festività religiose delle minoranze, non curandosi dell’opinione di queste comunità, costrette ad interrompere le celebrazioni dei riti. Un incidente spiacevole - nota il presidente - che non sarebbe successo se nella commissione cristiani, buddhisti e indù fossero stati rappresentati.

Il 5 febbraio il governo del Bangladesh ha costituito un comitato di ricerca di sei membri, guidato da un giudice della Corte Suprema, Obaidul Hasan, per suggerire oltre 300 nomi di partiti politici, organizzazioni e singoli, da considerare per la Commissione elettorale. Il mandato dell'ultima Commissione elettorale è terminato il 14 febbraio.

Durante tutte le campagne elettorali, gruppi estremisti legittimati dalla legge hanno incitato all'odio contro le minoranze, associandole a un particolare partito politico. Particolarmente gravi furono questi incidenti nel 2001, quando con il Bnp-Jamat al potere, minoranze, per lo più indù furono oggetto di violenza, con persone uccise, donne violentate e beni saccheggiati solo perché avevano votato per l'Awami League.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Indù, buddisti e cristiani: 'No all'islam religione di Stato'
10/06/2021 13:14
L'incontro buddhista-cristiano: sfida e promessa
28/10/2003
Slittano di due giorni le elezioni politiche
07/12/2006
Bangladesh: si dimette il capo della Commissione elettorale
23/11/2006
Jakarta, arrestato per corruzione il presidente della Commissione elettorale
21/05/2005


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”