05/09/2022, 11.59
TAIWAN-VATICANO
Invia ad un amico

Ex vice presidente Chen incontra il papa e gli chiede di pregare per Taiwan

Il colloquio è avvenuto poco prima della cerimonia di beatificazione di Giovanni Paolo I. Il pontefice ha risposto di essere impaziente di poter pregare insieme per la pace nel mondo. Taipei preoccupata dalle manovre diplomatiche della Cina verso la Sante Sede. È morto l’arcivescovo emerito di Taipei, mons. Joseph Cheng Tsai-fa.

Roma (AsiaNews) – Ha chiesto a papa Francesco di “pregare per Taiwan”. Lo ha rivelato con un post su Facebook l’ex vice presidente taiwanese Chen Chien-jen, inviato speciale della presidente Tsai Ing-wen alla cerimonia di beatificazione di Giovanni Paolo I, che si è svolta ieri in Vaticano.

Un devoto cattolico, Chen è membro ordinario della Pontificia accademia delle scienze. Ha dichiarato di essere stato ricevuto “in modo speciale” dal pontefice prima della funzione. Il rappresentante taiwanese ha portato al papa i saluti della presidente Tsai. Francesco ha risposto di essere impaziente di poter pregare insieme per la pace nel mondo.

Arrivato il 3 settembre per una visita di nove giorni, Chen ha sottolineato che la sua è un'iniziativa diplomatica per mostrare al mondo i valori democratici del proprio Paese. L’ufficio della presidenza taiwanese ha spiegato che il viaggio dell’ex vice presidente dimostra la stretta amicizia tra Taipei e il Vaticano.

La Santa sede è uno dei 14 Stati che hanno rapporti diplomatici formali con Taiwan, boicottata a livello internazionale dalla Cina perché considerata una provincia “ribelle” da riunificare anche con la forza se necessario. Dai primi di agosto, all’indomani della visita a Taipei della speaker della Camera Usa dei rappresentanti Nancy Pelosi, Pechino ha lanciato ripetute esercitazioni e operazioni militari attorno a Taiwan.

Negli ultimi anni Taipei ha perso diversi alleati diplomatici che hanno deciso di riconoscere la Cina comunista. Per questo l’amministrazione Tsai osserva con attenzione le mosse del Vaticano. In luglio papa Francesco ha auspicato che il controverso accordo sino-vaticano sulla nomina dei vescovi sia rinnovato il prossimo ottobre, per quanto egli abbia ribadito che l’intesa non sia “ideale”.

Nel frattempo la comunità cattolica di Taiwan piange la scomparsa di mons. Joseph Cheng Tsai-fa. L’arcivescovo emerito di Taipei è morto il 2 settembre all’età di 90 anni. Prima del suo servizio pastorale nell’arcidiocesi della capitale taiwanese tra il 2004 e il 2007, egli era stato vescovo di Tainan e amministratore apostolico di Kinmen e Matsu.

 

(Foto, Ambasciata Taiwan presso la Santa Sede)

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
L’Ostpolitik di oggi e la Chiesa ‘in uscita’ (III)
21/02/2018 08:46
Le critiche all’Ostpolitik, la persecuzione e il dissenso (II)
20/02/2018 08:51
Vecchia e nuova Ostpolitik della Santa Sede (I)
19/02/2018 08:34
Covid e commercio: Asunción resiste al ‘ricatto’ cinese e rimane con Taipei
07/05/2021 12:39
Offensiva diplomatica di Taipei offusca il tour europeo dell’inviato cinese Wang Yi
30/10/2021 11:23


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”