13/01/2012, 00.00
ISRAELE - PALESTINA
Invia ad un amico

Il “razzismo” della Corte suprema israeliana

di Joshua Lapide
Palestinesi che si sposano con un israeliano non possono godere della cittadinanza. Per i conservatori questo salva Israele dal “suicidio demografico”, ma per attivisti e liberali la decisione della corte è una discesa “verso l’apartheid”.
Gerusalemme (AsiaNews) – Gruppi per i diritti umani e blogger danno pesanti giudizi di “razzismo” e di incostituzionalità alla decisione della Corte suprema israeliana di vietare la cittadinanza israeliana a palestinesi che sposano un/una israeliana.

La sentenza della Corte, che conferma una legge del 2003, è stata diffusa nella serata dell’11 gennaio ed è passata per 6 voti contro 5. Uno dei giudici a favore, Asher Grunis ha difeso la scelta dicendo che “i diritti umani non prescrivono il suicidio nazionale”.

La legge era passata in origine come legge di emergenza e vietava a palestinesi sposati con partner israeliano di ricevere la cittadinanza e la residenza permanente nello Stato. I motivi erano dettati dalla sicurezza: in quel periodo vi erano stati attacchi terroristi compiuti da palestinesi entrati in Israele,provenienti dai Territori occupati e aiutati nel loro compito da palestinesi israeliani.

La legge ha continuato ad essere applicata con qualche emendamento: nel 2005, per esempio, si è dato il permesso a donne sopra i 25 anni e uomini sopra i 35 anni di risiedere in modo temporaneo in Israele, ma sempre escludendo l’acquisizione della cittadinanza.

Nel 2007 il divieto è stato ampliato per abbracciare anche persone che provengono da Iran, Iraq, Siria e Libano. In seguito si è cercato di fare qualche eccezione, visto che molto raramente spose palestinesi sono divenute terroriste. Lo scorso anno sono state approvate 33 eccezioni su oltre 3mila richieste.

Attivisti per i diritti umani accusano come “razzista” questa legge perché in pratica costringerebbe qualunque israeliano di origine palestinese a dover emigrare in caso egli voglia sposare una palestinese dei Territori o di Gaza, o a dover vivere lontano dalla sua sposa.

Secondo i politici conservatori, la legge salva gli israeliani dal “suicido demografico”: se si concede alle donne palestinesi di diventare cittadine israeliane, in poco tempo l’equilibrio fra le due comunità verrebbe squilibrato a favore dell’etnia palestinese.

La legge è comunque molto controversa. Lo stesso presidente della Corte suprema, Dorit Beinisch, contrario alla legge, afferma che la libertà di sposarsi e il diritto di una famiglia è alla base dei principi democratici.

Un editoriale di Haaretz pubblicato oggi ricorda che nel 2006 la stessa legge venne considerata “incostituzionale”, con un voto della Corte suprema di 6 a 5. Oggi, con la stessa votazione (6 a 5) essa viene considerata “costituzionale. Secondo il giornale, questa legge mette lo Stato di Israele “sulla china dell’apartheid”.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Esperti Onu contro il piano di annessione di Israele: ‘Apartheid del 21mo secolo’
17/06/2020 09:08
La Corte suprema boccia la legge sulle colonie. Rabbì Milgrom: ‘ristabilita giustizia’
11/06/2020 12:56
La Knesset approva legge sul controllo delle ong. Prese di mira quelle che criticano l'occupazione nei Territori palestinesi
09/02/2016 08:58
Onu, ambasciatore palestinese: decine di sfollati per le demolizioni di Israele
30/06/2021 08:58
BTselem: demolizioni case palestinesi ‘disumane’, comunità internazionale distratta
06/11/2020 14:08


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”