04/07/2016, 10.55
VATICANO
Invia ad un amico

Il Vaticano chiede a governi e vescovi maggiore attenzione per chi lavora in mare

Messaggio del Pontificio consiglio per i migranti e gli itineranti per la Domenica del mare 2016, che sarà celebrata domenica prossima, 10  luglio, per “ricordare a tutte le comunità cristiane e ad ogni individuo quanto la professione del marittimo e l’industria marittima siano essenziali per la nostra vita quotidiana”.

Città del Vaticano (AsiaNews) – Le difficoltà della vita di coloro che lavorano in mare, l’essenzialità dell’industria marittima per la vita quotidiana di tutti e un appello ai vescovi, in particolare delle diocesi marittime, perché istituiscano e sostengano l’apostolato marittimo sono i punti centrali del messaggio pubblicato oggi dal Pontificio consiglio per i migranti e gli itineranti per la Domenica del mare 2016, che sarà celebrata domenica prossima, 10  luglio.

Il documento sottolinea che “quasi 1.200.000 marittimi di tutte le nazionalità (in gran parte provenienti dai Paesi in via di sviluppo) trasportano, a bordo di 50.000 navi mercantili, circa il 90% di ogni tipo di merci. Le implacabili forze dei mari e degli oceani espongono le navi a rischi considerevoli, ma sono i marittimi a ‘rischiare’ sotto molteplice aspetti. La loro integrità fisica è minacciata perché, oltre ai pericoli delle forze della natura, alla pirateria e alle rapine a mano armata, il fatto di passare da una regione all’altra, di cambiare e doversi adattare costantemente a nuove situazioni, continua a rappresentare una rischio considerevole per la sicurezza degli equipaggi. Il loro benessere psicologico è minacciato quando, dopo essere stati in mare per giorni e settimane, viene negato loro il diritto di scendere a terra e impedito di lasciare la nave. La vita familiare dei marittimi è in pericolo perché i loro contratti li costringono ad essere lontani dalla famiglia e dagli amici per diversi mesi e, spesso, per anni di fila. I figli crescono senza una figura paterna mentre tutte le responsabilità familiari ricadono sulle spalle della madre”.

In tale quadro, il Pontificio consiglio si rivolge “ai Governi e alle autorità marittime competenti affinché rafforzino l’applicazione della Convenzione sul Lavoro Marittimo dell’OIL (MLC) 2006, in particolare la Regola 4.4 il cui obiettivo è ‘garantire che i marittimi in servizio a bordo di una nave abbiano accesso a strutture e servizi a terra per salvaguardare il loro stato di salute e benessere’”.

“Infine, in occasione della celebrazione annuale della Domenica del Mare, vogliamo ricordare a tutte le comunità cristiane e ad ogni individuo quanto la professione del marittimo e l’industria marittima siano essenziali per la nostra vita quotidiana. Facciamo appello ai vescovi, in particolare delle diocesi marittime, affinché istituiscano e sostengano l’apostolato marittimo in quanto ‘segno visibile della sollecitudine verso quanti non possono ricevere una cura pastorale ordinaria’”.

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Nuovo dicastero per Laici, famiglia e Vita. I vescovi potranno essere rimossi se “negligenti” nei casi di abusi sessuali
04/06/2016 13:04
Messaggio del Vaticano per la festa del Buddha (Vesakh): insieme sulla via della non violenza
22/04/2017 12:44
Cristiani e indù insieme per nutrire una cultura che promuova l'ecologia umana
06/11/2015
Il Nepal blinda il compleanno del Buddha per impedire le proteste dei tibetani
10/05/2017 10:55
India, cattolici e indù "lavorino insieme contro la globalizzazione dell'indifferenza"
21/10/2014


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”