04/02/2022, 13.25
SIRIA-TURCHIA
Invia ad un amico

Il raid contro al-Qurayshi e la lotta tra fazioni islamiste intorno a Idlib

di Marta Ottaviani

L'operazione Usa che ha portato all'uccisione del successore di al-Baghdadi ha potuto contare su informazioni dettagliate in loco. La collaborazione di Ankara, ma anche di altri gruppi jihadisti che avevano interesse a eliminarlo. Giornalista siriano esperto dell’area: "I salafiti di Hayat Tahrir al-Sham potrebbero aver fornito informazioni ma non lo ammetteranno mai". Il prezzo di queste lotte pagato dalle popolazioni civili.

Milano (AsiaNews) - Una guerra fra bande nel Nord della Siria, un presidente americano che deve riguadagnare terreno e un alleato inaffidabile che, per una volta tanto, potrebbe essersi dimostrato pronto a collaborare. Sono questi i principali fattori che hanno portato alla morte di Abu Ibrahim al-Hashimi al-Qurayshi, il successore di al-Baghdadi alla guida di quel che resta dello Stato Islamico e che, secondo l’ultima versione rilasciata dall’amministrazione americana, si è fatto esplodere con la sua famiglia, uccidendo anche la moglie e i due figli, prima che le forze speciali americane riuscissero a penetrare nel suo nascondiglio, dal quale non usciva mai. Il terrorista è considerato il responsabile del genocidio degli yazidi nel 2014, ma, ricordiamolo, anche dell’assalto alla prigione di Ghwayran ad Hasaka, gestita dai curdi e che aveva come compito quello di liberare alcuni capi dell’Isis che vi erano rinchiusi.

A differenza di al-Baghdadi, al-Qurayshi è stato un leader che ha tenuto un profilo estremamente basso. Uomo riservato, non è mai apparso in pubblico e non usciva di casa se non per andare sul tetto della palazzina dove abitava, poco lontano dalla cittadina di Atmet, incastrata fra il confine della provincia di Aleppo con quella di Idlib, oltre che a pochi chilometri dalla frontiera turca. L’operazione americana, a detta del portavoce del Pentagono, John Kirby, sarebbe stata il più circoscritta possibile e non sono stati eseguiti raid aerei per limitare al massimo la possibilità coinvolgere civili. I 50 militari delle forze speciali sarebbero anche riusciti a fare evacuare 12 persone dall’edificio, prima che il leader dell’Isis si facesse esplodere.

Un successo che l’amministrazione Biden ha sottolineato immediatamente e del quale aveva in qualche modo bisogno. Il presidente americano è ancora nell’occhio del ciclone per il ritiro dall’Afghanistan. Rimane da capire come questa operazione possa essere stata possibile.

La zona di Idlib è controllata soprattutto dal Free Syrian Army protetto dalla Turchia, nella quale però, secondo gli osservatori internazionali, si annidano anche elementi riconducibili a gruppi islamici. Fuori da Idlib, è la guerra fra bande. C’è Al-Qaida, che qui ha molte basi operative, c’è l’Isis e ci sono anche altri gruppi jihadisti, nemici di Daesh, ma altrettanto pericolosi.

Potrebbe essere stato uno di questi attori a dare informazioni agli americani, posto che, quasi sicuramente, c’è stato anche un coordinamento con Ankara per necessità logistiche.

«È ancora difficile capire chi possa avere passato le informazioni agli americani – spiega ad AsiaNews Sultan Alkani, giornalista siriano esperto dell’area -. Teniamo presente però che gli Stati Uniti avevano informazioni molto dettagliate che potevano venire solo dalla regione di Idlib». Nessuna certezza, quindi, ma un possibile attore chiave: Hayat Tahrir al-Sham, organizzazione militare salafita.

«Non possiamo avere la certezza che siano stati loro - continua Alkani -. Ma è indubbio che l’eliminazione di Isis sarebbe tutto nell’interesse di Hayat Tahrir al-Sham e che sono fra i pochissimi ad avere una conoscenza capillare di quel territorio. Se sono stati loro, comunque si verrà a sapere difficilmente. Il passaggio di una informazione del genere alla coalizione provocherebbe loro seri imbarazzi davanti ai loro seguaci».

L’eliminazione di Abu Ibrahim al-Hashimi al-Qurayshi fa comodo anche alla Turchia, perché è avvenuta fuori dalle aree di suo stretto controllo, ma le tensioni fra i vari gruppi della zona stanno mettendo a dura prova il Free Syrian Army, fiancheggiato proprio da Ankara. Il peso di tutta questa situazione, è pagato dalla popolazione civile che, oltre a trovarsi in mezzo a questa lotta fra fazioni, paga anche le ricadute della svalutazione della lira turca, adottata come moneta parallela ormai da due anni, e da condizioni di vita sempre più difficili.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Hama: uccisi quattro bambini in un bombardamento
09/08/2021 08:58
Parla il capo della nuova coalizione jihadista: No ai dialoghi di Astana, sì alla Siria una ed islamica (Video)
10/02/2017 15:22
Siria, Washington si prepara ad armare i ribelli
24/07/2013
Vicario di Aleppo: Lotta all’Isis, pretesto usato da Turchia e Usa per arginare Damasco
17/01/2019 12:13
Al Baghdadi: L’islam è una religione della guerra. P. Samir: Un messaggio molto astuto
15/05/2015


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”