12/01/2015, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

India, aumenta la violenza religiosa: colpite due comunità cristiane

di Nirmala Carvalho
Nello stesso giorno, gruppi radicali indù hanno aggredito una comunità protestante in Bihar e alcuni pentecostali in Karnataka. Presidente del Global Council of Indian Christians: "Senza le briglie della legge, gli estremisti si sentono incoraggiati ad attaccare i cristiani".

Mumbai (AsiaNews) - "Nell'India laica, la libertà di culto per i cristiani si sta deteriorando. Due attacchi nello stesso giorno, in due Stati diversi del Paese, sono la prova che i gruppi estremisti senza le briglie della legge, si sentono incoraggiati ad attaccare i cristiani". È quanto denuncia ad AsiaNews Sajan K. George, presidente del Global Council of Indian Christians (Gcic), dopo che ieri una comunità protestante e una pentecostale sono state vittime di aggressioni da parte di gruppi radicali indù.

Un episodio è avvenuto a Madhav Nagar (Stato del Bihar). "Militanti della sezione locale del Bajrang Dal - racconta Sajan George - hanno interrotto un servizio di preghiera, a cui stavano partecipando circa 50 cristiani. Il rev. Kamlesh, che guida la comunità da quasi sei anni, è stato strattonato e accusato di praticare conversioni forzate. Alcuni dei fedeli presenti sono stati picchiati. I radicali hanno anche danneggiato strumenti musicali e parte del mobilio".

Secondo la polizia, i militanti del Bajrang Dal hanno aggredito la comunità perché il pastore "attirava con lusinghe" gli indù poveri, per spingerli a convertirsi. Tuttavia, spiega un agente, "non abbiamo trovato prove di queste accuse. I cristiani si recano lì ogni settimana per pregare e per socializzare gli uni con gli altri".

Il secondo episodio è avvenuto a Kushulanagar (Stato del Karnataka). Come accade da 15 anni, il rev. KJ Mathai, della Chiesa pentecostale Gospel in Action Fellowship, stava celebrando il servizio domenicale, insieme a una trentina di fedeli. All'improvviso, una jeep della polizia ha fatto irruzione. Gli agenti hanno spiegato che qualcuno aveva denunciato la comunità di "conversioni forzate".

Dopo aver atteso la fine del servizio, le forze dell'ordine hanno scortato il pastore e alcuni fedeli in commissariato. Lì sono stati interrogati per diverse ore; intanto, all'esterno, un gran numero di estremisti indù manifestava contro i cristiani. Alla fine il leader religioso è stato rilasciato, ma la polizia gli ha suggerito di "essere cauto" nel continuare a condurre i suoi servizi di preghiera.

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Cristiani nepalesi ancora bersaglio degli estremisti indù
30/11/2011
Nepal, leader musulmano ucciso a colpi di pistola all’uscita dalla moschea
26/09/2011
India, "malvagi e pericolosi" i nuovi attacchi contro due chiese cattoliche
23/03/2015
Orissa: Cristiani e indù, Dalit e tribali di Kandhamal in marcia per la pace
29/07/2010
Vicario del Nepal: La nuova Costituzione mette a rischio la libertà di coscienza
01/10/2015


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”