18/08/2018, 10.29
INDONESIA
Invia ad un amico

Jakarta e Palembang, al via i 18mi Giochi Asiatici

di Mathias Hariyadi

Il presidente indonesiano Joko Widodo officerà oggi la cerimonia di apertura presso il Gelora Bung Karno Stadium, alla presenza di oltre 35mila spettatori. I preparativi e le opere di ammodernamento degli impianti hanno richiesto 16 mesi di lavori ed una spesa di circa 461milioni di euro. Gli arcivescovi delle due città invitano i cattolici a mostrare forte sostegno verso la manifestazione sportiva: “Saremo padroni di casa esemplari”. La collaborazione fra le due Coree.

Jakarta (AsiaNews) – Si apre oggi la 18ma edizione dei Giochi Asiatici, in programma a Jakarta e Palembang (provincia di South Sumatera) tra il 18 agosto ed il 2 settembre. Provenienti da 45 Paesi, 11 mila atleti competeranno in 40 discipline diverse, cui per la prima volta nella storia dell’evento si aggiungono esibizioni negli sport elettronici e canoa polo.

Questa sera, il presidente indonesiano Joko “Jokowi” Widodo (foto 1) officerà la cerimonia di apertura presso il Gelora Bung Karno Stadium, nel cuore della capitale, alla presenza di oltre 35mila spettatori. Anies Baswedan, governatore di Jakarta, dichiara che “la città è pronta ad ospitare l’evento”. Basuki Hadimuljono, ministro delle Infrastrutture e dell’edilizia abitativa, afferma che i preparativi e le opere di ammodernamento degli impianti sportivi hanno richiesto 16 mesi di lavori ed una spesa di circa 7mila miliardi di rupie (461milioni di euro).

Il gen. Tito Karnavian, a capo della polizia nazionale, comunica che la sicurezza dei partecipanti alla ai Giochi Asiatici sarà garantita da 8mila agenti, coadiuvati dal personale dell’esercito. Per agevolare gli spostamenti di atleti e funzionari, le autorità cittadine hanno chiuso al traffico diverse arterie e disposto la sospensione delle lezioni per decine di scuole.

Anche la Chiesa cattolica indonesiana è pronta a dare il suo contributo. Mons. Ignatius Suharyo Hardjoatmodjo (foto 2) e mons. Aloysius Sudarso, arcivescovi di Jakarta e Palembang, invitano i cattolici a mostrare forte sostegno verso la manifestazione sportiva. Lo scorso maggio a Palembang, migliaia di fedeli hanno preso parte alla presentazione dell’evento con il governatore provinciale Alex Noerdin. Tra loro vi era anche mons. Sudarso, insieme a decine di sacerdoti, suore, religiosi ed importanti figure cattoliche locali. L’arcivescovo ha ribadito che la comunità “sarà un’esemplare padrona di casa”.

I sacerdoti con padronanza delle lingue straniere hanno dichiarato di essere pronti a celebrare messa in inglese in alcune chiese della città. I Giochi Asiatici sono evento multiculturale seguito da persone appartenenti a diversi contesti religiosi. “Ci auguriamo che questo sia il momento giusto per trasmettere un messaggio di unità”, afferma mons. Sudarso.

Questa edizione dei Giochi Asiatici rappresenta anche un’occasione per rafforzare i dialoghi tra la Corea del Sud e la Corea del Nord. Nella cerimonia di apertura, gli atleti dei due Paesi sfileranno insieme sotto bandiera dell'unificazione coreana; nei prossimi giorni, essi parteciperanno con squadre congiunte anche a tre competizioni: dragon boat, basket femminile e canottaggio. Nelle scorse settimane, era circolata l’ipotesi di un incontro tra il presidente sudcoreano Moon Jae-in ed il leader del Nord Kim Jong-un. I due non sono attesi a Jakarta, tuttavia si incontreranno a Pyongyang il prossimo mese.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Jakarta, maestosa cerimonia d’apertura ai Giochi Asiatici (Foto e Video)
20/08/2018 11:07
Arcivescovo di Jakarta: ’Gli Asian Games siano occasione di unità per tutta l’Asia‘
03/08/2018 11:06
Jakarta, cala il sipario sui Giochi Asiatici. Ha vinto Widodo
03/09/2018 11:26
Sacerdote ad Ashgabat: I Giochi asiatici, occasione di preghiera e incontro fra i popoli
22/09/2017 12:08
Ashgabat, al via i Giochi asiatici Indoor e di Arti marziali
18/09/2017 14:28


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”