02/08/2014, 00.00
CINA
Invia ad un amico

Jiangsu, esplosione in fabbrica: almeno 65 vittime, centinaia di feriti

Lo scoppio sarebbe stato provocato dal contatto fra la polvere fine di metallo e alcune fiamme libere. La Zhongrong Plating Company di Kunshan (a 50 chilometri da Shanghai) produce componenti per autovetture: fra i suoi clienti anche la General Motors. Gli ospedali chiedono l'aiuto delle altre strutture sanitarie e invitano la popolazione a donare sangue.

Shanghai (AsiaNews/Agenzie) - L'esplosione all'interno di una fabbrica di componenti di automobili nella provincia orientale del Jiangsu ha ucciso questa mattina 65 persone. Almeno 150 i feriti, di cui "decine" in condizioni gravi. Le cause del disastro, uno dei peggiori avvenuti in Cina quest'anno, sono ancora ignote: secondo alcuni, esso sarebbe stato provocato dal contatto fra la polvere fine di metallo e alcune fiamme libere. I soccorritori sono sulla scena, mentre gli ospedali locali chiedono aiuto alle strutture maggiori della vicina Shanghai.

Lo scoppio è avvenuto alle 7.37 del mattino (ora locale) all'interno della Zhongrong Plating Company di Kunshan, cittadina industriale che si trova nella parte meridionale della provincia (a circa 50 chilometri a ovest di Shanghai). La zona è sigillata dalle autorità, ma le immagini mandate in onda dalla China Central Television mostrano enormi colonne di fumo nero che si alzano dalla struttura danneggiata. Un testimone scrive su Sina Weibo: "L'area è un disastro, è incredibile".

Lo staff medico di Kunshan ha confermato il ricovero di "più di 100 persone", che presentano ustioni di varia entità e infezioni respiratorie causate dall'inalazione del fumo tossico. I soccorritori stanno cercando di limitare i danni, mentre le autorità ancora non sono in grado di verificare il numero delle vittime. Gli ospedali di Kunshan e Suzhou hanno chiesto l'aiuto di quelli di Shanghai, e hanno invitato i residenti a donare sangue.

I dirigenti della Zhongrong Plating non hanno ancora commentato l'accaduto. La fabbrica dà lavoro a più di 450 operai, e conta fra i suoi clienti diverse compagnie automobilistiche degli Stati Uniti fra cui la General Motors. 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Jiangsu, l'esplosione in fabbrica "figlia dell'avidità degli industriali"
04/08/2014
Il disastro di Tianjin, una congiura per rovesciare Xi Jinping
09/09/2015
La Cina batte gli Usa: primo mercato automobilistico al mondo
24/11/2009
Cina, Stati Uniti, Ue: si profila una guerra di dazi
03/04/2006
I cinesi sognano studi negli Stati Uniti e auto giapponesi
24/09/2005


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”