23/03/2019, 10.19
IRAN
Invia ad un amico

L’Iran mette al bando i calciatori tatuati: esclusi dalle rappresentative nazionali

Su direttiva del Comitato etico, la Federcalcio iraniana dichiara guerra ai giocatori con immagini sul corpo. Nella Repubblica islamica gli sportivi sono un modello, soprattutto per i giovani. Per la leadership religiosa conservatrice sono simbolo di una “occidentalizzazione” e parte di una “invasione culturale”. La storia di Ashkan Dejagah. 

Teheran (AsiaNews) - La Federazione calcistica iraniana dichiara guerra ai giocatori tatuati che, d’ora in poi, non troveranno più spazio all’interno delle rappresentative nazionali. È quanto emerge da alcune fonti della stampa locale, secondo cui il Comitato etico della federcalcio della Repubblica islamica ha ricevuto l’ordine dalle massime sfere politico-religiose del Paese di non convocare più atleti con il corpo ricoperto di disegni e colori. 

Secondo quanto riferisce il Teheran Times, la Federcalcio “deve impedire la presenza di calciatori con tatuaggi in squadra”. Del resto il pallone è uno sport assai popolare nel Paese ed è presente su gran parte delle televisioni nazionali, con un vasto seguito in particolare nelle famiglie. Da qui la scelta delle autorità di rafforzare il controllo sulle partite e i giocatori. 

In Iran gli atleti di ogni disciplina, ma soprattutto fra gli sport maggiori come il calcio, la lotta o il sollevamento pesi, sono considerati dei modelli di comportamento e tocca a loro promuovere “valori e virtù” che siano conformi all’islam. Un esempio che deve valere in particolare per le giovani generazioni e i più piccoli. 

I media ufficiali e la leadership politico religiosa di stampo conservatore hanno sempre bollato i tatuaggi come simbolo di una “occidentalizzazione” e parte di una “invasione culturale” da ovest verso le società musulmane. “Sono contro la cultura iraniana - ha tuonato un ayatollah - e sono dannosi per la nostra società”. 

In passato i giocatori della nazionale - come buona parte dei loro colleghi in tutto il mondo, dall’argentino Leo Messi al difensore spagnolo Sergio Ramos all’italiano Daniele de Rossi - che avevano tatuaggi impressi sulle braccia entravano in campo con maglie lunghe sotto la casacca ufficiale, per coprire i disegni. E quanti avevano trasgredito all’ordine avevano subito un richiamo ufficiale da parte del Comitato etico. Due di loro sono Ashkan Dejagah e Sardar Azmoon, convocati per aver mostrato le immagini impresse sulle loro braccia durante alcune partite del team Melli (il soprannome della compagine nazionale). 

La scorsa estate Dejagah, iraniano classe 1986 con cittadinanza tedesca, che milita nelle file del Tractor Sazi FC (Persian Gulf Pro League), è finito nel mirino della commissione per aver pubblicato foto sul proprio profilo Instagram ritenute “poco decorose”. Ad aggravare la posizione del calciatore, già capitano della nazionale e votato come miglior centrocampista del Paese, altre immagini della moglie che non indossava il tradizionale hijab, il velo obbligatorio. 

Dal 2012 il calciatore ha vestito per 45 volte la maglia della nazionale iraniana - ex Wolfsburg, Fulham e Nottingham Forest - e in ogni match ha osservato con scrupolo la regola (non scritta) che prevede di coprire le braccia tatuate. Tuttavia, le foto pubblicate sui social sono bastate per scatenare le ire dei guardiani della morale della Repubblica islamica. 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Riyadh col Newcastle sfida Emirati e Qatar: il calcio per l’immagine globale
09/10/2021 08:00
Russia 2018: all’Asia il mondiale di affari e scommesse clandestine. Timori per attentati Isis
13/06/2018 12:18
Emirati: fra diplomazia, guerra e pallone al via la 17ma edizione della Coppa d’Asia
03/01/2019 11:40
Per formare nuovi campioni, il calcio diventa materia obbligatoria nelle scuole cinesi
29/11/2014
La tradizione centenaria dei tatuaggi in Terra Santa
22/04/2017 09:13


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”