02/07/2007, 00.00
NEPAL
Invia ad un amico

L’amore e la solidarietà cristiana verso gli altri affascinano molti buddisti

di Kalpit Parajuli
Un membro dell’Accademia nepalese per gli Studi buddisti parla del diffondersi del buddismo nel mondo occidentale e delle conversioni di buddisti al cristianesimo. Il ruolo di un corso di studi che approfondisce la dottrina buddista ma che ha pochi sbocchi lavorativi.

Kathmandu (AsiaNews) – L’amore e la solidarietà concreta l’uno verso l’altro, l’aiuto ai poveri e il perdono sono elementi del cristianesimo che affascinano molti buddisti e li inducono a convertirsi. E’ l’opinione di Naresh Man Bajracharya, capo del Dipartimento centrale per gli studi buddisti del Nepal.

Il dott. Bajracharya ritiene che, invece, la dottrina buddista è fondata solo sulla filosofia e la conoscenza e non ha l’impeto di generosità verso gli altri del cristianesimo. Ma osserva che nel Paese cresce anche il numero dei buddisti, dopo un periodo nel quale l’imperante secolarismo pubblico “ha alimentato pregiudizi contro i buddisti e li ha privati di diverse agevolazioni”. Spiega ad AsiaNews che in Nepal c’è ancora paura per l’attività del Shiva Sena (gruppo estremista indù) che viene dall’India per “difendere la monarchia”. “Ma se scoppierà un conflitto interreligioso – avverte – la responsabilità sarà stata del governo” che non è intervenuto per tempo.

Il buddismo ha una rapida crescente diffusione anche in Europa, America e altri Paesi, soprattutto “per l’influenza del Dalai Lama e della stessa dottrina buddista”.

L’Accademia del Nepal per gli studi buddisti, presso l’università Tribhuvan, è sorta da 8 anni, all’inizio come corso di un anno di specializzazione post laurea. Nel 2004 è stato istituito un corso master di due anni. L’hanno già frequentata 800 studenti. Ma molti studenti lamentano che non ha collegamenti con il mondo del lavoro e lo stesso Bajracharya ritiene che “i nostri sono solo studi accademici e non dobbiamo preoccuparci noi di cosa facciano poi gli studenti”. Comunque il numero degli iscritti è in aumento, anche perché aperta a chiunque abbia conseguito il bachelor (laurea di primo livello).

Rabindra Shakya si è specializzato in Studi buddisti e ora è ricercatore, spera di poter far meglio conoscere il buddismo, con la sua cultura, arte e storia. Un altro studente, Roshan Maharjan, non è invece soddisfatto degli studi, incentrati solo sul buddismo e che ritiene non abbiano grande utilità per il lavoro. Lamenta che la conoscenza della filosofia e della conoscenza buddiste non forniscano conoscenze pratiche.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Musulmana laureata all’università cattolica: il suo messaggio di pace è virale
05/06/2019 13:20
Una laurea per “nonna Hai”, che combatte per i poveri
10/03/2010
Da Lat, al via il secondo anno accademico dell’Istituto cattolico
12/09/2017 12:22
P. Daniele Mazza, primo missionario laureato in buddhismo e testimone del ‘Dialogo dell’amicizia’ (Foto)
23/05/2017 15:42
Il buddismo tibetano celebra i 900 anni del Karmapa Lama
06/12/2010


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”