31/07/2015, 00.00
ISRAELE - PALESTINA
Invia ad un amico

Nablus, coloni israeliani danno fuoco a una casa. Bambino palestinese bruciato vivo

di Joshua Lapide
La madre, il padre e il figlio più grande, di quattro anni, sono feriti, ma salvi. I coloni hanno lasciato dei graffiti inneggianti alla “Vendetta” e alla venuta del “Messia”. Per l’esercito israeliano si tratta di “terrorismo”. Finora nel 2015 vi sono stati 120 attacchi di coloni israeliani contro palestinesi nei Territori occupati e a Gerusalemme est. Molti coloni condividono una visione di ebraismo radicale che vuole “purificare” la terra di Israele anche uccidendo.

Gerusalemme (AsiaNews) – Un bambino palestinese di un anno e mezzo è stato bruciato vivo e tre suoi familiari sono feriti in modo grave dopo che ieri notte alcuni coloni israeliani hanno appiccato il fuoco alla loro casa nel villaggio di Duma, vicino a Nablus. Un’altra casa è stata bruciata, ma senza vittime. L’esercito israeliano ha definito l’attacco dei coloni un gesto di “terrorismo”.

Testimoni affermano che i coloni hanno lanciato bombe incendiarie nella casa e prima di fuggire hanno scritto dei graffiti sulle mura: “Vendetta” e “Viva il messia”. La casa ha preso fuoco subito.  Il padre Saad e la moglie Riham sono riusciti a salvare il figlio di quattro anni, Ahmad, ma non sono riusciti a salvare il piccolo di un anno e mezzo, Ali Saad Dawabsha,  che è morto quasi subito per ustioni. La madre e il padre e il loro figlio di quattro anni hanno anch’essi subito diverse ferite e sono ora ricoverati in un ospedale vicino.

Secondo un altro testimone, i coloni erano quattro e sono fuggiti verso il vicino insediamento israeliano di Malee Efrayim.

L’esercito israeliano ha confermato la morte del bambino palestinese e che i sospettati sono estremisti ebrei. Il portavoce dell’esercito, il col. Peter Lerner ha dichiarato che “questo attacco contro civili palestinesi è un barbaro atto di terrorismo”. Soldati israeliani sono nell’area nel tentativo di trovare i responsabili dell’uccisione.

Secondo l’ufficio Onu per gli affari umanitari, quest’anno finora vi sono stati almeno 120 attacchi di coloni israeliani contro palestinesi nella zona di Gerusalemme est e nella West Bank.

Almeno 500mila coloni israeliani sono presenti in insediamenti illegali nei territori occupati e a Gerusalemme est.  Diversi fra loro sostengono un ebraismo radicale secondo cui, in attesa del Messia, occorre “purificare” la terra d’Israele da tutte le presenze pagane, fra cui quelle palestinesi.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Un palestinese e un israeliano uccisi lo stesso giorno
01/12/2017 12:03
Arabi israeliani in sciopero contro la demolizione di case, chiuse scuole e attività commerciali
12/01/2017 08:52
La maggioranza dei palestinesi non crede a Israele, scettici sulla ripresa delle relazioni
26/11/2020 12:20
Il rabbino dei Territori occupati, amico dei palestinesi e contro il piano Usa
08/07/2020 11:04
Piano di annessione: i palestinesi sostengono l’Anp nella rottura con Israele
25/06/2020 09:39


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”