11/12/2005, 00.00
vaticano
Invia ad un amico

Papa: Maria e il presepio contro "l'inquinamento" commerciale del Natale

L'antica tradizione del presepio, un modo efficace di trasmettere la fede ai figli. Il Papa benedice tutti i "bambinelli" presentati dai ragazzi di Roma.

Città del Vaticano (AsiaNews) - Il Natale rischia un "inquinamento commerciale che rischia di alterarne l'autentico spirito, caratterizzato dal raccoglimento". Di fronte a questo pericolo Benedetto XVI ha proposto oggi all'Angelus due modi per focalizzarsi sul senso vero della festa imminente: lasciarsi "accompagnare da Maria" nella preghiera e nell'amore di Cristo; e seguire "la bella e consolidata tradizione" di costruire il presepe" in famiglia, come via per comunicare la fede ai figli, ma anche come "via di evangelizzazione" nella cultura popolare.

Negli ultimi decenni Natale, pur essendo una festa cristiana, è divenuta una delle feste internazionali attorno a cui girano grandi interessi economici. Ma la sua diffusione ha significato spesso la dimenticanza della sua origine cristiana e del suo significato anche fra i cristiani.

Per ciò che riguarda il presepio, dopo anni di dimenticanza – e talvolta di opposizione all'albero di Natale, considerato "pagano" - la rappresentazione della scena della Natività di Gesù con fondali e statuette si sta di nuovo diffondendo in Italia e nel mondo cristiano. Spesso questo revival è venato di nostalgia o di sentimentalismo. Il papa ricorda che il presepe aiuta "a capire il segreto del vero Natale, perché parla dell'umiltà e della bontà misericordiosa di Cristo, il quale 'da ricco che era, si è fatto povero' per noi". Come da tradizione, molti ragazzi e ragazze degli oratori e delle parrocchie di Roma, hanno portato le statuette del Bambinello in piazza san Pietro perché ricevano la benedizione del papa. Benedetto XVI ha detto che con questo gesto egli invoca "l'aiuto del Signore sulle famiglie cristiane" perché si preparino a celebrare con fede il Natale vicino.

Ecco il testo delle parole del papa prima dell'Angelus:

 

Cari fratelli e sorelle!

Dopo aver celebrato la solennità dell'Immacolata Concezione di Maria, entriamo in questi giorni nel clima suggestivo della preparazione prossima al Santo Natale. Nell'odierna società dei consumi, questo periodo subisce purtroppo una sorta di "inquinamento" commerciale, che rischia di alterarne l'autentico spirito, caratterizzato dal raccoglimento, dalla sobrietà, da una gioia non esteriore ma intima. E' dunque provvidenziale che, quasi come una porta d'ingresso al Natale, vi sia la festa di Colei che è la Madre di Gesù, e che meglio di chiunque altro può guidarci a conoscere, amare, adorare il Figlio di Dio fatto uomo. Lasciamo dunque che sia Lei ad accompagnarci; siano i suoi sentimenti ad animarci, perché ci predisponiamo con sincerità di cuore e apertura di spirito a riconoscere nel Bambino di Betlemme il Figlio di Dio venuto sulla terra per la nostra redenzione. Camminiamo insieme a Lei nella preghiera, e accogliamo il ripetuto invito che la liturgia dell'Avvento ci rivolge a restare nell'attesa, un'attesa vigilante e gioiosa perché il Signore non tarderà: Egli viene a liberare il suo popolo dal peccato.

In tante famiglie, seguendo una bella e consolidata tradizione, subito dopo la festa dell'Immacolata si inizia ad allestire il Presepe, quasi per rivivere insieme a Maria quei giorni pieni di trepidazione che precedettero la nascita di Gesù. Costruire il Presepe in casa può rivelarsi un modo semplice, ma efficace di presentare la fede per trasmetterla ai propri figli. Il Presepe ci aiuta a contemplare il mistero dell'amore di Dio che si è rivelato nella povertà e nella semplicità della grotta di Betlemme. San Francesco d'Assisi fu così preso dal mistero dell'Incarnazione che volle riproporlo a Greccio nel Presepe vivente, divenendo il tal modo iniziatore di una lunga tradizione popolare che ancor oggi conserva il suo valore per l'evangelizzazione. Il Presepe può infatti aiutarci a capire il segreto del vero Natale, perché parla dell'umiltà e della bontà misericordiosa di Cristo, il quale "da ricco che era, si è fatto povero" (2 Cor 8,9) per noi. La sua povertà arricchisce chi la abbraccia e il Natale reca gioia e pace a coloro che, come i pastori a Betlemme, accolgono le parole dell'angelo: "Questo per voi il segno: un bambino avvolto in fasce, che giace in una mangiatoia" (Lc 2,12). Questo rimane il segno, anche per noi, uomini e donne del Duemila. Non c'è altro Natale.

Come faceva l'amato Giovanni Paolo II, tra poco anch'io benedirò i Bambinelli che i ragazzi di Roma collocheranno nel Presepe delle loro case. Con questo gesto vorrei invocare l'aiuto del Signore perché tutte le famiglie cristiane si preparino a celebrare con fede le prossime feste natalizie. Ci aiuti Maria ad entrare nel vero spirito del Natale.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa: cresca nei cristiani la coscienza di essere tutti missionari
05/05/2007
Cori e musiche da tutto il mondo per il presepe del Papa
23/12/2011
Papa: Il presepio è una scuola di vita, dove imparare il segreto della vera gioia
13/12/2009
Papa: Con Maria, Giuseppe, il presepio, “cerchiamo di entrare nel vero Natale, quello di Gesù”
18/12/2016 12:27
Lo stupore del presepio, grande opera di evangelizzazione
14/12/2019 11:14


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”