08/11/2011, 00.00
CINA –ASIA CENTRALE– RUSSIA
Invia ad un amico

Russia e Cina rinforzano i legami economici con l’Asia centrale

Il meeting dei premier dei Paesi Sco riafferma la reciproca collaborazione a ogni livello, come modo per affrontare la crisi globale. Tra i progetti, l’individuazione di banche per favorire i reciproci finanziamenti e maggior collegamento tra le loro monete.
S.Pietroburgo (AsiaNews/Agenzie) – I leader dei Paesi della Shanghai Cooperation Organization (Sco), riuniti a S.Pietroburgo (Russia), hanno deciso ieri di incrementare la collaborazione economica e i reciproci investimenti. Russia e Cina, maggiori Paesi del gruppo, hanno anche confermato i reciproci legami, molto forti negli ultimi anni.

In una dichiarazione congiunta i Paesi Sco (Russia, Cina, Kazakistan, Uzbekistan, Tagikistan e Kirghizistan) hanno indicato la reciproca collaborazione come modo privilegiato per affrontare le incertezze del mercato globale e ridurre le conseguenze negative della crisi mondiale in atto. Al fine di aumentare i reciproci investimenti, hanno discusso la realizzazione di meccanismi finalizzati a favorire i progetti congiunti, come anzitutto l’individuazione di banche deputate a erogare i finanziamenti.

Si è anche discussa la possibilità di consolidare un collegamento dei loro sistemi monetari.

La Sco è nata come organizzazione intesa a combattere il terrorismo internazionale e a favorire una collaborazione militare, ma si è sempre più sviluppata come sede privilegiata di accordi commerciali e finanziari. A queste riunioni da anni partecipano altri Paesi dell’Asia centrale e meridionale, come India, Pakistan e Iran, ammessi da alcuni anni come “osservatori”. Russia e Cina puntano su questi rapporti per limitare l’influenza dell’Occidente nell’Asia centrale, regione di grande importanza strategica e ricca di energia e materie prime.

Sempre ieri si sono incontrati i premier cinese Wen Jiabao e russo Vladimir Putin. Al termine del colloquio Wen ha spiegato che hanno riaffermato il loro coordinamento strategico e la consolidata amicizia, in una situazione politica ed economica mondiale sempre più complessa. A fronte dell’Europa in difficoltà, Mosca e Pechino hanno già indicato una disponibilità di massima a erogare finanziamenti ai Paesi con forte debito estero, ma facendo intendere di aspettarsi un adeguato accrescimento della loro importanza negli organismi finanziari mondiali. Nella complessa negoziazione in atto, i 2 Paesi hanno più volte mostrato di voler rappresentare gli interessi non soltanto loro ma anche di altre economie emergenti.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
La Cina si propone come asse di stabilità per l’Asia centrale
31/10/2008
In corso i “giochi di Guerra” di Cina, Russia e i loro alleati
10/08/2007
Pechino, la “pacifica” invasione dell’Asia Centrale
05/01/2011
Uzbekistan e Turkmenistan innalzano il prezzo del gas in pieno inverno
16/01/2008
In Asia centrale si estorce denaro per comprare da mangiare
13/09/2007


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”