04/11/2022, 12.08
GIAPPONE
Invia ad un amico

Tokyo vuole prolungare la vita alle sue centrali nucleari

di Guido Alberto Casanova

L'ente pubblico preposto ai controli di sicurezza vuole introdurre controlli decennali ma senza più alcun limite massimo per l'operatività degli impianti. Solo una piccola parte delle centrali nucleari in funzione prima del disastro di Fukushima sono tornate a essere funzionanti ma la crisi energetica preme per il ritorno all'atomo.

Tokyo (AsiaNews) - Il Giappone è pronto ad allungare la vita delle proprie centrali nucleari. Questo mercoledì l’Autorità per la regolazione del nucleare (NRA), un ente pubblico creato per monitorare la sicurezza delle centrali dopo il disastro di Fukushima del 2011, ha proposto di introdurre controlli decennali per tutti i reattori con oltre 30 anni di servizio. Se le verifiche dovessero avere esito positivo, le centrali nucleari otterrebbero l’autorizzazione a rimanere in funzione.

In linea teorica, i nuovi regolamenti potrebbero permettere ad alcuni reattori di operare oltre l’attuale limite di 60 anni. Secondo le norme vigenti introdotte dopo il 2011 le centrali giapponesi devono essere chiuse superati i 40 anni di vita, che possono essere allungati di massimo altri 20 anni se l’NRA riscontra che i parametri di sicurezza sono rispettati.

“I [nuovi] regolamenti saranno molto più rigidi dell’attuale sistema” ha detto Yamanaka Shinsuke, il capo dell’NRA. “È nostro dovere adottare norme adeguate”, ha poi aggiunto. Durante la conferenza stampa di presentazione della riforma, Yamanaka ha alluso alla possibilità che gli impianti più vecchi potrebbero dover rispettare un maggior numero di criteri per garantirne la sicurezza operativa.

L’autorità nelle prossime settimane continuerà a discutere su quali debbano essere le pratiche da adottare per queste verifiche decennali. Saranno ascoltate le opinioni delle varie società elettriche e poi entro la fine dell’anno l’NRA presenterà un piano definitivo su come modificare i regolamenti nazionali in tema di sicurezza delle centrali nucleari.

La revisione è in linea coi desideri dell’attuale governo. Lo scorso agosto il premier Kishida ha dato istruzioni al ministero dell’economia di ridare slancio alla produzione di energia nucleare, da compiere nel segno della riduzione delle emissioni di CO2 e della messa in sicurezza di una fornitura di energia stabile e sicura per il Giappone. Ad oggi, solo una piccola parte delle centrali nucleari in funzione prima del disastro di Fukushima sono tornate a essere funzionanti dopo la chiusura imposta dalle autorità nel 2011 e il Paese dipende molto dall’importazione di idrocarburi.

Al momento le prospettive energetiche del Paese appaiono molto incerte. Negli ultimi mesi (soprattutto in primavera) il rischio di blackout, dovuto a una forte domanda di elettricità a fronte di una produzione modesta, era stato una grossa preoccupazione per il governo. Le condizioni strutturali per questo sbilanciamento tuttavia non sono ancora state del tutto risolte, tanto che questa settimana il governo ha diramato la richiesta per cittadini e imprese di risparmiare quanta più elettricità possibile durante il prossimo inverno. Per questo, il ritorno al nucleare è diventato una priorità per Tokyo.

Su un punto però l’NRA ha mostrato la necessità di smarcarsi dalla posizione del governo. Dal conteggio dell’età delle centrali nucleari non verranno sottratti gli anni di chiusura post-Fukushima, poiché anche durante quel periodo le strutture dei reattori sono invecchiate e ne va perciò valutata ugualmente la sicurezza. 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
La Russia offrirà elettricità a Tokyo, dopo la chiusura delle centrali nucleari
03/06/2013
Attivista: il ‘tabù’ israeliano sul nucleare mette in pericolo la salute
26/09/2017 10:02
Fukushima, risarcimenti ridotti per chi fu costretto a lasciare le case
07/06/2022 12:27
Fukushima, acqua radioattiva. Il governo verso l’emergenza nucleare
21/08/2013
L’economia giapponese riparte, ma il Paese ha bisogno del nucleare
10/06/2013


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”