15/07/2022, 14.37
CAMBOGIA
Invia ad un amico

Un prete cambogiano il nuovo prefetto apostolico di Kompong Cham

P.  Pierre Suon Hangly nominato da papa Francesco. Per la prima volta dai tempi di Pol Pot un sacerdote locale guiderà una delle circoscrizioni ecclesiastiche. L'unico precedente di un vescovo cambogiano fu mons. Chmar Salas, morto di stenti durante la persecuzione dei khmer rossi.

Phnom Penh (AsiaNews) – P. Pierre Suon Hangly, sacerdote di Phnom Penh di 50 anni, è il nuovo prefetto apostolico di Kompong Cham, una delle tre circoscrizioni ecclesiastiche che compongono la Chiesa cattolica cambogiana. Lo ha nominato oggi papa Francesco, chiamandolo a succedere all'amministratore apostolico p. Bruno Cosme, missionario delle Missions étrangères de Paris.

La nomina di p. Suon Hangly è un passaggio importante per la comunità cattolica cambogiana, rinata da poco più di vent'anni e che oggi conta circa 20mila fedeli in un Paese di oltre 16 milioni di abitanti: p. Pierre - ordinato sacerdote per il vicariato apostolico di Phnom Penh nel 2001 - è infatti il primo prete locale ad assumere la guida di una prefettura apostolica dopo la terribile prova vissuta dalla Chiesa cambogiana durante la persecuzione del regime comunista di Pol Pot.

L’unico precedente di un vescovo cambogiano è infatti quello di mons. Joseph Chhmar Salas, ordinato giovanissimo vescovo coadiutore di Phnom Penh il 14 aprile 1975, tre giorni prima che la capitale cambogiana venisse conquistata dai khmer rossi. Dopo l’espulsione del vicario apostolico - il francese mons. Yves Ramousse - mons. Chmar Salas e l’allora prefetto apostolico di Batambang, p. Paul Tep Im Sotha, sarebbero morti nell’ondata di violenze e privazioni che i khmer rossi portarono con sé. Entrambi figurano tra i martiri della Cambogia, di cui dal 2015 è in corso il processo di beatificazione.

P. Pierre Suon Hangly è, dunque, un volto della Chiesa locale rinata dalle ceneri di questa tragedia. Nato il 14 aprile 1972 a Phnom-Penh, è stato ordinato sacerdote il 9 dicembre 2001. Dal 2002 al 2007 è stato parroco nel settore pastorale di Kampot/Takeo. Dal 2007 al 2015 ha poi perfezionato i suoi studi in Francia presso l’Institut Catholique de Paris, conseguendovi il baccalaureato e la licenza in Teologia spirituale. Rientrato in Cambogia è stato parroco nel settore pastorale di Phnom Penh Thmey; ricoprendo negli ultimi anni anche gli incarichi di vicario generale del Vicariato apostolico di Phnom-Penh e superiore del locale seminario.

Annunciando la nomina di p. Suon Hangly, il vicario apostolico di Phnom Penh, mons. Olivier Schmitthaeusler, lo ha ringraziato per il servizio svolto in questi anni e ha invitato i fedeli a pregare che Dio gli doni “una fede forte, piena di amore e speranza, per essere un pastore zelante a Kompong Cham”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Phnom Penh: confermato l'ergastolo all'ultimo leader vivente dei Khmer rossi
22/09/2022 12:18
Psichiatra cambogiano vince il Nobel dell'Asia: aiuta le vittime dei Khmer rossi
31/08/2022 11:23
È morto mons. Yves Ramousse, il vescovo francese cacciato dai Khmer Rossi
27/02/2021 11:30
Processo d’appello per Khieu Samphan, ultimo leader vivente dei Khmer rossi
12/08/2021 13:04
Phnom Penh: morto p. Vendramin, primo prete rientrato dopo Pol Pot
13/07/2021 09:56


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”