16/04/2022, 09.02
EMIRATI ARABI UNITI
Invia ad un amico

Vicario d’Arabia: Pasqua, cristiani ‘operatori di pace’ in un mondo in guerra

di Paul Hinder *

Nel messaggio per la festa mons. Hinder sottolinea il sentimento di impotenza di fronte ai conflitti che “si consumano in Ucraina, Yemen e Siria”. La pace, avverte, si costruisce partendo dall’ambiente familiare e dalla propria comunità. Gesù risorto sostegno “nelle prove e nelle lotte” che ciascuno deve affrontare. 

Abu Dhabi (AsiaNews) - In questo tempo assistiamo “impotenti” alle guerre che “si consumano in Ucraina, nello Yemen, in Siria e in molte altre parti del mondo”. Con un richiamo all’attualità, ai conflitti che si ripetono in molte parti della terra, il vicario d’arabia mons. Paul Hinder esorta i cristiani a essere “operatori di pace” secondo il mandato ricevuto da Cristo che nella risurrezione ha vinto la morte. Nel messaggio di Pasqua ai fedeli del Golfo, e inviato per conoscenza ad AsiaNews, il prelato ricorda che è compito di tutti “contribuire alla pace” partendo dal “nostro ambiente familiare” e dalle nostre “comunità”. Cristo ha vinto la morte e il diavolo che “è all’origine di tutti i mali” ed è sostegno e speranza per tutti nelle “prove e lotte” che ciascuno di noi deve affrontare. 
Ecco, di seguito, il messaggio per la Pasqua di mons. Hinder: 

Cari amici in Cristo! La pace sia con voi! 

Queste furono le prime parole del Signore risorto ai suoi discepoli dopo la sua resurrezione. Gesù ben sapeva che i suoi stessi amici non erano scevri da ambizioni personali e da aggressività. Con il suo saluto iniziale di pace, egli ha voluto avvicinarli fra di loro e renderli strumenti di pace per gli altri. 

In questo tempo stiamo assistendo impotenti alle guerre che si consumano in Ucraina, nello Yemen, in Siria e in molte altre parti del mondo. 

Tuttavia, siamo davvero così impotenti e senza speranza? Cristo non ci dà il mandato e il potere di essere operatori di pace nel nostro piccolo mondo e quindi contribuire alla pace nel grande mondo? Dunque iniziamo a essere operatori di pace nel nostro ambiente familiare e nelle nostre comunità, così potremo vedere come la pace sia essa stessa portatrice di frutti di pace. 

Pasqua è la festa che rivela in tutta la sua grandezza il potere di Dio al di sopra dei poteri diabolici che seminano morte e distruzione legati a Satana, colui il quale è all’origine di tutti i mali. La Pasqua ci dona la speranza perché Cristo ha vinto la sua battaglia sulla morte. Carissimi fratelli e sorelle, auguro a tutti voi, in mezzo alle prove e alle lotte che stiamo attraversando, una felice Pasqua. Cristo è vivo e non può più morire. 

Lui è la nostra speranza. Alleluia.

* Vicario dell’Arabia meridionale (Emirati, Oman e Yemen) e amministratore apostolico sede vacante dell’Arabia settentrionale (Kuwait, Arabia Saudita, Qatar e Bahrain)

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Vicario d’Arabia: Il Natale di una chiesa migrante, testimone e messaggera di pace
20/12/2019 09:32
Vicariato d’Arabia inaugura la prima chiesa nella regione di al-Dhafra
15/12/2021 10:21
Vicario d’Arabia: il cuore ‘demilitarizzato’ dei cristiani, contro conflitti e violenze
11/01/2020 08:00
Vicario d’Arabia: a Expo2020 un nuovo modello di società fraterna e solidale
16/11/2021 11:15
Abu Dhabi, la pandemia non ferma i cattolici: celebrate cresime e prime comunioni
08/09/2020 13:31


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”