11/07/2014, 00.00
ISRAELE-PALESTINA
Invia ad un amico

Mentre aumenta il bilancio delle vittime cresce il timore per l'invasione di Gaza

di Joshua Lapide
I palestinesi parlano di 95 morti e si dicono pronti a combattere "fino alla fine". L'Onu, la Russia e la Francia chiedono un cessate il fuoco e gli Stati Uniti si dicono "pronti a facilitare una cessazione delle ostilità". Alti funzionari egiziani citati da Haaretz avrebbero detto che le condizioni per una mediazione "non sono mature".

Gerusalemme (AsiaNews) - Cresce il timore per l'annunciata invasione terrestre della Striscia di Gaza, mentre continuano il lancio di missili da parte palestinese e i bombardamenti israeliani e sale il bilancio delle vittime: fonti palestinesi parlano di 95 morti da martedì scorso, quando Israele ha lanciato l'operazione Protective Edge per fermare il lancio di razzi da Gaza. Gli israeliani lamentano una decina di feriti, uno dei quali grave.

L'esercito israeliano continua a sostenere che gli obiettivi sono "militari": postazioni di lancio, depositi di armi, centri di comando o abitazioni di esponenti di Hamas e che  coloro che abitano negli edifici obiettivo degli attacchi vengono avvertiti cinque minuti prima. Il sistema evidentemente è carente, visto che ieri tutti gli otto membri di una famiglia di Khan Yunis, nella Striscia, sono rimasti uccisi in un bombardamento. A causare "l'errore", secondo l'esercito di Gerusalemme, il fatto che gli otto sono rientrati nell'edificio che poco prima avevano abbandonato, in quanto avvertiti. Per consentire ai feriti di ricevere cure negli ospedali egiziani, Il Cairo ha parzialmente aperto il valico di Rafah.

Il gran numero di vittime non sembra comunque intimorire i palestinesi: portavoce di diverse organizzazioni armate della Striscia giurano di voler continuare la loro lotta "fino alla fine".

Ad aggravare i timori di un ulteriore aggravamento della situazione, la notizia che stamattina un razzo è stato lanciato dal sud del Libano ed è caduto tra Metula e Kiryat Shmona, nel nord di Israele, senza provocare vittime o danni.

Sul piano internazionale si sta cercando di fermare lo scontro. Ieri il presidente palestinese Mahmoud Abbas ha fatto appello al primo ministro turco Recip Tayyip Erdogan e a vari leader. Il segretario generale dell'ONU Ban Ki-moon ha esortato Israele e militanti palestinesi alla moderazione, dicendo che il Medio Oriente non poteva permettersi "un'altra guerra". I presidenti francese e russo Francois Hollande e Vladimir Putin hanno chiesto un cessate il fuoco e il presidente statunitense Barack Obama ha "espresso preoccupazione per il rischio di un'ulteriore escalation e ha sottolineato la necessità che tutte le parti facciano tutto il possibile per proteggere la vita dei civili e riportare la calma" e ha dichiarato che "gli Stati Uniti sono pronti a facilitare una cessazione delle ostilità, compreso un ritorno al cessate il fuoco del novembre 2012".

Allora la fine dei combattimenti fu ottenuta attraverso una mediazione egiziana. Ma, se dal Cairo si conferma di essere in contatto "con entrambe le parti", va considerato che se nel 2012 l'Egitto del presidente Morsi era amico dei Fratelli Musulmani - cui fa riferimento anche Hamas - oggi con Al-Sisi la Fratellanza è considerata una minaccia. E alti funzionari egiziani citati da Haaretz avrebbero detto che le condizioni per una mediazione "non sono  mature", aggiungendo che già la settimana scorsa l'Egitto aveva cercato di raggiungere un compromesso.

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Gaza passerà sotto il controllo dell’Autorità palestinese entro il 1 dicembre
12/10/2017 16:05
Il Cairo dona un milione di litri di carburante per evitare il collasso di Gaza
22/06/2017 08:59
La tregua in atto da ieri a Gaza fa sperare nella trattativa
28/07/2014
Erdogan al Cairo attacca Israele e si propone come leader del mondo arabo
14/09/2011
L’Egitto apre i confini con Gaza. Proteste di Israele
28/05/2011