22 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 23/01/2017, 14.48

    CINA

    La politica dei due figli: oltre 18 milioni di nuovi nati. Ma i problemi restano.



    Nel 2016 ci sono stati l’11,5% di nascite in più rispetto al 2015. Tuttavia i costi di mantenimento dei figli e il basso reddito familiare medio non fermeranno il rapido invecchiamento della popolazione.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Il numero di bambini nati in Cina lo scorso anno mostra che la politica del secondo figlio – in vigore dal 1 gennaio 2016 – è efficace. Lo comunica la Commissione nazionale per la salute e il controllo delle nascite. Nel 2016 in Cina sono nati più di 18,46 milioni di bambini, l’11,5% in più rispetto al 2015. Secondo Yang Wenzhuang, direttore di divisione presso la Commissione nazionale per la salute e il controllo delle nascite, è il record è il più alto dal 2000.

    Nonostante le cifre siano ancora sotto la soglia stimata, la Commissione sostiene che permettere alle coppie cinesi di avere due figli aumenterà il numero di nuovi nati a 20 milioni entro il 2020.

    Dal 1979 la Cina ha attuato la politica di un solo figlio per famiglia, per concentrare la nazione sullo sviluppo economico. L'attuazione della legge è stata spesso violenta, con multe esose contro i violatori e perfino sterilizzazione forzati e aborto fino a nove mesi di gravidanza. Dal 2013 il governo ha “alleggerito” la legge e ha consentito ad alcune coppie (quelle in cui almeno uno dei coniugi è “figlio unico per legge”) di avere un secondo bambino.

    “Grazie al miglioramento della politica demografica – afferma Yang – il tasso di nascite aumenterà in modo costante. ” L’anno scorso, il numero di secondi figli nati in Cina ha rappresentato il 45% delle nascite totali e tutto questo a causa dell’attuazione della modifica alla legge demografica.

    Secondo Yuan Xin, demografo dell’università di Nankai, il numero annuale di nascite dovrebbe raggiungere il proprio apice nel 2017 e 2018 (circa 20 milioni), in quanto le donne nate tra la fine degli anni ’80 e l’inizio dei ’70, desidererebbero molto un secondo figlio prima di diventare troppo anziane per concepire. Nel 2013, per far fronte all’invecchiamento della società e alla quantità di forza lavoro in calo, alle coppie è stato permesso di avere un secondo figlio solo nel caso in cui uno dei genitori fosse figlio unico. “Prima – afferma Yuan in proposito – c’erano solo 11 milioni di coppie in cui uno dei due partner era figlio unico. Ma la modifica della politica demografica ora permetterà a circa 90 milioni di coppie di poter avere due figli”.

    Stando alle previsioni, la popolazione dovrebbe aumentare a 1,45 miliardi entro il 2030, in confronto all’1,37 miliardi dell’anno scorso. In ogni caso gli esperti sostengono che la crescita demografica non sarà sufficiente a contrastare il rapido invecchiamento della popolazione. Entro il 2050, il numero degli anziani in Cina ammonterà a circa il 39% della popolazione, in confronto al 15%  attuale.

    Inoltre, secondo gli studiosi, diversi motivi socioeconomici potrebbero scoraggiare le coppie ad avere più di un figlio. Ne è una dimostrazione Peng Yajun, impiegato 36enne presso un ufficio del Guangdong, il quale si sposerà presto ma ha dichiarato di volere un solo figlio: “Non posso permettermi di pagare la tassa scolastica per due bambini... Inoltre devo provvedere ai miei anziani genitori.”

    Alcuni dati mostrano che crescere un figlio in Cina costa all’incirca 2900 Dollari Usa all’anno, più del 40% del reddito familiare medio.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/01/2017 15:17:00 CINA
    Dopo la fine della legge sul figlio unico, la Cina deve migliorare le condizioni degli ospedali

    Il nuovo “piano sanitario quinquennale” comprende cure mediche per l’infanzia, istruzione primaria, aumento del personale e dei posti letto.  



    12/01/2015 CINA
    Pechino, più di 30mila famiglie chiedono di avere un secondo figlio
    Dopo il rilassamento della famigerata legge sul figlio unico, varato nel 2013, la capitale ha visto un'impennata di richieste. I numeri, dicono gli analisti, "sono ancora bassi ma cresceranno". Entro la fine del 2015 la Cina toccherà gli 1,38 miliardi di abitanti.

    16/03/2017 13:12:00 CINA
    Esperti: Lo Stato elimini il controllo sulla popolazione

    L’abolizione della politica del figlio unico ha portato a un aumento delle nascite, ma non eviterà il rapido invecchiamento della popolazione. Nei prossimi cinque anni il numero di nuovi nati oscillerà fra i 17 e i 20 milioni l’anno. Il governo dovrebbe eliminare del tutto il Family Planning.



    28/02/2014 CINA
    Traffico di bambini in Cina, arrestati oltre mille trafficanti di neonati
    Il governo ha annunciato i risultati di un raid condotto in 27 municipalità del Paese: 1.094 persone fermate, 382 minori salvati. I trafficanti usavano anche internet: chiusi quattro siti che offrivano "l'adozione di bambini abbandonati".

    03/08/2013 CINA
    Shaanxi, traffico di neonati all’ospedale di Stato: 3 arresti
    Una coppia viene convinta dal vice direttore del Dipartimento neonatale dell’Ospedale pediatrico di Fuping a rinunciare al proprio bambino, che secondo il medico ha contratto l’epatite e la sifilide e “sta per morire”. Subito dopo, però, lo vedono uscire dall’ospedale con il bimbo in braccio e decidono di denunciarlo. Almeno altri 7 casi nella stessa struttura.



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®