20 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/02/2017, 08.53

    MYANMAR

    Aung San Suu Kyi: gruppi etnici, firmate il cessate il fuoco e unitevi al movimento per la pace



    La leader birmana è intervenuta a una cerimonia di commemorazione per i 70 anni della conferenza di Panglong. Uno sforzo comune per mettere fine a tutte le violenze che insanguinano il Paese. La pace resta una priorità; tuttavia, scontri etnici e conflitti confessionali mettono a rischio il processo.

    Panglong (AsiaNews/Agenzie) - La leader birmana Aung San Suu Kyi ha lanciato un appello a tutti i gruppi etnici armati, perché sottoscrivano un cessate il fuoco che metta la parola fine a tutti i conflitti che, ancora oggi, insanguinano il Myanmar. La Nobel per la pace, attuale Consigliere di Stato e ministro degli Esteri del governo targato Nld (Lega nazionale per la democrazia) ha partecipato ieri ad un evento ufficiale a Panglong. cittadina dello Stato Shan.

    Si tratta dello stesso luogo in cui suo padre, il generale ed eroe dell’indipendenza Aung San, ha firmato 70 anni fa il primo accordo di pace fra birmani e minoranze Shan, Kachin e Chin. 

    Nel suo intervento a ricordo della Giornata di unità nazionale la “Signora” ha sottolineato che tutti i gruppi etnici “sono ancora in tempo” per unirsi al “movimento per la pace”. “Voglio chiedere a tutti quei gruppi etnici che non hanno ancora sottoscritto il cessate il fuoco nazionale - ha aggiunto Suu Kyi - di avere fiducia in voi stessi e firmare. E, per favore, partecipate” alla odierna Conferenza di Panglong. 

    Per la leader democratica birmana e il suo governo il processo di pace per mettere fine a tutti i conflitti che, ancora oggi, insanguinano il Paese rappresenta una delle priorità. Tuttavia, negli ultimi mesi è stata oggetto di pesanti critiche per aver ignorato il dramma della minoranza musulmana Rohingya e non essere riuscita a fermare le violenze verso altri gruppi etnici, in particolare i Kachin nel nord. 

    Dal 2011 a oggi le violenze nello Stato settentrionale, al confine con la Cina, hanno causato centinaia di morti e oltre 100mila civili sfollati. Con un’escalation dell’offensiva militate, i gruppi etnici vedono sempre più ristretta la possibilità di raggiungere un cessate il fuoco a livello nazionale. 

    L’accordo di Panglong, sottoscritto il 12 febbraio del 1947 fra il generale Aung San e i leader di alcune minoranze etniche del Myanmar, avrebbe dovuto garantire maggiore autonomia e libertà, in cambio di una collaborazione con il governo federale birmano per garantire l’indipendenza dalla Gran Bretagna. Tuttavia, il generale viene ucciso a cinque mesi di distanza dalla firma e l’accordo non è mai davvero entrato in vigore. Anzi, nel tempo le minoranze etniche hanno accusato l’esercito e i governi filo-militari di perpetrare violenze e attacchi, in violazione al patto. 

    Nell’agosto scorso governo e (parte) delle minoranze hanno cercato di rilanciare il piano di pace. Un’azione sostenuta con forza anche dalla Chiesa birmana che invoca un “pellegrinaggio di pace per tutto il Myanmar”. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/02/2017 14:37:00 MYANMAR
    Il “nuovo” Myanmar ostaggio dei militari e delle divisioni etniche e confessionali

    Nello Stato Kachin una infermiera cristiana violentata e uccisa. Cina e Myanmar discutono di sicurezza lungo il confine settentrionale. Le cronache internazionali rilanciano le persecuzioni contro la minoranza musulmana. Fonti di AsiaNews: Violenze colpiscono “varie religioni ed etnie”, ma i media sono “concentrati sui Rohingya”. Fattori sociali e politici in gioco. 

     



    23/01/2015 MYANMAR
    Migliaia di persone ai funerali delle insegnanti cristiane Kachin, stuprate e uccise dai militari
    Questa mattina a Myitkyina si sono svolte le esequie di Maran Lu Ra e Tangbau Khawn Nan Tsin. Cerimonie funebri si sono tenute anche in altre parti del Myanmar, un centinaio di persone si sono radunate a Yangon. Attivisti e ong chiedono una indagine indipendente e di punire i colpevoli.

    21/01/2015 MYANMAR
    L’esercito birmano stupra, tortura e uccide due insegnanti cristiane Kachin
    La violenza si è consumata nel villaggio di Shabuk-Kaunghka, nello Stato Shan, dove le due 20enni si erano recate - volontarie - per garantire l’istruzione alle popolazioni locali. Dietro il brutale assalto una vendetta per gli scontri dei giorni scorsi fra militari e milizie ribelli Kachin. Condanna delle Chiese birmane, che ricordano l’opera dei volontari cristiani nel settore dell’istruzione.

    11/10/2016 11:34:00 MYANMAR
    Kachin, dopo 55 giorni di scontri “la situazione della popolazione è drammatica”

    L’esercito governativo sta avanzando contro le truppe ribelli del Kachin Independece Army. Un’attivista cattolica: “Ogni giorno bombardamenti aerei e attacchi di terra. Ci sono più di 120mila sfollati e da una settimana la gente manifesta per il cessate il fuoco”. Nonostante la conferenza di pace di fine agosto voluta da Aung San Su Kyi, continuano le violenze nel nord del Myanmar.

     



    28/09/2012 MYANMAR – ONU
    Thein Sein all’Onu: con Aung San Suu Kyi, in Myanmar una “società armoniosa”
    Il ruolo “cruciale” della leader dell’opposizione. Ricordato il valore della “diversità” per la ricchezza della nazione. Tre gli obiettivi: stabilità, Stato di diritto e crescita economica, con previsioni del 7,7% entro il 2015. Una Commissione indipendente e interreligiosa per indagare sulle violenze contro i Rohingya.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®