26 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 08/03/2017, 14.25

    COREA DEL NORD

    Pyongyang ai nordcoreani all’estero: vietato accedere a internet



    Il divieto rivolto a operai e diplomatici nordcoreani residenti all’estero per bloccare la divulgazione di informazioni “proibite”. I trasgressori saranno rimpatriati e puniti a vita. Il tentativo del regime di insabbiare le notizie sull’omicidio di Kim Jong-nam.

    Pyongyang (AsiaNews/Rfa) – La Corea del Nord ha ordinato a tutti i suoi diplomatici all’estero di non accedere ad Internet dai loro smartphone. Secondo alcune fonti, il governo di Pyongyang ha anche avvertito che chiunque trasgredirà, sarà costretto al rimpatriario e subirà una “severa” punizione.

    A Vladivostok (Russia), tra 2mila e 3mila operai nordcoreani lavorano nell’industria edile e vengono pagati con la valuta del regime. Alcune fonti riferiscono che alcuni supervisori hanno iniziato a ispezionare a sorpresa cellulari degli operai per determinare se qualcuno ha infranto il divieto.

    Domenica, una fonte anonima ha riferito a Radio Free Asia (Rfa) che “La Corea del Nord ha proibito di accedere a Internet dal cellulare a tutti i lavoratori che all’estero ricoprono cariche diplomatiche. Il regime ha anche avvertito i lavoratori all’estero che in caso di violazione della direttiva, essi non potranno sottrarsi al rimpatrio obbligato.”

    Secondo la fonte, il divieto è parte di un tentativo del regime di Kim Jong-un di controllare i nordcoreani fuori del Paese e impedire loro di accedere alle notizie pubblicate dai media stranieri riguardanti la Corea del Nord e il resto del mondo.

    “L’ordine di Pyongyang – afferma la fonte – è quello di bloccare in modo definitivo l’accesso a internet a operai e diplomatici nordcoreani residenti all’estero. Dopo aver emanato la direttiva sono iniziati i controlli a sorpresa sugli smartphone degli operai. Quando i diplomatici nordcoreani vanno fuori dal Paese la prima cosa che fanno è comprare gli smartphone. Sebbene si tratti di dispositivi costosi, sono popolari perché permettono di accedere con facilità alle ultime notizie e informazioni su cosa succede nel mondo”.

    L’informatore rivela che ai nordcoreani all’estero non solo è vietato accedere a Internet, ma anche di “condividere informazioni in caso ne venissero a conoscenza. In caso di divulgazione, i responsabili verrebbero costretti a rimpatriare e ricevere ‘severe’ punizioni”.

    Notizie di omicidio

    Lunedì, un secondo informatore anonimo – anch’esso da Vladivostok – ha dato conferma del divieto di accedere a internet emesso da Pyongyang. “I diplomatici locali hanno radunato gli operai presenti nella regione e hanno consegnato loro la direttiva”.

    La fonte ha affermato che in modo probabile il divieto è stato emesso in risposta alla rapida fuga di notizie sull’omicidio dinastico di Kim Jong-nam avvenuto in Malaysia il 14 febbraio. Kim Jong-nam, fratellastro del leader nordcoreano Kim Jong-un, viveva in esilio dal 2001.

    L’informatore ha riferito che sarà davvero difficile far rispettare il divieto a tutti gli operai nordcoreani, poiché essi possono contare sull’accesso a Internet e ad altre libertà come i benefits di una residenza all’estero. La maggior parte dei nordcoreani che si trovano all’estero lavorano per molte ore e in condizioni difficili, inoltre la maggior parte del denaro che guadagnano viene confiscata dai loro supervisori e inviata in Corea del Nord per finanziare il regime di Kim.

    La fonte afferma che “nonostante Pyongyang minacci gli operai con punizioni… Sarà difficile controllarli dal momento che sono già abituati ad utilizzare internet di frequente e senza restrizioni”.

    Le tre principali posizioni nelle compagnie nordcoreane che operano all’estero sono il presidente, il segretario del Partito e l’agente di sicurezza nazionale e vengono indicate rispettivamente come numero 1, 2 e 3. “Le istruzioni per i “numeri 3” – afferma la fonte – sono di ispezionare a caso gli smartphone degli operai. I trasgressori [del divieto di accesso a internet] saranno costretti a tornare in Corea del Nord per essere puniti a vita”

    Repressione delle reti televisive

    La scorsa settimana, alcuni informatori hanno dichiarato ad Rfa che ai nordcoreani che lavorano in Cina è stato proibito di guardare spettacoli televisivi stranieri e i loro ricevitori televisivi sono stati modificati per ricevere solo trasmissioni dai media ufficiali della Corea del Nord.

    A causa delle restrizioni, molte persone non sanno nulla riguardo l’omicidio di Kim Jong-nam – presunto sostenitore di riforme politiche in Corea del Nord e affermato critico del regime. Kim Jong-nam è morto il 14 febbraio dopo essere stato avvelenato con un potente gas nervino mentre si preparava per imbarcarsi su un volo diretto in Cina (a Macao) da Kuala Lumpur.

    Secondo la fonte, nel tentativo di arginare le notizie sull’omicidio, sono state imposte restrizioni anche ai movimenti dei commercianti nordcoreani che sperano di viaggiare in Cina per affari o tornare in Corea del Nord. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/12/2013 COREA DEL NORD
    Pyongyang, sopravvissute alle epurazioni la moglie e la zia di Kim Jong-un
    Kim Kyong-hui, sorella del defunto Kim Jong-il e moglie del "nemico dello Stato" Jang Song-taek, è stata inserita in una commissione di alto livello incaricata di organizzare i funerali di un alto funzionario del regime. La "compagna" Ri Sol-ju, moglie del dittatore, è tornata al suo fianco durante una visita alle truppe. Ma Pyongyang richiama i suoi industriali dalla Cina.

    16/04/2010 COREA DEL NORD
    Il “Terzo Kim” prepara la successione con i fuochi d’artificio
    Secondo fonti nordcoreane, il grande spettacolo pirotecnico che ha chiuso stanotte la “Festa del Sole” è stato organizzato da Kim Jong-un, terzogenito ed erede di Kim Jong-il. Suo padre promuove cento militari coetanei del ragazzo, per assicurare anche a lui la fedeltà dell’esercito.

    01/02/2017 16:21:00 COREA DEL NORD
    Pyongyang, la popolazione mandata a raccogliere letame in mancanza di fertilizzanti

    A causa del Capodanno, il commercio di fertilizzanti chimici con la Cina è rallentato. La mobilitazione di massa per la raccolta di letame e le limitazioni degli orari di attività dei mercati fanno aumentare i prezzi dei prodotti agricoli e le polemiche.



    27/02/2017 15:05:00 CINA - COREA DEL NORD
    Le responsabilità della Cina nell’assassinio di Kim Jong-nam

    Perché Kim Jong-nam è stato ucciso solo ora? Guardie del corpo di Pechino avrebbero dovuto difenderlo. L'approvazione e la collaborazione del regime comunista dietro l’operazione. I cambi di strategie diplomatiche in Asia dell’est. La minaccia delle armi nucleari nordcoreane spinge USA e Cina a riconsiderare il loro approccio alla Corea del Nord. Dal grande dissidente “padre della democrazia” in Cina, ora esule negli Stati Uniti. (Traduzione a cura di AsiaNews).



    07/01/2016 COREA – ASIA – USA
    Seoul, Washington e Tokyo “pronte a tutto” per fermare il nucleare coreano
    I tre governi hanno deciso di lavorare insieme, sia in ambito Onu che individuale, per eliminare il rischio di una guerra atomica con Pyongyang. La Casa Bianca ha “ancora dubbi” sull’effettivo uso di un ordigno a idrogeno; gli esperti sembrano divisi. La Corea del Sud limita l’accesso al complesso inter-coreano di Kaesong.



    In evidenza

    ISRAELE-PALESTINA
    Nuovo vicario di Gerusalemme: giovani e scuola, futuro di pace e speranza



    Mons. Giacinto-Boulos Marcuzzo sottolinea l’importanza dell’istruzione per garantire l’avvenire delle nuove generazioni. La Chiesa segno di “unità” in un contesto “segnato dalle divisioni” e ponte nel dialogo fra le fedi. Dall’euforia per la pace alla rassegnazione per un conflitto permanente. Un appello ai cristiani d’Occidente: venite pellegrini in Terra Santa.


    NEPAL
    Al via la mattanza di animali per la festa di Dashain. Protestano buddisti e animalisti

    Christopher Sharma

    La festività dura 15 giorni ed è la più importante del Nepal. Gli amanti degli animali presidiano i templi e tentano di sensibilizzare gli indù. La puzza delle carcasse in decomposizione avvolge le case intorno ai luoghi di culto. La polizia schierata per evitare scontri.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®