1 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 14/08/2007
TURCHIA
Ankara cancella la visita dell’arcivescovo di Cipro ad Istanbul
È la seconda volta in 4 mesi: l’incontro tra Chrysostomos ed il Patriarca ecumenico di Costantinopoli, di natura prettamente religiosa, era già stato cancellato dal governo turco a maggio. Preoccupazione tra le minoranze religiose. Arcivescovo di Cipro: “Così Ankara mostra il suo vero volto”.

Istanbul (AsiaNews) – Per la seconda volta in 4 mesi, Ankara ha annullato la visita del nuovo arcivescovo greco-ortodosso di Cipro, Chrysostomos, dal Patriarca ecumenico di Costantinopoli Bartolomeo I, prevista tra il 17 e 21 agosto. La visita, di carattere prettamente religioso, era già stata cancellata una prima volta dal governo turco nel maggio scorso. Allora le autorità avevano invocato il pretesto del clima pre-elettorale e le possibili conseguenze politiche dell’incontro. La decisione preoccupa le comunità di minoranza: le elezioni del luglio scorso hanno visto la vittoria del premier Recep Tayyip Erdogan, paladino del processo d’ingresso della Turchia nell’Unione Europea e di conseguenza garante dei diritti delle minoranze religiose nel Paese.
 
Intervistato ieri dalla radio greca www.skai.gr, Chrysostomos ha detto che “è diritto della Turchia non  permettere l’ingresso nel proprio territorio a qualunque persona, a dispetto di chi, come noi, vuole credere che essa abbia desiderio di mostrare un volto democratico e liberale, non solo in Europa, ma anche nel resto del mondo”. Con questa decisione “il governo di Ankara ha mostrato il suo vero volto”. Premettendo che “in un primo momento si è pensato di non esasperare i toni”, l’arcivescovo annuncia, invece, “l’intenzione di inviare una lettera alla Santa Sede e al Consiglio mondiale delle Chiese, per metterle a conoscenza dell’accaduto”. L’auspicio è che in questo modo si riesca a “sensibilizzare la comunità internazionale sull’inattendibilità del governo turco in tema di diritti”.
 
L’arcivescovo di Cipro ha poi annunciato che incontrerà il Patriarca ecumenico in un altro luogo per  esprimergli tutta la sua “solidarietà” e portare i suoi “ringraziamenti per il contributo dato alla soluzione di non pochi problemi sorti all’interno della Chiesa greco-ortodossa”. Chrysostomos ha ribadito che “non esistono divergenze tra i greco-ortodossi ed i fratelli turco-ciprioti musulmani” e che il problema vero è nelle “interferenze di Ankara, che blocca qualsiasi tentativo di integrazione delle due comunità nel reciproco rispetto”. (NT)

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
28/08/2010 TURCHIA
Le indebite interferenze del governo turco nella scelta dei leader religiosi
30/09/2006 TURCHIA
L'Europa chiede alla Turchia di "liberare" la scuola del Patriarcato ecumenico
di Franco Pisano
29/09/2006 TURCHIA - VATICANO
Il Papa in Turchia, "peserà" su ecumenismo, rapporti con l'islam e diritti umani
di Franco Pisano
09/12/2009 TURCHIA - ORTODOSSI
Si apre a Chambésy il secondo incontro panortodosso
di NAT da Polis
30/06/2007 TURCHIA
“Preoccupa” la sentenza che nega l’ecumenicità del Patriarca di Costantinopoli

In evidenza
INDIA
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
di Nirmala CarvalhoL’arcivescovo di Ranchi parla ad AsiaNews in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (1 settembre). Nel Paese “più di un milione di tribali è cattolico, e nella nostra cultura noi rispettiamo la natura e ne celebriamo i doni”. Oggi “per essere veri testimoni di Cristo dobbiamo rispondere alla crisi ecologica attraverso una profonda conversione spirituale”.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate