20 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 23/12/2008, 00.00

    CINA - TIBET

    Continuano le condanne di tibetani ad anni di carcere



    La Cina tiene in carcere da marzo e condanna in silenzio chi ha protestato in Tibet e Sichuan contro la violenza della polizia e per ottenere maggiore libertà. All’epoca ci sono state proteste in tutto il mondo, che hanno fatto preoccupare Pechino.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) -  Continuano, nel silenzio, la detenzione e le dure condanne ad anni di carcere contro i tibetani “colpevoli” di avere protestato contro il governo cinese a marzo.

    Fonti locali riferiscono all’agenzia Radio Free Asia che di recente “la Corte intermedia del popolo di Ganzi, Sichuan, ha condannato i monaci Orgyen Tashi e Tenzin Ngodrub a 3 anni di carcere” per le proteste del 18 marzo a Ganzi, sebbene siano state “pacifiche”. Rimane “ignoto” il destino del monaco Lobsang detenuto con loro, ma “la cui famiglia manca del tutto notizie anche su dove sia in carcere”.

    Le proteste sono esplose, per le violenze della polizia cinese, non solo in Tibet ma anche in Sichuan, dove ci sono vaste enclavi di etnia e cultura tibetane. Il governo tibetano in esilio denuncia oltre 200 morti e migliaia di arrestati, mentre la Cina dice che la polizia ha ucciso solo “un rivoltoso” e accusa i dimostranti di avere ucciso 21 persone.

    Sono stati pure condannati a 3 anni di carcere per le proteste del 18 marzo i tibetani Pema Deshey, Tashi Palden, Goga e Sangpo, che “hanno subito gravi percosse sia nei 3 mesi nel carcere di Ganzi”, che “negli oltre 6 mesi poi passati nella prigione di contea a Xinlong”.

    Oltre 200 tibetani sono stati arrestati per le proteste di Ganzi. Caricati su un autocarro, molti sono stati portati altrove sotto scorta armata e i loro effetti personali restituiti ai parenti. “Circa 20 sono stati rilasciati – spiega un’altra fonte – e un altro 70% condannati a detenzioni di varia durata”. “E’ stato pure condannato in segreto a 3 anni il monaco Sherab del monastero Khangmar”. “Il monaco Tsering Phuntsog di Khangmar ha ricevuto una condanna di 2 anni e mezzo e il giovane Palden Wangyal, 19 anni, a 3 anni”, sempre “in segreto, per timore delle reazioni dei tibetani”.

    A marzo la repressione e gli arresti hanno causato proteste in tutto il mondo e proposte di boicottare le Olimpiadi di Pechino. Per calmarle, all’epoca la Cina ha accettato di aprire un “dialogo” con rappresentanti del Dalai Lama. Dopo le Olimpiadi, ha ribadito che considera il Dalai Lama “un terrorista” e non intende accogliere alcuna richiesta di autonomia per il Tibet o salvaguardia della sua cultura.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/10/2008 CINA - TIBET
    Il dopo-Olimpiadi: nuovi ergastoli per i monaci tibetani
    Il 23 settembre sono stati condannati in un processo segreto 8 monaci, per un attentato contro un palazzo pubblico, senza prove e con violazione di ogni diritto di difesa. Free Tibet: continuano detenzioni illegali e soprusi, “è urgente” che siano ammessi osservatori indipendenti.

    29/04/2009 TIBET - CINA
    Le autorità cercano di nascondere arresti e condanne dei monaci tibetani
    La polizia cerca di non far sapere l’arresto di 3 monaci a Ganchu. Il tribunale rinvia il processo contro il noto e stimato lama buddista Phurbu dopo l’attenzione internazionale suscitata per il suo processo.

    19/02/2009 TIBET - CINA
    Il governo chiede ai monaci tibetani di difendere lo Stato cinese
    L’Associazione buddista della Cina, strumento del Partito, approva norme che ordinano ai buddisti tibetani di obbedire anzitutto allo Stato. Ma cresce il boicottaggio del Capodanno. Il poeta Tenzin Tsundue spiega la nonviolenza tibetana.

    04/05/2011 TIBET - CINA
    Torturati in carcere e condannati 2 monaci tibetani per avere protestato
    I 2 religiosi si sono opposti ad essere cacciati dalle terre che il loro monastero possiede da secoli. La polizia li ha arrestati perché hanno guidato la pacifica protesta. In carcere sono stati torturati.

    31/03/2009 CINA - TIBET
    La polizia picchia a morte un monaco tibetano, poi finge il suicidio
    Il monaco distribuiva volantini contro la persecuzione cinese e in memoria dei morti per le proteste del 2008. Dopo la morte, la polizia avrebbe gettato il corpo in un burrone. Continuano gli arresti arbitrari e i pestaggi. Ma le autorità parlano di una regione prospera dove i tibetani vivono felici e protetti.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®