17 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 08/09/2009, 00.00

    CINA

    Uccisi in una miniera dell’Henan: 35 morti, 44 dispersi



    La miniera non aveva il permesso di lavorare, in attesa di ristrutturazioni. Incurie e connivenze con le autorità locali. In un anno le miniere hanno ucciso 3500 persone, ma stime indipendenti dicono che vi sono 20 mila vittime.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Almeno 35 persone sono rimaste uccise e 44 si trovano intrappolate in una galleria per uno scoppio di grisù in una miniera dell’Henan. L’amministrazione statale per la sicurezza sul lavoro ha comunicato che 93 persone si trovavano a lavorare nella miniera di carbone a Pingdingshan, quando è avvenuta l’esplosione. Quattordici minatori sono riusciti a venire in superficie.

    Un portavoce locale del Partito comunista afferma che la miniera aveva bisogno di restauri e che il governo della città non aveva dato ancora il permesso di riprendere le operazioni.

    Le miniere cinesi sono le più pericolose al mondo. Il maggior numero di incidenti avviene per mancanza di norme di sicurezza, spesso inattese con la collusione delle autorità locali. Il carbone rappresenta il 70% delle fonti energetiche necessarie allo sviluppo della Cina e il governo spinge a sempre maggiore produzione anche con incentivi economici. All’applicazione vaga delle regole si sicurezza si aggiunge pure la rilassatezza della giustizia: nel 2006, il 95% dei funzionari del Partito implicati nelle proprietà di miniere ove si sono verificati incidenti mortali, sono stati prosciolti.

    Lo scorso anno il numero ufficiale dei morti in miniera è stato di 3500. Ma organizzazioni non governative affermano che molti degli incidenti (e le vittime) vengono nascosti per timore di dover chiudere l’attività e pongono a 20 mila il numero dei morti in un anno.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/08/2007 CINA
    Miniere allagate: le famiglie degli operai attaccano la polizia
    Mentre continuano le operazioni di soccorso alle due miniere di carbone a Xintai, i familiari dei 181 lavoratori rimasti intrappolati chiedono chiarezza sulla sorte dei loro cari e l’apertura di un’indagine. A 4 giorni dall’incidente si affievoliscono le speranze di trovare superstiti.

    26/09/2006 CINA
    Nelle miniere cinesi 2.900 morti in 8 mesi

    Anche se quest'anno è diminuita la strage, la situazione rimane grave nonostante l'impegno del governo. Fonti ufficiali ne individuano una causa nella  "collusione" tra funzionari pubblici e i proprietari delle miniere.



    30/11/2006 CINA
    Due manager condannati per la morte di 166 minatori nello Shaanxi

    Sono stato condannati a 5 anni per "negligenza": dopo un incendio nella loro miniera avevano costretto gli operai a riprendere la produzione, ma un'esplosione poco dopo ne uccise 166.



    21/07/2005 CINA
    Shaanxi: esplosione in una miniera di carbone, 26 morti

    É il bilancio finale di un incidente avvenuto martedì nel nord della Cina.



    25/02/2005 CINA
    L'inesorabile carneficina dei minatori cinesi (Scheda)




    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®