28 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 25/02/2005, 00.00

    cina

    I cattolici cinesi in aiuto delle vittime delle miniere



    Attivata in tutte le diocesi del Liaoning una raccolta fondi per le vittime dell'esplosione di Sunjiawan, la più grave negli ultimi 50 anni.

    Shenyang (AsiaNews/Ucan) - I cattolici cinesi pregano e raccolgono fondi per le vittime dell'esplosione nella miniera di Sunjiawan, che il 14 febbraio ha ucciso 213 lavoratori. Padre Zhang Fucheng, parroco della chiesa di Gaode, a Fuxin - provincia del Liaoning – ha perso un suo parrocchiano nell'incidente e due altri sono rimasti feriti. A Gaode su 1700 fedeli, 50 lavorano in miniera. Per questo, dopo l'incidente, p. Zhang ha visitato e pregato con le famiglie dei minatori suoi parrocchiani, incoraggiandole a rispettare le misure di sicurezza e denunciare le irregolarità al governo. Il sacerdote ha raccontato che da tempo tutti i suoi parrocchiani erano preoccupati per le condizioni di sicurezza nelle miniere, ma nessuno osava parlarne apertamente per timore di ritorsioni delle autorità.

    Nelle diocesi del Liaoning, attraverso il Centro per i servizi sociali, è iniziata una raccolta fondi per aiutare i familiari delle vittime di quello che è ritenuto il più grave incidente in una miniera dalla fondazione della Repubblica popolare, nel 1949. "L'aiuto materiale è una nuova attività per noi – ha affermato Teresa Xu, referente per il centro diocesano -. Per questo - ha aggiunto - abbiamo chiesto ai nostri fedeli un supporto economico per riuscire ad arrivare a tutte le vittime, cattoliche e non".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/10/2004 CINA
    Esplosione in una miniera dell'Henan: almeno 56 morti e 92 dispersi


    22/10/2004 cina
    Esplosione in miniera: sale il bilancio dei morti

    Alla ricerca di alti profitti, gli standard di sicurezza vengono ignorati . Nei primi 9 mesi del 2004, sono stati uccisi 4153 minatori.



    26/09/2006 CINA
    Nelle miniere cinesi 2.900 morti in 8 mesi

    Anche se quest'anno è diminuita la strage, la situazione rimane grave nonostante l'impegno del governo. Fonti ufficiali ne individuano una causa nella  "collusione" tra funzionari pubblici e i proprietari delle miniere.



    30/11/2006 CINA
    Due manager condannati per la morte di 166 minatori nello Shaanxi

    Sono stato condannati a 5 anni per "negligenza": dopo un incendio nella loro miniera avevano costretto gli operai a riprendere la produzione, ma un'esplosione poco dopo ne uccise 166.



    06/04/2005 CINA
    Stime ufficiali: salgono del 20% le vittime nelle miniere di carbone

    Ma il governo non è allarmato: occorre combattere corruzione e negligenze.





    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®