29 Luglio 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 16/03/2004
iraq
Salviamo la rinascita di Baghdad dal pacifismo europeo cieco
di Bernardo Cervellera

Il 20 marzo è l'anniversario della Seconda Guerra del Golfo, l'operazione che ha portato alla caduta di Saddam Hussein. Nel tentare di fare il bilancio di un anno, le immagini si accavallano: i bombardamenti notturni e diurni, le vittime civili, il ministro dell'informazione che mentiva, il castello di carte della Guardia Rivoluzionaria volato via con un soffio; la statua di Saddam che resiste a cadere; la cattura del dittatore e la sua bocca ispezionata come un antro vuoto; la lunga serie di attacchi terroristi; gli attentati all'Onu, alla Croce Rossa, ai carabinieri di Nassiriya.

In Italia e nel mondo si discute ancora se l'invasione dell'Iraq è stata una "guerra giusta", se si deve ancora finanziare la presenza di truppe italiane in Iraq (proprio mentre altri stati stanno decidendo di entrarvi).

Quel che fa male a noi missionari dell'Asia, è vedere che in Italia il dibattito sull'Iraq non è dettato da amore al popolo irakeno, ma da semplici interessi di bottega politica, che usano del problema Iraq per cercare di mettere in minoranza l'avversario.

È la stessa cosa a livello mondiale, dove l'ideologia anti-americana fa criticare, per partito preso, tutto quello che Bush, l'America, i marines fanno.

Non eravamo favorevoli alla guerra. Non per pacifismo cieco: quando in Italia vi era la valanga delle manifestazioni per la pace (ma in realtà anti-Bush e anti-Berlusconi), noi eravamo preoccupati per il popolo irakeno. E ancora oggi, per lo stesso motivo, cioè il presente e il futuro del popolo irakeno, dobbiamo ammettere che quella guerra e la presenza della Coalizione in Iraq sta facendo bene al paese. Un'inchiesta della BBC in Iraq (che pubblicheremo fra breve su AsiaNews) dice che almeno il 70% degli irakeni pensano che le cose stanno andando meglio ora che in passato; e il 56% dice che sta meglio ora che prima della guerra.

Sulle pagine e nel sito di AsiaNews abbiamo registrato in questi mesi la rinascita economica dell'Iraq, prostrato da anni di malgoverno e di embargo. In molti luoghi del paese vi sono problemi con l'elettricità e con l'acqua. Ma non si può negare che il mercato sta crescendo. Se il telefono a Baghdad spesso non funziona, vi sono però telefonini in ogni dove; i negozi sono pieni di beni mai visti o mai permessi sotto il regime di Saddam, come le antenne satellitari. Anche i salari stanno crescendo. Un maestro di scuola adesso guadagna 50 dollari al mese, invece dei 3 dollari di prima della guerra; un dottore ne prende 300, al posto dei 4 dollari di una volta.

Anche la Chiesa è più libera di esprimersi, di muoversi, di criticare, di esigere diritti. Il ritorno delle scuole libere – cristiane e musulmane – segna la fine di una dittatura che teneva tutti in pugno.

Sono apparsi decine e decine di giornali che finalmente parlano di tutto, anche della politica, perché liberi dalla censura. La gente critica anche gli americani perché non ha più paura di essere torturata o uccisa. Perfino le manifestazioni di protesta sono un segno di novità in un paese che per più di 20 anni è stato strozzato in un pugno di ferro che nessuno denunciava.

Al momento in cui scriviamo è stata appena firmata la bozza di costituzione che dovrebbe integrare democrazia e tradizioni tribali; ispirazione all'islam (religione della stragrande maggioranza degli irakeni) e laicità; unità del paese e federalismo. Il fatto che nel dibattito sulla nuova costituzione le donne e i cristiani abbiano combattuto per vedere riconosciuti i loro diritti è già un segno che i diritti dell'uomo e delle donne, la libertà di religione possono abitare anche in ambiente musulmano.

Certo, vi sono ancora attacchi terroristi: soldati stranieri uccisi, ma soprattutto civili. Ma chi pensa di coronare come "resistenti" quelli che muovono le file del terrorismo, dovrebbe dirlo al prof. Raied Jewad, studioso a Cambridge, che ritornando in Iraq alcuni mesi fa, dopo 23 anni di esilio, ha avuto i parenti uccisi in un ristorante "Questa non è resistenza – dice in un rapporto. Chiamarla così è un insulto al popolo irakeno. Come può un popolo 'resistere' all'occupazione uccidendo la propria gente e facendo scoppiare bombe lungo la strada, vicino alle moschee, distruggendo personale dell'Onu, della Croce Rossa? Una vera resistenza del popolo irakeno non sarebbe condotta in questo modo così patetico e codardo".

La presenza della Coalizione sta facendo bene anche al Medio Oriente. L'idea di portare la democrazia nel mondo arabo sta guadagnando punti in una regione che conosce solo dittature personali o di famiglia, che nascondono dietro la posa islamica una barbarie contro l'uomo e la libertà. In Arabia Saudita le pressioni sul sistema di governo sono ormai innumerevoli. Persino le donne chiedono con insistenza i loro diritti. In Iran, anche se i conservatori hanno vinto le elezioni, non vi è mai stata una sfida così aperta al potere degli ayatollah. Negli emirati arabi si torna a parlare di libertà di religione e di parlamento. In Siria 1000 intellettuali chiedono le riforme politiche e – caso unico nella dittatura degli Assad – non vengono arrestati. Perfino il conflitto israelo-palestinese ha trovato dei paladini (Yossi Beilin, ex Ministro di Giustizia israeliano  e Yasser Abed Rabu, politico palestinese, autori di una bozza di trattato di pace) che sono più ascoltati – e credibili -  dello stesso Sharon e Arafat.

Dal Medio Oriente e dall'Iraq in particolare viene la richiesta di lavorare per un mondo dove i diritti umani siano rispettati e messi al posto d'onore nel rapporto con le nazioni. E questo proprio mentre l'Europa sembra dire addio a ogni criterio ideale, per vivere – o sopravvivere – di commerci e ideologie pacifiste a fiato corto.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
06/03/2004 iraq
Mistero sulla morte di Abu Mus'ab al Zarqawi, mentre l'imam al-Sadr accusa gli USA
16/04/2004 iraq
Al-Sistani agli Usa: "La città di Najaf è una linea rossa"
08/08/2004 iraq - stati uniti
Americano ammette: il video della decapitazione è un falso
02/11/2006 iraq
Jalal Talabani: truppe Usa ancora per qualche anno; invito alla Francia
17/05/2004 iraq
Capo del governo di coalizione ucciso da un attacco kamikaze
Articoli del dossier
iraq
Nell'Iraq dell'occupazione c'è speranza di democrazia
iraq
Banca Mondiale: all'Iraq il primato per la crescita economica 2004
iraq
Firmata la costituzione provvisoria: "É un momento storico"
iraq
L'oleodotto di Kirkuk è pronto, ma non apre

In evidenza
VATICANO
Il Papa su Medio Oriente, Iraq, Ucraina: "Fermatevi, ve lo chiedo con tutto il cuore! Fermatevi!"Il ricordo dei bambini, vittime delle guerre, "ai quali si toglie la speranza di una vita degna". Affrontare "ogni diatriba con la tenacia del dialogo e del negoziato e con la forza della riconciliazione". Domani, i 100 anni dallo scoppio della Prima guerra mondiale, "un giorno di lutto". Imparare le lezioni della storia. Il Vangelo ti fa conoscere Gesù vero, vivo; ti parla al cuore e ti cambia la vita, come per san Francesco di Assisi. "La gioia di avere trovato il tesoro del Regno di Dio traspare, si vede. Il cristiano non può tenere nascosta la sua fede".
IRAQ - VATICANO
Patriarca di Baghdad: Il cuore "sanguina" per gli innocenti in lraq, Siria e Gaza. Ed è "triste" per la timidezza del mondo civilizzatoMar Louis Sako invia un messaggio al card. Barbarin, in occasione della marcia di solidarietà con i cristiani dell'Iraq, che si tiene oggi a Lione. "Non ci dimenticate!".
VATICANO
Papa: sono con i cristiani perseguitati di Mosul e del Medio Oriente"Il Dio della pace susciti in tutti un autentico desiderio di dialogo e di riconciliazione. La violenza non si vince con la violenza. La violenza si vince con la pace!". All'Angelus Francesco ha commentato la parabola del buon grano e della zizzania. Dio è "paziente", sa che "la stessa zizzania, alla fine, può diventare buon grano". Ma "al tempo della mietitura, cioè del giudizio, i mietitori eseguiranno l'ordine del padrone separando la zizzania per bruciarla".

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate