24/04/2007, 00.00
VATICANO

Vaticano: aborto ed eutanasia, il terrorismo dal volto umano

Parlando del problema del male, il segretario della Congregazione per la dottrina della fede evidenzia la presenza, accanto alla violenza “abominevole” dei kamikaze, di sue manifestazioni “quasi invisibili”, paradossalmente presentate come “bene” e “progresso”.

Roma (AsiaNews) - L'aborto, l’eutanasia, la manipolazione genetica, coloro che “promulgano leggi contrarie all'essere umano”, sono espressioni del “terrorismo dal volto umano”, che, accanto a quello “abominevole” dei kamikaze, manifestano la presenza del “male” nella società. Lo ha evidenziato mons. Angelo Amato, segretario della Congregazione per la dottrina della fede, affrontando “Il problema del male. Riflessioni filosofiche e teologiche” nel corso del Seminario mondiale dei cappellani cattolici e membri delle cappellanie dell'Aviazione civile in corso a Roma su iniziativa del Pontificio consiglio della pastorale per i migranti e gli itineranti.

“Leggendo i giornali, o utilizzando internet o la tv o la radio – ha sostenuto - ogni giorno noi assistiamo a un film perverso sul male, che viene ‘girato’ in ogni parte del mondo con sceneggiature sempre nuove e crudeli, come constatiamo dalle mille provocazioni del terrorismo internazionale”. A questa “razione giornaliera” di male si aggiunge quello che resta “quasi invisibile” ma che “esiste nelle sedi più impensate e che, paradossalmente, viene presentato come bene”, come espressione del “progresso dell'umanità”. Tali sono, per mons. Amato, le cliniche abortiste, “autentici mattatoi di esseri umani in boccio”; i laboratori dove si “fabbrica” ad esempio la Ru 486 - la cosiddetta pillola del giorno dopo - o dove "si manipolano gli embrioni umani”: i parlamenti delle cosiddette nazioni “civili” dove si “promulgano leggi contrarie all'essere umano”. A questo si aggiungono le cosiddette sette sataniche che praticano “un vero e proprio culto sacrilego del male”.

“Oltre all’abominevole terrorismo dei kamikaze, che occupa quotidianamente la nostra cineteca mediatica – ha detto mons. Amato – c’e’ il cosiddetto ‘terrorismo dal volto umano’, anch’esso quotidiano e altrettanto ripugnante, che viene subdolamente propagandato dai mezzi di comunicazione sociale, manipolando ad arte il linguaggio tradizionale, con espressioni che nascondono la tragica realtà dei fatti”, come quando l’aborto viene chiamato “interruzione volontaria della gravidanza e non uccisione di un essere umano indifeso” o quando l’eutanasia viene chiamata “più blandamente morte con dignità”. Il male oggi – ha poi aggiunto – “non e’ solo azione di singoli o di gruppi ben individuabili, ma proviene da centrali oscure, da laboratori di opinioni false, da potenze anonime che martellano le nostre menti con messaggi falsi, giudicando ridicolo e retrogrado un comportamento conforme al Vangelo”. “Purtroppo – ha concluso mons. Amato – non possiamo chiudere le biblioteche del male ne’ distruggere le sue cineteche che si riproducono come virus letali” ma possiamo chiedere a Dio di “rafforzarci, mediante la formazione di una retta coscienza che cerca e ama il vero e il bene ed evita il male”.

 

Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa: la libertà religiosa è “insopprimibile, inalienabile ed inviolabile”
21/09/2007
Clonazione umana, la vertigine della scienza e il dominio sulla vita
19/11/2004
Papa: l’eutanasia è il comportamento “dei mafiosi: c’è un problema, facciamo fuori questo …”
24/07/2015
Operatori sanitari, non si può mai derogare dal rispetto per la dignità della persona
06/02/2017 13:39
Papa: i medici rifiutino la "cultura dello scarto" e testimonino la "cultura della vita"
20/09/2013