26 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 23/05/2007, 00.00

    CINA

    “Governo e polizia sono come l’esercito invasore giapponese”



    Aborti e sterilizzazioni forzate, multe pari ad anni di stipendio, depredate le case di chi non pagava: gli abitanti della contea di Bobai raccontano le atrocità attuate in due mesi dalle autorità per applicare la politica del figlio unico. Tra la popolazione una muta promessa di unità e di ribellione contro simili violenze.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Per la politica del figlio-unico, nella contea di Bobai (prefettura di Yulin, Guangxi) per mesi polizia e governo hanno costretto le donne ad abortire, le hanno sterilizzate con la forza, a chi aveva un figlio in più hanno imposto multe pari ad anni di lavoro, hanno portato via tutto e distrutto la casa a chi non ha potuto pagare. Dopo la sommossa dei giorni scorsi, ora la polizia presidia le strade, guardata dalla popolazione come un esercito invasore e tiranno.

    Nel villaggio di Shabi e in quelli vicini, centinaia di persone hanno fatto visita alle famiglie depredate dal governo, in una muta promessa di solidarietà e di lotta contro qualsiasi nuovo sopruso. Nella perdurante scarsità di commenti ufficiali, c’è chi dice che non ci sono stati arresti, mentre Xinhua parla di 28 detenuti, dopo che centinaia di persone hanno assalito gli uffici del governo nella maggiore protesta di massa nella zona da anni. Intanto la gente prende coraggio e racconta le violenze subite. “Hanno fatto come l’esercito giapponese” dice un uomo al quotidiano South China Morning Post di Hong Kong, richiamando quelle che i cinesi considerano le massime atrocità subite nella storia recente. “Loro [polizia e funzionari pubblici] hanno portato via le donne incinte costringendole ad abortire. Hanno imposto multe ridicole [perché eccessive]. Abbiamo lottato per la sopravvivenza”.

    “Alcune donne non sposate – racconta un altro uomo – sono state multate e costrette a fare un intervento chirurgico” [per prevenire gravidanze].

    Le multe sono state di 20-30mila yuan per ogni figlio in più. Qui il salario è di 5-600 yuan al mese e qualche famiglia ha anche 4-5 figli. La polizia ha depredato chi non ha potuto pagare. Secondo il Guangxi Daily, organo ufficiale del governo provinciale, a marzo sono stati impiegati 5.896 funzionari per imporre alle famiglie il controllo sulle nascite.

    “Una notte hanno buttato giù la porta – dice una donna che non ha potuto pagare la multa di 26mila yuan per il secondo figlio – e sono entrati. Sembrava una rapina. Hanno portato via qualsiasi cosa utile, anche i miei utensili da cucina. Poi hanno divelto le finestre. In una notte abbiamo perso la nostra casa”. Hanno portato via anche i letti e hanno dormito in un sottoscala.

    I racconti simili sono numerosi. Un testimone osserva che “la cosa più importante per una famiglia è avere un luogo sicuro dove vivere e mangiare. Se lo porti via, chiunque si ribellerà”.

    La politica del figlio-unico è in vigore da circa 3 decadi, ma è stata applicata in modo difforme nel Paese. Nelle campagne c’è sempre stata minore rigidità. Mentre di recente è stato notato che non ha colpito le famiglie ricche, alle quali è bastato pagare la multa per avere altri figli.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/05/2007 CINA
    Nuove proteste nel Guangxi contro la politica del figlio-unico
    In varie città la folla ha devastato gli uffici pubblici e si è scontrata con la polizia, protestando per le multe eccessive imposte a chi ha più figli. Chiamati centinaia di poliziotti a presidiare la zona. Le autorità insistono che hanno solo applicato la legge.

    09/09/2010 CINA
    Chen Guangcheng, attivista cieco, libero dopo oltre 4 anni di prigione
    Aveva denunciato le violenze legate alla legge sul figlio unico, con aborti forzati e sterilizzazioni nello Shandong. In prigione si è ammalato ma non ha avuto il permesso di curarsi. In questi anni, sua moglie ha subito arresti domiciliari e isolamento, telefoni controllati e internet sconnesso.

    22/05/2009 CINA
    Figlio unico: inasprite le sanzioni per i migranti
    Multe più elevate per chi ha più di un figlio. I migranti sono oltre 150 milioni, il 70% in età feconda, ed è difficile un controllo perché non sono residenti nelle città dove lavorano. Sempre più contestata dalla popolazione questa politica che ha causato 90 milioni di figli unici.

    05/06/2007 CINA
    In carcere chi ha protestato contro la politica del figlio unico e gli aborti forzati
    Nel Guangxi la polizia assalta una piccola città, irrompe nelle case e porta via almeno 12 persone accusate di avere organizzato le proteste di maggio. Ora la popolazione vive nel terrore di essere arrestata e cresce la tensione. Ma questa violenza è criticata persino dalla stampa di Stato.

    28/02/2012 CINA
    Legge sul figlio unico, il Partito vuole una pubblicità “più amichevole”
    La politica di pianificazione familiare, che negli anni ha provocato circa 200 milioni di aborti, rimane in vigore. Ma il governo intende eliminare gli slogan troppo crudi che l’accompagnano, come “Se scappi dalla sterilizzazione ti troveremo, e se vorrai impiccarti ti daremo la corda”.



    In evidenza

    ISRAELE-PALESTINA
    Nuovo vicario di Gerusalemme: giovani e scuola, futuro di pace e speranza



    Mons. Giacinto-Boulos Marcuzzo sottolinea l’importanza dell’istruzione per garantire l’avvenire delle nuove generazioni. La Chiesa segno di “unità” in un contesto “segnato dalle divisioni” e ponte nel dialogo fra le fedi. Dall’euforia per la pace alla rassegnazione per un conflitto permanente. Un appello ai cristiani d’Occidente: venite pellegrini in Terra Santa.


    NEPAL
    Al via la mattanza di animali per la festa di Dashain. Protestano buddisti e animalisti

    Christopher Sharma

    La festività dura 15 giorni ed è la più importante del Nepal. Gli amanti degli animali presidiano i templi e tentano di sensibilizzare gli indù. La puzza delle carcasse in decomposizione avvolge le case intorno ai luoghi di culto. La polizia schierata per evitare scontri.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®