4 Marzo 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 09/06/2007
VATICANO
Mons. Fernando Filoni è il nuovo Sostituto per gli affari generali della Segreteria di stato
È un grande esperto di Cina e Medio Oriente. Mons. Leonardo Sandri viene nominato invece Prefetto della Congregazione per le Chiese orientali.

Città del Vaticano (AsiaNews) – Un esperto del mondo cinese e di quello medio-orientale è da oggi il nuovo sostituto per gli affari generali alla Segreteria di stato vaticana. Benedetto XVI ha infatti nominato oggi mons. Fernando Filoni, chiamandolo a lavorare in Vaticano dalla nunziatura delle Filippine.

Mons. Filoni, 61 anni, è nato a Manduria (Taranto) ed è laureato in filosofia e in diritto canonico. Entrato nel servizio diplomatico della Santa Sede, ha lavorato nelle nunziature di Sri Lanka, Iran, Brasile e nella Curia romana.

Il periodo più intenso e importante è quello che ha passato negli anni ‘90 ad Hong Kong, nella cosiddetta “Missione di studio” della Santa Sede, legata diplomaticamente alla nunziatura di Manila. Durante questo tempo mons. Filoni è stato lo strumento di Giovanni Paolo II nel riconciliare la maggioranza dei vescovi della Chiesa ufficiale cinese con la Santa Sede. Ed è stato anche il principale sponsor della candidatura di mons. Joseph Zen a vescovo di Hong Kong. In stretta amicizia con lui, è stato testimone del passaggio della ex colonia inglese sotto la sovranità della Cina.

Il 17 gennaio 2001 è divenuto arcivescovo titolare di Volturno e nominato nunzio apostolico in Giordania e Iraq, ricevendo l’ordinazione episcopale da Giovanni Paolo II.

Mons. Filoni ha difeso la libertà della Chiesa irakena nel periodo sotto Saddam e – in linea con la posizione del papa – si era opposto alla guerra guidata dagli Usa in Iraq. Dopo la caduta di Saddam Hussein egli non ha mancato di notare alcuni aspetti di nuova libertà fra la popolazione – scuole, media, ecc.. – ma ha anche denunciato la mancanza di sicurezza e il troppo lento evolversi dell’economia, elogiando la nuova costituzione e sostenendo la solidarietà e la convivenza fra cristiani e musulmani.

Il 25 febbraio 2006 è stato nominato nunzio nelle Filippine.

In una dichiarazione pubblicata dalla Sala stampa vaticana, egli commenta così la sua nomina:

“È un Atto di paterna benevolenza del Sommo Pontefice, al quale rispondo non senza trepidazione, ma con la stessa disponibilità del passato e con profonda gratitudine. Mi sovvengono in aiuto interiore le stupende parole di Gesù, riportate da Luca (17,10), sull’attitudine al servizio a cui Egli chiamava i suoi discepoli: ‘Quando avete fatto tutto quanto vi è stato detto, dite: siamo solo servi, abbiamo fatto il nostro dovere’.”.

Mons. Leonardo Sandri, fino ad ora sostituto per gli affari generali, è stato nominato oggi Prefetto della congregazione per le Chiese orientali, dopo che il papa ha accolto la rinuncia per raggiunti  limiti di età del card. Ignace Moussa Daud I.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
17/01/2013 VATICANO – CHIESE ORIENTALI
Card. Sandri: Le Chiese d'Oriente ci insegnano la solidarietà e ci fanno riscoprire la fede
13/11/2007 VATICANO – ITALIA – HONG KONG
La “gratitudine” della Santa Sede e della Chiesa cinese per l’opera di p. Franco Belfiori
10/05/2011 VATICANO
Fernando Filoni è il nuovo pro-Prefetto di Propaganda Fide
25/10/2012 VATICANO-CINA
Card. Filoni: La Lettera del Papa alla Chiesa di Cina attende risposta
di Card. Fernando Filoni
23/08/2014 VATICANO - IRAQ
Il Papa dona 1 milione di dollari per i cristiani e le altre minoranze dell'Iraq

In evidenza
EGITTO - ISLAM
Le parole di al-Tayeb e di al-Sisi un grande passo per una rivoluzione dell'islam
di Samir Khalil SamirIl grande imam di Al-Azhar ha denunciato le interpretazioni basate sulla lettera del Corano e della sunna, brandite dai fondamentalisti e dai terroristi islamici; sostiene l'urgenza di una riforma dell'insegnamento dell'islam fra i laici e gli imam; domanda la fine della scomunica (takfir) reciproca fra sunniti e sciiti. E il presidente egiziano al-Sisi ha deciso di combattere lo Stato islamico dopo la decapitazione di 21 cristiani copti, che egli ha definito "cittadini egiziani" a parte intera.
ARABIA SAUDITA - ISLAM
Imam di Al-Azhar: Per fermare l'estremismo islamico occorre una riforma dell'insegnamento religiosoPer Ahmed al-Tayeb è urgente stilare un nuovo curriculum di studi per evitare una "cattiva interpretazione" del Corano e della sunna. Il terrorismo islamico mette in crisi l'unità del mondo musulmano. Il "nuovo colonialismo globale alleato al sionismo mondiale". Il discorso del re saudita.
HONG KONG - CINA - VATICANO
Card. Zen: Sembra che qualcuno voglia farci tacere
di Card. Joseph Zen Ze-kiunIl diffuso ottimismo sul miglioramento del dialogo fra Santa Sede e Cina sembra non avere fondamento. Alcune "tendenziose" interviste a vescovi cinesi, frenati nella libertà di parlare. Le questioni fondamentali sono sempre aperte: chi nomina i vescovi; cosa fare dell'Associazione patriottica. La guida della Lettera di Benedetto XVI ai cattolici cinesi, citata anche da papa Francesco. Un non accordo è meglio di un cattivo accordo. Cosa è successo a mons. Cosma Shi Enxiang? E a mons. Giacomo Su Zhimin? Un'animata riflessione del vescovo emerito di Hong Kong, campione della libertà religiosa in Cina.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate