28 Agosto 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 09/06/2007
VATICANO
Mons. Fernando Filoni è il nuovo Sostituto per gli affari generali della Segreteria di stato
È un grande esperto di Cina e Medio Oriente. Mons. Leonardo Sandri viene nominato invece Prefetto della Congregazione per le Chiese orientali.

Città del Vaticano (AsiaNews) – Un esperto del mondo cinese e di quello medio-orientale è da oggi il nuovo sostituto per gli affari generali alla Segreteria di stato vaticana. Benedetto XVI ha infatti nominato oggi mons. Fernando Filoni, chiamandolo a lavorare in Vaticano dalla nunziatura delle Filippine.

Mons. Filoni, 61 anni, è nato a Manduria (Taranto) ed è laureato in filosofia e in diritto canonico. Entrato nel servizio diplomatico della Santa Sede, ha lavorato nelle nunziature di Sri Lanka, Iran, Brasile e nella Curia romana.

Il periodo più intenso e importante è quello che ha passato negli anni ‘90 ad Hong Kong, nella cosiddetta “Missione di studio” della Santa Sede, legata diplomaticamente alla nunziatura di Manila. Durante questo tempo mons. Filoni è stato lo strumento di Giovanni Paolo II nel riconciliare la maggioranza dei vescovi della Chiesa ufficiale cinese con la Santa Sede. Ed è stato anche il principale sponsor della candidatura di mons. Joseph Zen a vescovo di Hong Kong. In stretta amicizia con lui, è stato testimone del passaggio della ex colonia inglese sotto la sovranità della Cina.

Il 17 gennaio 2001 è divenuto arcivescovo titolare di Volturno e nominato nunzio apostolico in Giordania e Iraq, ricevendo l’ordinazione episcopale da Giovanni Paolo II.

Mons. Filoni ha difeso la libertà della Chiesa irakena nel periodo sotto Saddam e – in linea con la posizione del papa – si era opposto alla guerra guidata dagli Usa in Iraq. Dopo la caduta di Saddam Hussein egli non ha mancato di notare alcuni aspetti di nuova libertà fra la popolazione – scuole, media, ecc.. – ma ha anche denunciato la mancanza di sicurezza e il troppo lento evolversi dell’economia, elogiando la nuova costituzione e sostenendo la solidarietà e la convivenza fra cristiani e musulmani.

Il 25 febbraio 2006 è stato nominato nunzio nelle Filippine.

In una dichiarazione pubblicata dalla Sala stampa vaticana, egli commenta così la sua nomina:

“È un Atto di paterna benevolenza del Sommo Pontefice, al quale rispondo non senza trepidazione, ma con la stessa disponibilità del passato e con profonda gratitudine. Mi sovvengono in aiuto interiore le stupende parole di Gesù, riportate da Luca (17,10), sull’attitudine al servizio a cui Egli chiamava i suoi discepoli: ‘Quando avete fatto tutto quanto vi è stato detto, dite: siamo solo servi, abbiamo fatto il nostro dovere’.”.

Mons. Leonardo Sandri, fino ad ora sostituto per gli affari generali, è stato nominato oggi Prefetto della congregazione per le Chiese orientali, dopo che il papa ha accolto la rinuncia per raggiunti  limiti di età del card. Ignace Moussa Daud I.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
17/01/2013 VATICANO – CHIESE ORIENTALI
Card. Sandri: Le Chiese d'Oriente ci insegnano la solidarietà e ci fanno riscoprire la fede
13/11/2007 VATICANO – ITALIA – HONG KONG
La “gratitudine” della Santa Sede e della Chiesa cinese per l’opera di p. Franco Belfiori
10/05/2011 VATICANO
Fernando Filoni è il nuovo pro-Prefetto di Propaganda Fide
25/10/2012 VATICANO-CINA
Card. Filoni: La Lettera del Papa alla Chiesa di Cina attende risposta
di Card. Fernando Filoni
23/08/2014 VATICANO - IRAQ
Il Papa dona 1 milione di dollari per i cristiani e le altre minoranze dell'Iraq

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate