13/06/2007, 00.00
COREA DEL SUD
Invia ad un amico

Seoul, aperto il dibattito sull’eutanasia

di Theresa Kim Hwa-young
La rimozione del respiratore che manteneva in vita una donna affetta da cirrosi epatica ha scatenato nel Paese un dibattito pubblico sulla “dolce morte” ed il suo trattamento giudiziario. Il ministero della Salute chiede “un accordo di maggioranza”.
Seoul (AsiaNews) – Un caso di “dolce morte” in Corea del Sud ha aperto il dibattito sull’eutanasia nel Paese, tema fino ad ora ignorato sia dall’opinione pubblica che dalla legge, e sta creando molta aspettativa sulle decisioni in merito, che dovranno essere prese dalla Corte Suprema.
 
Il caso è nato quanto un dottore di 30 anni, identificato solo con il cognome Park, ha rimosso il respiratore che manteneva in vita una donna affetta da cirrosi epatica. L’uomo, arrestato su richiesta del figlio della paziente, si è difeso dicendo di aver adempiuto alla volontà della donna stessa. Questa aveva infatti chiesto di non essere mantenuta in vita in maniera artificiale. La rimozione del respiratore è stata richiesta dalla figlia, ora accusata dal fratello di omicidio.
 
L’arresto è stato eseguito dagli agenti del distretto di Bangbae, a Seoul, che hanno presentato il medico al procuratore chiedendo di non accusarlo di nulla. Data l’assoluta mancanza di precedenti, questi ha chiamato in causa i giudici della Corte Suprema, che ora si dovranno pronunciare in materia.
 
La Corea registra un solo caso di eutanasia, avvenuto nel 2004 all’interno dell’ospedale Boramae. Qui, due medici hanno interrotto i trattamenti ad un uomo affetto da emorragia cerebrale, su richiesta della famiglia. In quel caso, l’Alta corte della capitale aveva detto che “in alcuni casi, si può permettere l’eutanasia, se questa era stata richiesta dal paziente”.
 
Eppure, dice l’opinione pubblica, i due casi sono diversi: quello di Boramae non ha rappresentato eutanasia attiva, ma solo passiva. Quest’ultima, definita anche “morte dignitosa”, è legale in diversi Paesi, fra cui il Giappone.
 
Jeong Jun-seop, dirigente del ministero della Salute, dice di essere fiducioso nel pronunciamento della Corte su questo nuovo caso. In Corea, spiega, “vi sono posizioni molto diverse sull’argomento, ma bisognerà sforzarsi e trovare un accordo di maggioranza, che potrà poi divenire legge”.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Medici rifiutano l'eutanasia per una donna in coma vegetativo
18/12/2008
La rivista Science apre un'indagine sulle false scoperte del "pioniere" della clonazione
22/12/2005
"Pioniere" sudcoreano della clonazione ancora nella bufera
16/12/2005
Pioniere della clonazione umana ritorna "commosso" al suo lavoro
13/12/2005
Seoul apre un'inchiesta sulle ricerche del prof. Hwang
30/11/2005