03/04/2019, 11.00
GIAPPONE
Invia ad un amico

È ‘Bella armonia’ la traduzione della nuova era ‘Reiwa’

Il ministero degli Esteri: “’Reiwa’ si riferisce alla bellezza dei fiori di pruno dopo un duro inverno, ed è intesa come la bellezza delle persone quando mettono insieme i loro cuori per far crescere una cultura”. Secondo indiscrezioni, a suggerire il nome è stato l'esperto di letteratura giapponese Susumu Nakanishi.

Tokyo (AsiaNews/Agenzie) – Il governo giapponese annuncia che è “Bella armonia” la traduzione ufficiale del nome della nuova era imperiale “Reiwa”, che si aprirà il primo maggio con l’intronizzazione del principe ereditario Naruhito. Il nome nuova era (foto 1) consiste di due caratteri: “Rei” che significa “ordine”, “comando”, ma anche “auspicio”, e “Wa”, che significa “armonia” e “pace”. Essa vuole essere una definizione per il futuro e apparirà su monete, giornali, patenti, documenti ufficiali.

Negli ultimi giorni, esperti e media hanno offerto una varietà di interpretazioni circa il significato di “Reiwa”. Alcuni avevano espresso disappunto, poiché traducevano il nome con “perseguimento dell’armonia”, nel senso di "ordine" e "comando", sottolineando il tono freddo e autoritario dell’espressione.

Nella giornata di ieri, un funzionario del ministero degli Esteri ha comunicato la traduzione ufficiale. Masaru Sato, vice-console generale e direttore del Japan Information Center di New York, afferma che  “’Reiwa’ si riferisce alla bellezza dei fiori di pruno dopo un duro inverno, ed è intesa come la bellezza delle persone quando mettono insieme i loro cuori per far crescere una cultura”.

I dibattiti sul nome della nuova era dominano sui giornali e talk show televisivi giapponesi. Secondo indiscrezioni apparse sui media, una fonte governativa ha ammesso che a suggerire la scelta del nome “Reiwa” è stato l'esperto di letteratura giapponese Susumu Nakanishi (foto 2), professore emerito in letteratura giapponese all'Università delle donne di Osaka. L’89enne accademico faceva parte di un gruppo di esperti interpellati dal governo. Il termine “Reiwa” deriva dal “Manyoshu” (Collezione delle Diecimila Foglie), la più antica antologia della poesia giapponese. Nakanishi è un noto esperto dell’opera.

L'annuncio dà al governo, alle imprese ed ai cittadini giapponesi solo un mese per adattarsi a un cambiamento che riguarda molti aspetti della società, sebbene l'imperatore non abbia alcun potere politico ai sensi della costituzione postbellica. I nomi delle ere sono ancora ampiamente usati nei documenti governativi e commerciali, oltre che nei calendari. Molte persone li usano per identificare generazioni e periodi storici.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
‘Reiwa’ è la nuova era imperiale di Naruhito
01/04/2019 08:44
Naruhito è il nuovo imperatore del Giappone
01/05/2019 08:30
Tokyo: l’imperatore lascerà il trono con una cerimonia di soli 10 minuti
26/04/2019 11:43
Tokyo, al via le cerimonie per l’abdicazione dell’imperatore
12/03/2019 08:19
Dopo il Papa, l'imperatore: Akihito sarà “emerito”
26/02/2019 09:58