25/06/2020, 10.53
BANGLADESH
Invia ad un amico

​Per il coronavirus le estetiste cristiane lasciano Dhaka e tornano ai villaggi

di Sumon Corraya

Sono migliaia le donne che la crisi economica ha costretto a lasciare l’impiego che avevano in città e tornare a casa e lavorare nei campi. Molte sono cristiane di etnia Garo.

Dhaka (AsiaNews) - Santa Rema, un'estetista ha lavorato a Dhaka; due mesi fa, è tornata nella parrocchia di Jalchatra a Tangail. La donna cattolica di 30 anni racconta: “Ho lavorato in un noto salone di bellezza a Dhaka. Dopo marzo, ho perso il lavoro e sono tornato a casa a Jalchatra. Ora lavoro in un terreno agricolo come lavoratore giornaliero”. Dice che era abituata a lavorare con l'aria condizionata nel salone di bellezza, ma ora lavora a cielo aperto sotto la pioggia e il sole. Ed è difficile per lei lavorare.

Anche Nipa Sangma, un'altra estetista, racconta la sua storia. Per cambiare vita lei e i suoi tre fratelli hanno lavorato in diversi saloni di bellezza a Dhaka, ma dopo l’inizio della pandemia di coronavirus, ora sono tutti senza lavoro. Sono tornati nel villaggio di Jalchatra e per sopravvivere ora stanno lavorando nei campi. “Per cambiare la nostra sorte, abbiamo imparato a lavorare in un beauty parker, ma ora il salone di bellezza è chiuso per il coronavirus. Ecco perché non possiamo restare lì. Per sopravvivere, stiamo lavorando nei campi”. Voleva l’aiuto del governo fino alla fine della crisi del coronavirus.

Queste storie non riguardano solo Nipa e Santa, ma sono storie di migliaia di donne.

Protap Rema, che dirige il Nokmandi Community Center, un gruppo per i diritti Garo, spiega che dopo l'inizio della pandemia di coronavirus, i garos vivono una vita disumana. Ha espresso preoccupazione per la disoccupazione della comunità Garo. Dice che a Dhaka vivono circa 30mila cristiani Garo, il 90% dei quali è senza lavoro. Per sopravvivere, molti di loro sono tornati a casa nel loro villaggio. “A quanto so, nella città di Dhaka, oltre 4mila donne cristiane Garo erano occupate nei saloni di bellezza. Oltre a mantenere la famiglia a Dhaka, inviavano anche denaro nel villaggio, ma ora sono senza lavoro. Molte estetiste stanno tornando a casa del villaggio perché non potevano sostenere i costi di Dhaka”.

Dice anche che molti bambini Garo studiano a Dhaka e che non possono tornare a casa per gli studi dei loro figli. Le estetiste stanno passando un momento molto  difficile.

Protap Rema fa sapere che a Dhaka ci sono circa 110 proprietari di saloni di bellezza che si trovano in situazione drammatica, perché tutti i saloni di bellezza sono chiusi e non hanno entrate.

Ha anche informato che il famoso gruppo di nome Persona occupa 2500 donne garo.

Tuttavia, secondo Varitia Parishad, presidente dell'organizzazione Baharan Sultan Bahar 50mila persone hanno lasciato la casa in affitto di Dhaka durante la pandemia di coronavirus. Molte persone sono rimaste a Dhaka con la famiglia, per la diminuzione dello stipendio o del reddito stanno rimandando i loro familiari ai villaggi.

Jubair Ahamad, un venditore di alimentari di strada, racconta: "Ho rimandato mia moglie e due bambini nel villaggio di Natore e ho lasciato la casa in affitto, perché il mio reddito diminuiva del 50% e non avrei potuto sopravvivere se non avessi rimandato la mia famiglia in villaggio". Ora Jubair alloggia in un ostello dove i maschi soggiornano a cifre economiche.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Coronavirus: donna cristiana aggredita e molestata per non aver pagato l’affitto
19/05/2020 11:21
Cristiani e musulmani piangono p. Eugene E. Homrich, ‘grande missionario dell’etnia Garo’
27/07/2020 12:23
Mymensingh, inaugurato il primo museo 'missionario' della Chiesa cattolica
13/01/2020 14:50
Mymensingh, tribali cattolici Garo: Offriamo il raccolto a Cristo Re
25/11/2019 12:23
P. Abel, il sacerdote più anziano della diocesi di Dhaka
25/04/2019 08:00