24 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 07/10/2016, 09.57

    IRAQ - ITALIA

    “Adotta un cristiano di Mosul”: finanziate famiglie e micro-imprese



    Consegnati oltre 22mila dollari alla Chiesa irakena per rispondere alle necessità dei profughi. I fondi usati per sostenere le necessità delle famiglie, acquistare mobili e medicine, contribuire a micro-progetti di sviluppo locali. Parroco di Amadiya: ai lettori di AsiaNews “la mia personale riconoscenza e quella dei profughi”. 

     

    Erbil (AsiaNews) - Denaro contante per sostenere le necessità delle famiglie di profughi ospitati ancora oggi nei centri di accoglienza gestiti dalla Chiesa caldea. E ancora, fondi per l’acquisto di medicine, mobili e letti, oltre che finanziamenti mirati per sostenere lo sviluppo di micro-progetti a livello locale. Sono solo alcuni fra i molti modi in cui è stato utilizzato il denaro inviato dai lettori di AsiaNews che hanno aderito alla campagna  “Adotta un cristiano di Mosul”; una iniziativa lanciata dalla nostra agenzia, per rispondere ai fabbisogni delle centinaia di migliaia di persone fuggite da Mosul e dalla piana di Ninive con l’ascesa dello Stato islamico (SI). 

    A raccontarlo è p. Samir Youssef, parroco della diocesi di Amadiya (Kurdistan), che cura 3500 famiglie di profughi cristiani, musulmani, yazidi che hanno abbandonato le loro case e le loro terre per sfuggire ai jihadisti. Il sacerdote è in prima linea sin dall’estate del 2014, da quando è iniziata l’emergenza.

    Nelle scorse settimane una parte delle donazioni raccolte nel contesto della campagna aveva permesso a un gruppo di giovani cristiani irakeni di partecipare alla Giornata mondiale della Gioventù (Gmg) in Polonia. Un “aiuto essenziale”, aveva raccontato nell’occasione il parroco, senza il quale “era difficile realizzare il pellegrinaggio”.

    L’ultima somma raccolta nel contesto della campagna e inviata alla Chiesa irakena è di 20mila euro, pari a 22.400 dollari Usa. Come racconta p. Samir, il denaro è stato impiegato per soddisfare le seguenti necessità: 

    • 100 dollari distribuiti a 150 famiglie per le necessità quotidiane, per un valore complessivo di 15mila dollari.
    • 3250 dollari per l’acquisto di mobili (armadi e letti). 
    • 2750 dollari per finanziare micro-progetti, fra cui caffetterie e mini-shop, per garantire lavoro ai rifugiati. 
    • 1400 dollari in medicine. 

     

    “Vorrei ringraziare AsiaNews - sottolinea p. Samir - e per suo tramite tutti i lettori e gli amici per gli aiuti che avete inviato ai nostri profughi”. A tutti voi, aggiunge, “va la mia personale riconoscenza e quella dei nostri fratelli e delle nostre sorelle che vivono la condizione di profughi”. “Che il Signore benedica tutti i donatori - conclude il sacerdote - per la gioia che hanno dato a queste famiglie”. 

    AsiaNews ha lanciato la campagna “Adotta un cristiano di Mosul” all’indomani della tragedia, per rispondere all’emergenza e ai bisogni immediati. Visto il successo dell’iniziativa, si è deciso di proseguire per soddisfare i fabbisogni di lungo periodo.

    L’obiettivo è garantire a tutte le famiglie un alloggio stabile e sicuro dove poter vivere; il costo complessivo del progetto è di circa 3,5 milioni di euro; finora la campagna ha permesso la raccolta e l'invio di circa 1,5 milioni. 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    01/12/2016 10:10:00 IRAQ
    Profughi : ricostruire Mosul in convivenza e armonia (VIDEO)

     Quattro capi famiglia (cristiano, yazidi, sabei e arabo musulmano), fuggiti nel 2014 da Mosul all’arrivo dello Stato islamico raccontano paure e speranze. Il desiderio di ricominciare a vivere; il tentativo di ricostruire un progetto di convivenza e armonia. Nessuno è esente dal “fanatismo islamico”. Solo Dio può sanarci ed essere fonte di salvezza fra noi. Seconda parte (la prima parte è stata pubblicata ieri).

     



    30/11/2016 11:22:00 IRAQ
    Profughi di Mosul: l’amore e l’accoglienza della Chiesa contro la follia dell’Isis (VIDEO)

    P. Samir ha raccolto le testimonianze di quattro capi famiglia, fuggiti nel 2014 con l’arrivo dello Stato islamico. Cristiani, yazidi, sabei e arabi musulmani raccontano le violenze jihadiste le difficoltà dell’esilio, insieme alle speranze per la liberazione di Mosul. L’aiuto “amorevole” della Chiesa e della comunità cristiana una risposta alla violenza jihadista. Prima parte.

     



    24/11/2016 10:07:00 IRAQ
    L’Offensiva di Mosul aggrava il dramma dei profughi cristiani, dimenticati da governo e Onu

    P. Samir Youssef racconta una “emergenza nell’emergenza” che rende ancor più difficile la situazione. Solo la Chiesa aiuta i cristiani che si preparano a vivere “il terzo Natale da profughi”. Dalle aree liberate dal Califfato le storie di donne violentate, bambini indottrinati, case distrutte. E un appello: nessuno chiuda “la porta della misericordia”. 

     



    08/05/2015 IRAQ
    Continua la campagna “Adotta un cristiano di Mosul” (Il Video)
    Già raccolti circa 1,2 milioni di euro. Urgente trovare case e container per i 130mila profughi cristiani fuggiti da Mosul sotto la minaccia dello Stato Islamico. Rispondere all’invito di papa Francesco: Non restare “inerti e muti” di fronte ai nostri fratelli e sorelle perseguitati.

    14/11/2017 09:17:00 IRAQ
    Sacerdote irakeno: per cristiani di Mosul va peggio di quando arrivò l’Isis

    Gli scontri arabo-curdi e sunniti-sciiti ostacolano il rientro dei profughi. Alto il pericolo di nuove violenze, le famiglie trascorrono la notte in macchina e i bambini sono traumatizzati. P. Samir: gravi problemi economici, mancano cibo e kerosene, mentre governi e Ong hanno sospeso gli aiuti. Serve “un miracolo”.

     





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®