Skin ADV
08 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 03/07/2012, 00.00

    INDIA

    “Anno della fede” e nuova evangelizzazione, doni immensi per la Chiesa in India

    Nirmala Carvalho

    P. Savio de Sales è il nuovo direttore dell’ufficio per le Pontificie opere missionarie dell’arcidiocesi di Mumbai. La festa di s. Tommaso apostolo, patrono dell’India, ricorda le priorità della Chiesa in vista dell’Anno della Fede: catechesi di adulti e bambini; dialogo interreligioso.

    Mumbai (AsiaNews) - L'"Anno della Fede" è "un dono immenso per la Chiesa in India, un momento di grazia per i tesori e la saggezza di Santa Madre Chiesa, perché siano ascoltati, celebrati e testimoniati". A parlare è p. Savio de Sales, nuovo direttore dell'ufficio per le Pontificie opere missionarie dell'arcidiocesi di Mumbai. In occasione della festa di s. Tommaso apostolo, patrono dell'India di cui oggi si celebra la memoria liturgica, il sacerdote spiega ad AsiaNews il valore dell'"Anno della Fede" (v. 15/10/2011, "Il Papa indice un "Anno della Fede" per la Nuova Evangelizzazione e la missione ad gentes") per la Chiesa indiana e l'importanza della nuova evangelizzazione.

    P. de Sales illustra la grande "eredità della Fede" in India: "La nostra Chiesa ha ricevuto il dono della fede dal santo apostolo, Tommaso, e più tardi da s. Francesco Saverio, patrono delle missioni. La società moderna ha visto la fede testimoniata attraverso beata Madre Teresa". Secondo il sacerdote, proprio alla luce di questo passato l'Anno proclamato da Benedetto XVI rappresenta un momento fondamentale "per approfondire, formare e testimoniare la fede in India. E la nuova evangelizzazione è una risposta alle sfide del secolarismo".

    Le Pontificie opere missionarie in India seguiranno due direttrici fondamentali: la catechesi degli adulti e quella dei bambini. "La nostra priorità - spiega - sarà istruire studenti e giovani adulti sfruttando le tante istituzioni cattoliche e il nostro sistema educativo. Inoltre, vogliamo promuovere la Holy Childhood Association (la "Santa Infanzia") in tutte le scuole: un'organizzazione dedicata ai più piccoli, per illustrare e spiegare loro la natura missionaria della Chiesa, che vuole mettersi al servizio delle scuole attraverso programmi e progetti".

    Il pluralismo religioso e culturale di cui si è ricca l'India, secondo p. de Sales rendono fondamentale il dialogo tra i diversi credo: "I santuari mariani qui sono un luogo dove si celebra il pluralismo dell'India. Decine di migliaia di non cristiani li riempiono. E in particolare in occasione di speciali novene, i santuari dedicati alla Vergine diventano luoghi dove la Parola di Dio deve essere proclamata. I cristiani In India sono appena il 2,3% della popolazione: la fede deve essere condivisa. Gesù deve essere mostrato agli altri, soprattutto quelli che non lo hanno mai conosciuto. Conosco molte persone che vorrebbero abbeverarsi della Parola del Signore: alcuni magari hanno sentito parlare di lui, ma non sanno come giungervi". 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/09/2012 INDIA
    Nell’Anno della Fede, l’eredità di Madre Teresa per la “nuova evangelizzazione”
    L’arcivescovo di Calcutta ricorda la beata nel giorno in cui si celebra la sua memoria liturgica. La forza della preghiera, l’incontro con l’altro, il servizio, la dedizione verso i sacerdoti: la testimonianza di Madre Teresa, capace di “portare insieme” l’India e il mondo intero “abbattendo ogni barriera”.

    24/01/2013 INDIA
    Card. Toppo: La fede dei cristiani per l’India, modello mondiale
    Nel suo messaggio per la 64ma Festa della repubblica (26 gennaio), l’arcivescovo di Ranchi riflette sul ruolo della Chiesa per il futuro dell’India. Il Paese può sconfiggere violenze, corruzione, povertà, fame e discriminazioni se accoglie la pace di Dio come esperienza universale di amore e giustizia. Il popolo indiano deve vivere “vite coerenti” nella fede.

    29/10/2012 GIAPPONE
    Giappone, l’Anno della Fede “va vissuto tornando allo spirito dei martiri”
    I vescovi scrivono a tutte le chiese nipponiche in occasione dell’Anno proclamato da Benedetto XVI: “Moltissime sfide ci accerchiano. Ma rinnovare la nostra fede e rilanciare l’evangelizzazione sono compiti che non possiamo mettere in secondo piano”.

    17/10/2012 SRI LANKA
    Card. Ranjith: nell’Anno della Fede, le responsabilità dei cattolici dello Sri Lanka
    Rafforzare il sacerdozio; sviluppare una coscienza cristiana nei bambini; rispettare i bisogni delle altre comunità: sono alcune delle sfide presentate dall’arcivescovo di Colombo nella messa di apertura dell’Anno proclamato da Benedetto XVI. Sacerdoti, suore, religiosi e laici devono “rafforzare la propria fede”. La “pienezza del mistero di Dio” ci “invita a una nuova esistenza”.

    16/11/2012 TAIWAN
    Arcivescovo di Taipei: Per Taiwan, una nuova evangelizzazione
    Mons. John Hung Shan-chuan, racconta ad AsiaNews le sfide che affronta la sua Chiesa nell’Anno della Fede proclamato dal Papa: “Questo è un Paese ricco, dove molti credono di poter comprare qualunque cosa. Non capiscono che il loro vuoto interiore può essere colmato solo da Cristo. Siamo grati al pontefice per l’enorme motivazione e per il sostegno continuo”. Il rapporto con le altre Chiese, la crisi delle vocazioni e un ricordo personale del defunto cardinal Shan.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Intervista al Papa sulla Cina: entusiasmo e scetticismo fra i cattolici cinesi. Alcuni sacerdoti sotto il torchio della polizia

    Maria Chen

    Giornali e radio di Stato hanno dato notizia dell’intervista di papa Francesco ad Asia Times. Vi è chi sogna che il pontefice possa visitare la Cina al più presto. Sacerdoti sotterranei sotto interrogatorio. Apprezzamenti per “il ramo d’ulivo” teso dal pontefice e per aver sottolineato il valore della cultura cinese. Ma si è scettici verso la risposta della leadership di Pechino. Il dialogo fra Cina e Vaticano non porta a risultati perché vi sono interessi diversi: politici e religiosi. Non avere fretta di stabilire relazioni diplomatiche per non sacrificare la libertà della Chiesa e il sacrificio dei suoi martiri. La Chiesa cinese è in crescita.


    VATICANO-CINA
    Papa Francesco ridice il suo amore alla Cina e a Xi Jinping



    Il pontefice elogia la “saggezza” e la “grandezza” della Cina e fa gli auguri a Xi Jinping per il Nuovo Anno cinese della Scimmia. Non bisogna “temere” la Cina, ma entrare in dialogo con essa per mantenere la pace nel mondo. Avere “misericordia” per il recente passato del Paese e “andare avanti” per cambiare la realtà. Nell’intervista, per scelta del giornalista, non si parla dei dialoghi fra Vaticano e Cina o di temi religiosi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    Terra Santa Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®