16 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 03/07/2012
INDIA
“Anno della fede” e nuova evangelizzazione, doni immensi per la Chiesa in India
di Nirmala Carvalho
P. Savio de Sales è il nuovo direttore dell’ufficio per le Pontificie opere missionarie dell’arcidiocesi di Mumbai. La festa di s. Tommaso apostolo, patrono dell’India, ricorda le priorità della Chiesa in vista dell’Anno della Fede: catechesi di adulti e bambini; dialogo interreligioso.

Mumbai (AsiaNews) - L'"Anno della Fede" è "un dono immenso per la Chiesa in India, un momento di grazia per i tesori e la saggezza di Santa Madre Chiesa, perché siano ascoltati, celebrati e testimoniati". A parlare è p. Savio de Sales, nuovo direttore dell'ufficio per le Pontificie opere missionarie dell'arcidiocesi di Mumbai. In occasione della festa di s. Tommaso apostolo, patrono dell'India di cui oggi si celebra la memoria liturgica, il sacerdote spiega ad AsiaNews il valore dell'"Anno della Fede" (v. 15/10/2011, "Il Papa indice un "Anno della Fede" per la Nuova Evangelizzazione e la missione ad gentes") per la Chiesa indiana e l'importanza della nuova evangelizzazione.

P. de Sales illustra la grande "eredità della Fede" in India: "La nostra Chiesa ha ricevuto il dono della fede dal santo apostolo, Tommaso, e più tardi da s. Francesco Saverio, patrono delle missioni. La società moderna ha visto la fede testimoniata attraverso beata Madre Teresa". Secondo il sacerdote, proprio alla luce di questo passato l'Anno proclamato da Benedetto XVI rappresenta un momento fondamentale "per approfondire, formare e testimoniare la fede in India. E la nuova evangelizzazione è una risposta alle sfide del secolarismo".

Le Pontificie opere missionarie in India seguiranno due direttrici fondamentali: la catechesi degli adulti e quella dei bambini. "La nostra priorità - spiega - sarà istruire studenti e giovani adulti sfruttando le tante istituzioni cattoliche e il nostro sistema educativo. Inoltre, vogliamo promuovere la Holy Childhood Association (la "Santa Infanzia") in tutte le scuole: un'organizzazione dedicata ai più piccoli, per illustrare e spiegare loro la natura missionaria della Chiesa, che vuole mettersi al servizio delle scuole attraverso programmi e progetti".

Il pluralismo religioso e culturale di cui si è ricca l'India, secondo p. de Sales rendono fondamentale il dialogo tra i diversi credo: "I santuari mariani qui sono un luogo dove si celebra il pluralismo dell'India. Decine di migliaia di non cristiani li riempiono. E in particolare in occasione di speciali novene, i santuari dedicati alla Vergine diventano luoghi dove la Parola di Dio deve essere proclamata. I cristiani In India sono appena il 2,3% della popolazione: la fede deve essere condivisa. Gesù deve essere mostrato agli altri, soprattutto quelli che non lo hanno mai conosciuto. Conosco molte persone che vorrebbero abbeverarsi della Parola del Signore: alcuni magari hanno sentito parlare di lui, ma non sanno come giungervi". 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
05/09/2012 INDIA
Nell’Anno della Fede, l’eredità di Madre Teresa per la “nuova evangelizzazione”
di Thomas D’Souza*
24/01/2013 INDIA
Card. Toppo: La fede dei cristiani per l’India, modello mondiale
di Card. Telesphore Toppo
29/10/2012 GIAPPONE
Giappone, l’Anno della Fede “va vissuto tornando allo spirito dei martiri”
17/10/2012 SRI LANKA
Card. Ranjith: nell’Anno della Fede, le responsabilità dei cattolici dello Sri Lanka
di Melani Manel Perera
16/11/2012 TAIWAN
Arcivescovo di Taipei: Per Taiwan, una nuova evangelizzazione

In evidenza
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate