28 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 26/08/2016, 15.21

    INDIA

    “Una minaccia per la democrazia”: 400 persone ricordano le violenze di Kandhamal

    Nirmala Carvalho

    Ieri si è celebrato l’ottavo anniversario dei massacri a danno dei cristiani. I radicali indù “usano la religione per i loro scopi di propaganda nazionalista”. La politica di discriminazione di casta è tutt’ora in vigore. La sottomissione dei più poveri e indifesi serve ai radicali per governare. “Rompere la politica del ‘divide et impera”.

    Bhubaneswar (AsiaNews) – Circa 400 persone hanno ricordato ieri le vittime cristiane di Kandhamal, nello Stato dell’Orissa, che nel 2008 sono state trucidate dai radicali indù per la loro fede. La celebrazione si è svolta presso l’IDCOL Auditorium a Bhubaneswar, capitale statale, alla presenza di studenti universitari, attivisti, accademici, politici dei partiti comunisti e del Congress. A partire dal ricordo di quelle violenze che hanno sconvolto l’India e il mondo intero, tutti hanno sottolineato l’allarmante crescita della discriminazione di casta, del settarismo e del fondamentalismo da parte degli indù radicali. Tutto questo, hanno affermato, costituisce una “grave minaccia alla democrazia in India”.

    L’incontro di ieri è stato organizzato dal National Solidarity Forum (Nsf) – una coalizione di artisti, scrittori, registi, attivisti e organizzazioni in difesa dei diritti umani – in collaborazione con l’Odisha Forum for Social Action (Ofsa). I partecipanti – di fede cristiana, indù e musulmana – hanno rinnovato il loro sostegno ai familiari delle vittime della più feroce persecuzione contro la minoranza cristiana mai avvenuta in India, in vista della celebrazione della prima “Giornata dei martiri” prevista per il prossimo 30 agosto.

    Durante l’incontro è stato sottolineato che le persone colpite da questa tragedia ancora attendono giustizia, al contrario dei persecutori che non sono mai comparsi di fronte ad un giudice. Dhirendra Panda, coordinatore del Nsf, ha affermato: “La maggior parte di coloro che sono stati incolpati di coinvolgimento diretto sono stati assolti oppure sono fuori dal carcere su cauzione, grazie alle indagini condotte in modo inadeguato. D’altra parte alcune persone innocenti ancora languono in carcere”.

    I relatori hanno evidenziato che le violenze contro le minoranze e la discriminazione nei confronti delle caste povere sono aumentate a partire dal 2008. La motivazione, secondo loro, è che la “religione è usata come arma per rendere il sistema di asservimento ancora più forte…In nome del nazionalismo, la propaganda patriottica del settarismo si fa strada in tutta l’India e rappresenta una seria minaccia per la democrazia indiana”. Inoltre coloro che “alzano la voce contro la presente politica dello scambio di voti delle forze fondamentaliste sono condannati per sedizione”.

    Secondo i partecipanti, la laicità è a rischio, perché i valori democratici sono sotto attacco nelle università, nella burocrazia, nella magistratura. Questo è evidente nella discriminazione fondata sul sistema di caste in vigore tutt’oggi.

    Anche se le caste sono abolite in via costituzionale, i dalit e gli adivasi subiscono ancora maltrattamenti ed emarginazione. I dati presentati mostrano una profonda disparità sociale per i membri di questi due gruppi: il 90% di quelli che vivono nei villaggi sono banditi dai templi; il 54% dei bambini sono separati dal resto degli studenti nelle scuole; l’80% delle comunità dalit e adivasi vivono al di sotto della soglia di povertà.

    I relatori hanno dichiarato che la sottomissione degli indifesi e di coloro che non hanno i mezzi per risollevare le proprie vite, serve alla maggioranza radicale per governare in maniera indiscriminata. Per questo, affermano in conclusione, “dobbiamo rompere la politica del ‘dividi e governa’” e “cambiare la nostra mentalità. Essa deve liberarsi dalle attuali forze settarie e corporative”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/08/2016 11:12:00 INDIA
    Card. Gracias: Le vittime di Kandhamal possano essere innalzate sull’altare dei martiri

    L’arcivescovo di Mumbai ha mandato un messaggio per la Giornata delle vittime del prossimo 30 agosto. Quest’anno si commemorano le più feroci violenze contro i cristiani attuate dai radicali indù. “Possa il sangue versato dai cristiani portare molti frutti alla Chiesa in Orissa”.



    01/09/2016 08:56:00 INDIA
    Orissa, una nuova “Via Madre Teresa” dedicata alla Santa di tutti

    La strada sarà inaugurata il 4 settembre, giorno della canonizzazione della Madre. La cerimonia sarà una funzione pubblica. Le Missionarie della Carità operano in 11 case dislocate su tutto il territorio statale. L’iniziativa acquista ancora più valore perché l’Orissa è lo Stato dove nel 2008 si sono perpetrati i massacri contro i cristiani.



    23/03/2007 INDIA
    Polemiche dei fondamentalisti indù contro i risarcimenti per le vittime del Gujarat
    Il governo centrale ha proposto un piano di aiuti alle vittime della strage del 2002 nel Gujarat. Questa decisione ha provocato l’aspra reazione del partito Bharatiya Janata che accusa il governo di voler attuare questo programma esclusivamente per ottenere voti dai musulmani alle prossime elezioni.

    20/02/2009 INDIA
    Orissa: non si ferma la violenza, ucciso un altro cristiano
    Hrudayananda Nayak, 40 anni, era scomparso la sera del 18 febbraio. Il suo corpo trovato senza vita nella foresta del villaggio di Rudangia i cui abitanti sono per la maggioranza cristiani. Testimoni raccontano che un gruppo di estremisti indù lo ha fermato lungo la strada verso casa. Si tratta del terzo omicidio da ottobre dopo le violenze che hanno colpito i cristiani tra agosto e settembre.

    05/02/2010 INDIA
    Orissa, i sopravvissuti cristiani all’Ue: “Ridateci le nostre vite”
    La delegazione dell’Unione visita i distretti martoriati dalle violenze anti-cristiane del 2008. I cristiani locali, “rifugiati in patria”, chiedono giustizia per quanto avvenuto e implorano il governo di ascoltare la loro voce.



    In evidenza

    VATICANO-EGITTO
    Papa Francesco in videomessaggio: Caro popolo d’Egitto…

    Papa Francesco

    In occasione della sua visita al Paese (28-29 aprile), oggi papa Francesco ha trasmesso un videomessaggio al popolo egiziano. “Il nostro mondo, dilaniato dalla violenza cieca – che ha colpito anche il cuore della vostra cara terra – ha bisogno di pace, di amore e di misericordia; ha bisogno di operatori di pace”.


    ISLAM
    Le radici dell’islamismo violento sono nell’islam, parola di musulmano

    Kamel Abderrahmani

    Dopo ogni attentato terrorista si tende a dire: “Questo non è l’islam”. Eppure quegli atti criminali sono giustificati e ispirati dai testi che sono il riferimento dei musulmani e delle istituzioni islamiche nel mondo. È urgente una riforma dell’islam dall’interno, da parte degli stessi musulmani. La convivenza con le altre religioni è la strada per togliere l’islam dalla sclerosi e dalla stagnazione.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®