28 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/09/2015, 00.00

    INDIA

    India, il presidente incontra le vittime delle persecuzioni contro i cristiani dell’Orissa



    I sopravvissuti agli assalti dei radicali indù erano accompagnati da una delegazione del Kandhamal Committee for Justice and Peace e da esponenti politici di partiti all’opposizione. Consegnato al presidente il rapporto delle violenze settarie del 2008. Si chiede il suo intervento per riaprire i casi archiviati in modo arbitrario e accordare giustizia ai sette cristiani innocenti condannati senza prove per l’omicidio del santone indù.

    New Delhi (AsiaNews) - Il presidente dell’India Pranab Kumar Mukherjee ha incontrato una delegazione del Kandhamal Committee for Justice and Peace (Kandhamal Nyaya Shanti O Sadbhabana Samaj), tra cui alcune vittime dei massacri contro i cristiani perpetrati dai radicali indù nello Stato indiano dell’Orissa nel 2008. Le tre donne presenti all’incontro (v. foto) - di cui una indù, violentata da un gruppo di fondamentalisti solo perché lo zio cristiano aveva rifiutato di convertirsi all’induismo - erano accompagnate da Mani Shankar Aiyar, Brinda Barat e Kavita Krishnan, i rappresentanti politici di partiti all’opposizione che all’inizio di settembre hanno sostenuto la marcia di migliaia di cristiani sopravvissuti che hanno sfilato nel distretto di Kandhamal chiedendo al governo di smettere di proteggere i persecutori e di assicurarli alla giustizia.

    Il Kandhamal Committee for Justice and Peace è un’associazione cristiana che raccoglie i sopravvissuti alle violenze settarie divampate nell’agosto del 2008 in Orissa in seguito all’uccisione di Laxamananda Saraswati, leader del Vishwa Hindu Parishad (Vhp, gruppo ultranazionalista indù). Nonostante un gruppo di guerriglieri maoisti rivendichi subito l’omicidio del santone, i fondamentalisti indù scatenano a Kandhamal la persecuzione più violenta mai commessa contro la comunità cristiana in India [di cui il 25 agosto ricorreva l’anniversario - ndr].

    Brinda Barat, attuale deputato e membro del Communist Party of India (Maoist), dichiara: “È scioccante il completo fallimento del sistema giudiziario. Tutti coloro che sono responsabili dei massacri sono fuori su cauzione. Dapprima il governo statale, poi il Bjp (Bharatiya Janata Party, partito nazionalista indù guidato dal premier Narendra Modi) hanno provato a minimizzare la gravità degli attacchi, fisici, morali e alle proprietà dei cristiani. È scioccante sapere che 11mila colpevoli sono fuori di prigione”.

    Gli attivisti hanno consegnato al presidente Mukherjee un memorandum in cui è presentato in dettaglio il bilancio delle violenze: almeno 90 vittime (anche se solo 35 riconosciute dal governo), tra cui anche disabili, anziani, bambini, donne e uomini; 395 chiese o luoghi di preghiera distrutti; 600 villaggi saccheggiati, 6.500 case distrutte e 56mila persone costrette alla fuga; 35 istituti (conventi, scuole, ostelli e centri di assistenza) danneggiati, bruciati o saccheggiati; 10mila bambini costretti ad abbandonare gli studi.

    Non solo, i membri dell’associazione lamentano che il sistema giudiziario è stato inefficiente e superficiale nell’affrontare le denunce: delle 3.232 pervenute, solo 825 sono state registrate e di queste soltanto in 605 casi sono stati raccolti i dati delle vittime; 302 casi sono stati chiusi in modo arbitrario con la dicitura “nessuna prova”.

    In conferenza stampa gli attivisti hanno dichiarato di aver chiesto l’intervento del presidente per assicurare che alle vittime venga accordato il giusto risarcimento e sia permesso loro di ritornare ai propri villaggi di origine. Hanno presentato a Mukherjee le gravi mancanze della giustizia indiana e hanno chiesto che siano riaperti i casi archiviati in maniera arbitraria e le denunce completate con i dati mancanti.

    Brinta Barat ha anche incontrato in carcere i sette cristiani innocenti condannati dopo una serie di rinvii e processi farsa per l’omicidio del leader indù, malgrado la confessione dei maoisti. “Essi richiedono il suo intervento – ha detto, rivolgendosi al presidente – per sostenere i diritti di tutti i cittadini dell’India, affinché ognuno sia libero di professare la propria religione senza timore di persecuzioni e coloro che sono perseguitati in nome della religione possano ottenere giustizia”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/12/2011 INDIA
    Orissa, pubblicato un rapporto completo sui pogrom anticristiani del 2008
    In 197 pagine, il National People’s Tribunal (Npt) del National Solidarity Movement (piattaforma nazionale di attivisti per i diritti umani) traccia un quadro completo delle violenze contro i cristiani del Kandhamal da parte di fondamentalisti indù; il contesto; l’impatto umano, socioeconomico e culturale delle aggressioni; la risposta delle autorità; le possibili soluzioni per restaurare la giustizia e la dignità dei sopravvissuti.

    06/12/2011 INDIA
    Attivista indiano: Nuove speranze di giustizia per i cristiani dell’Orissa
    In un’intervista ad AsiaNews, Ram Puniyani, organizzatore del National People’s Tribunal (Npt), spiega il valore del rapporto sui pogrom anticristiani in Orissa pubblicato dal Npt. Secondo il docente in pensione, alla base delle violenze del 2008 non c’è un problema religioso, ma lo sfruttamente da parte dei fondamentalisti indù della miseria di adivasi (indù) e dalit (cristiani).

    23/02/2015 INDIA
    Orissa, eretto il primo monumento per i martiri dei pogrom anticristiani
    L'iniziativa è del villaggio Tiangia, che ha voluto ricordare le vittime della comunità, "pilastri di testimonianza". L'arcivescovo di Cuttack-Bhubaneswar ha benedetto la lapide commemorativa alla presenza del clero locale e centinaia di fedeli. Le violenze di Kandhamal del 2008 sono state le peggiori mai compiute contro la minoranza religiosa in India.

    31/08/2011 INDIA
    Non tutta l’India ricorda i martiri dell’Orissa
    In Madhya Pradesh la Chiesa ha organizzato incontri di preghiera e donazioni di sangue per celebrare le vittime delle violenze indù di tre anni fa. In Orissa nessun momento di preghiera. A Kandhamal, i nazionalisti indù hanno organizzato un raduno per ricordare l’assassinio di Lakshmananda Saraswati, il “loro” martire, che scatenò le violenze del 2008.

    23/03/2011 INDIA
    Orissa, un altro cristiano ucciso in Kandhamal
    Angad Digal, cattolico di Mondasoro, è stato ucciso lo scorso 10 marzo. L’uomo si era recato in un villaggio vicino insieme a due conoscenti indù. La polizia ha arrestato uno dei due sospettati, ma non ha ancora trovato il corpo di Digal. Sacerdote denuncia il clima di impunità dovuto all’inerzia delle forze dell’ordine.



    In evidenza

    VATICANO-EGITTO
    Papa Francesco in videomessaggio: Caro popolo d’Egitto…

    Papa Francesco

    In occasione della sua visita al Paese (28-29 aprile), oggi papa Francesco ha trasmesso un videomessaggio al popolo egiziano. “Il nostro mondo, dilaniato dalla violenza cieca – che ha colpito anche il cuore della vostra cara terra – ha bisogno di pace, di amore e di misericordia; ha bisogno di operatori di pace”.


    ISLAM
    Le radici dell’islamismo violento sono nell’islam, parola di musulmano

    Kamel Abderrahmani

    Dopo ogni attentato terrorista si tende a dire: “Questo non è l’islam”. Eppure quegli atti criminali sono giustificati e ispirati dai testi che sono il riferimento dei musulmani e delle istituzioni islamiche nel mondo. È urgente una riforma dell’islam dall’interno, da parte degli stessi musulmani. La convivenza con le altre religioni è la strada per togliere l’islam dalla sclerosi e dalla stagnazione.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®