13 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 06/11/2017, 11.58

    BANGLADESH – VATICANO

    A Dhaka papa Francesco ordinerà 16 sacerdoti

    Sumon Corraya

    La cerimonia di consacrazione sarà il primo dicembre, durante la messa al Suhrawardy Udyan Park. I diaconi si sono formati al Seminario maggiore dell’Holy Spirit. Un “grande dono” essere ordinati dal papa.

    Dhaka (AsiaNews) – Nell’imminente viaggio apostolico che papa Francesco effettuerà a Dhaka, dal 30 novembre al 2 dicembre 2017, egli ordinerà 16 nuovi sacerdoti. AsiaNews ha parlato con alcuni di loro. Tutti affermano di attendere con ansia il momento della consacrazione sacerdotale. Tra questi vi è Jashim Murmu, proveniente dalla diocesi di Dinajpur e di origine tribale santal, che sostiene: “La prima buona notizia è che papa Francesco verrà in Bangladesh. La seconda è che mi ordinerà sacerdote”.

    L’ordinazione dei diaconi avverrà il primo dicembre, durante la messa che il pontefice presiederà al Suhrawardy Udyan Park della capitale. Per l’occasione, sono attese circa 100mila persone. Su 16 diaconi, 10 sono diocesani, uno degli Oblati di Maria Immacolata e cinque dell’Holy Cross [congregazione di Santa Croce, ndr].

    Il diacono Murmu sarà il primo sacerdote del suo villaggio, composto al 100% da tribali santal. Questo lo rende ancora più orgoglioso. Un altro ordinando, Gracy Rozario csc, dell’arcidiocesi di Dhaka, dice: “Non vedo l’ora di essere ordinato dal papa. Per me è una benedizione speciale il fatto di essere consacrato da lui. Per questo rendo grazie a Dio Onnipotente”. Egli si sta preparando “con maggiori preghiere, così posso dedicare tutto me stesso ad essere un sacerdote perfetto e santo per predicare il messaggio di Dio”.

    Cizar Costa, della diocesi di Rajshahi, dichiara: “Papa Francesco imporrà le sue mani sul mio capo e mi ordinerà benedicendomi. Per me, è una gioia immensa. Al solo pensiero, avverto una pace infinita nel mio cuore”. Per il diacono è un “grande dono poter essere consacrato dal Santo Padre. Ringrazio le autorità ecclesiastiche del Bangladesh per questa opportunità. Ringrazio anche i miei genitori e tutta la mia famiglia, per avermi incoraggiato nella scelta di farmi prete”.

    Tutti i 16 diaconi hanno studiato al Seminario maggiore dell’Holy Spirit, l’unico seminario del Bangladesh. P. Emmanuel Kanon Rozario, il rettore, riporta che al momento il seminario ospita 400 studenti. Si tratta di una situazione in controtendenza rispetto al panorama occidentale ed europeo, dove si assiste ad un calo delle vocazioni religiose.

    A proposito dei futuri sacerdoti, riferisce: “Li stiamo aiutando nella preparazione spirituale. Come fase finale della preparazione, essi parteciperanno ad un ritiro di preghiera che si terrà dal 14 al 20 novembre”. Secondo p. Emmanuel, “diventare prete è solo il primo passo del ministero sacerdotale”. “Li abbiamo preparati in maniera adeguata – dice in conclusione – e spero che diventeranno sacerdoti santi per la Chiesa cattolica”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    01/12/2017 10:25:00 BANGLADESH-VATICANO
    Il Bangladesh pellegrino alla messa con papa Francesco (video)

    Stamattina la messa al Suhrawardi Udyan Park di Dhaka. Ordinati 16 sacerdoti. Presenti più di 70mila persone. Tra i partecipanti, anche alcuni lebbrosi di Khulna. Un gruppo dalla parrocchia di Mohespur ha trascorso 15 ore in viaggio. Le speranze delle giovani lavoratrici. L’impegno di un neo-consacrato.  Dalla nostra inviata.



    01/12/2017 08:29:00 BANGLADESH-VATICANO
    Papa in Bangladesh: Il grazie ai 90mila fedeli; la preghiera per i 16 neo-ordinati

    Alla sua prima messa a Dhaka, papa Francesco ringrazia i cattolici, venuti anche ““da lontano, in un viaggio di più di due giorni”. La celebrazione nel luogo dove Mujibur Rahman ha proclamato la nascita del Bangladesh.



    15/01/2015 FILIPPINE
    Devastate dal tifone, le Visayas si preparano ad accogliere il Papa
    Il direttore di Caritas Cebu, p. Socrates Saldua, racconta l'impegno a favore dei sopravvissuti e per la ripresa dopo il passaggio di Yolanda. La zona "è il cuore dell'emergenza, speriamo che Francesco si trattenga con noi più di quanto previsto nel programma". La speranza di rivedere il pontefice a Cebu per il Congresso Eucaristico Internazionale del 2016.

    02/12/2017 11:23:00 BANGLADESH-VATICANO
    Papa a Dhaka: Chiesa del Bangladesh, granellino di senape, che cresce nella gioia

    All’incontro con i sacerdoti e le persone consacrate, papa Francesco parla a a braccio in lingua spagnola, ampliando temi presenti nel discorso scritto. Il Rosario mette in luce la sollecitudine di Maria, la compassione di Cristo, la gioia della Chiesa, i pilastri della dedizione religiosa. “Voi confermate me nella fede e mi date una grande gioia”.



    20/10/2017 12:24:00 BANGLADESH – VATICANO
    Dhaka, giovani cristiani attendono con ansia la visita di papa Francesco

    Il 2 dicembre oltre 10mila giovani parteciperanno all’incontro con il pontefice al Notre Dame College. La visita pastorale radunerà 130mila persone da tutto il Paese. La venuta del papa “avrà effetti positivi anche in seguito”.





    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®