03 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 02/11/2007, 00.00

    EMIRATI ARABI UNITI

    A Dubai, dopo lo sciopero la polizia controllerà il rispetto dei diritti dei lavoratori



    Marcia indietro delle autorità, che dopo aver minacciato l’espulsione dei manifestanti, annunciano severe misure contro gli imprenditori che non rispettano le disposizioni in materia di lavoro.
    Dubai (AsiaNews) – Sembrano aver vinto, almeno in parte, gli oltre 4mila operai che lo scorso week end avevano scioperato a Dubai. I manifestanti chiedevano aumenti di salario, che è attualmente di 136 dollari al mese, mezzi di trasporto per andare al lavoro e alloggi migliori. Minacciati in un primo momento di espulsione in massa – lo Stato non riconosce il diritto di sciopero – i lavoratori sembrano ora trovare il sostegno delle autorità, che non solo hanno ritirato la minaccia, ma ora annunciano “severe misure” contro i datori di lavoro che non rispettano le norme sui diritti dei lavoratori.
     
    Gulfnews riferisce infatti che il capo della polizia di Dubai, generale Dahi Khalfan Tamim, in una dichiarazione ha annunciato che “severe misure saranno adottate contro chiunque abbia violato, norme, ordini e istruzioni” del governo, “specialmente per ciò che riguarda i diritti dei lavoratori”
     
    La polizia ha anche cominciato ad interrogare uno dei capi delle imprese di costruzione - gli scioperanti sono in gran parte muratori impegnati nella costruzione del Burj Dubai, che con i suoi 643 metri sarà il più alto grattacielo del mondo - che ha ammesso la sua colpa e fa sapere che compirà ispezioni per colpire le compagnie che non provvedono a una decente sistemazione dei lavoratori e che i trasgressori saranno denunciati.
     
    Secondo Middle East ondine, sono circa 700mila i lavoratori stranieri, per lo più provenienti da India, Pakistan e Bangladesh, presenti negli Emirati, dove solo un 20 per cento degli oltre 4 milioni di abitanti ha la cittadinanza.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/10/2007 EMIRATI ARABI UNITI
    Espulsi a Dubai 4mila operai che hanno scioperato
    Nel Paese l’astensione dal lavoro è vietata. A manifestare chiedendo un trattamento migliore, persone in gran parte provenienti da India, Pakistan e Bangladesh, per lo più impegnate nella costruzione del più alto grattacielo del mondo.

    11/07/2006 EMIRATI ARABI
    Una legge anti-schiavitù negli Emirati, in crisi le corse di cammelli
    Nello sport più amato dai beduini, sono i bambini, spesso rapiti o venduti da famiglie povere, i fantini che cavalcano gli animali in gara.

    13/11/2004 MEDIO ORIENTE
    La difficile situazione dei lavoratori domestici nel Golfo

    Sono asiatici e cristiani: soprusi, mancanza di protezione legale e violenze all'ordine del giorno.



    18/02/2013 EMIRATI ARABI UNITI
    Ad Abu Dhabi gli Stati del Golfo mostrano la loro fame di armi
    Giunta alla sua 11ma edizione l'International Defence Exhibition è iniziata ieri nella capitale dell'emirato. Quest'anno hanno partecipato oltre 1100 espositori di 58 Paesi. Il giro di affari è stimato in centinaia di miliardi di dollari. La Francia venderà il suo costoso caccia Rafale agli Emirati Arabi Uniti.

    11/02/2010 EMIRATI ARABI UNITI
    Il governo degli Emirati pubblica un opuscolo sui diritti dei lavoratori
    Il volume è intitolato “Il lavoratore: diritti e doveri” ed è disponibile in sei lingue. È il primo esempio di testo scritto e riconosce tutela legale ai lavoratori, purché abbiano la residenza nel Paese.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®