21 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 02/11/2007
EMIRATI ARABI UNITI
A Dubai, dopo lo sciopero la polizia controllerà il rispetto dei diritti dei lavoratori
Marcia indietro delle autorità, che dopo aver minacciato l’espulsione dei manifestanti, annunciano severe misure contro gli imprenditori che non rispettano le disposizioni in materia di lavoro.

Dubai (AsiaNews) – Sembrano aver vinto, almeno in parte, gli oltre 4mila operai che lo scorso week end avevano scioperato a Dubai. I manifestanti chiedevano aumenti di salario, che è attualmente di 136 dollari al mese, mezzi di trasporto per andare al lavoro e alloggi migliori. Minacciati in un primo momento di espulsione in massa – lo Stato non riconosce il diritto di sciopero – i lavoratori sembrano ora trovare il sostegno delle autorità, che non solo hanno ritirato la minaccia, ma ora annunciano “severe misure” contro i datori di lavoro che non rispettano le norme sui diritti dei lavoratori.
 
Gulfnews riferisce infatti che il capo della polizia di Dubai, generale Dahi Khalfan Tamim, in una dichiarazione ha annunciato che “severe misure saranno adottate contro chiunque abbia violato, norme, ordini e istruzioni” del governo, “specialmente per ciò che riguarda i diritti dei lavoratori”
 
La polizia ha anche cominciato ad interrogare uno dei capi delle imprese di costruzione - gli scioperanti sono in gran parte muratori impegnati nella costruzione del Burj Dubai, che con i suoi 643 metri sarà il più alto grattacielo del mondo - che ha ammesso la sua colpa e fa sapere che compirà ispezioni per colpire le compagnie che non provvedono a una decente sistemazione dei lavoratori e che i trasgressori saranno denunciati.
 
Secondo Middle East ondine, sono circa 700mila i lavoratori stranieri, per lo più provenienti da India, Pakistan e Bangladesh, presenti negli Emirati, dove solo un 20 per cento degli oltre 4 milioni di abitanti ha la cittadinanza.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
30/10/2007 EMIRATI ARABI UNITI
Espulsi a Dubai 4mila operai che hanno scioperato
11/07/2006 EMIRATI ARABI
Una legge anti-schiavitù negli Emirati, in crisi le corse di cammelli
13/11/2004 MEDIO ORIENTE
La difficile situazione dei lavoratori domestici nel Golfo
18/02/2013 EMIRATI ARABI UNITI
Ad Abu Dhabi gli Stati del Golfo mostrano la loro fame di armi
11/02/2010 EMIRATI ARABI UNITI
Il governo degli Emirati pubblica un opuscolo sui diritti dei lavoratori

In evidenza
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate