29 Luglio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 02/11/2007
EMIRATI ARABI UNITI
A Dubai, dopo lo sciopero la polizia controllerà il rispetto dei diritti dei lavoratori
Marcia indietro delle autorità, che dopo aver minacciato l’espulsione dei manifestanti, annunciano severe misure contro gli imprenditori che non rispettano le disposizioni in materia di lavoro.

Dubai (AsiaNews) – Sembrano aver vinto, almeno in parte, gli oltre 4mila operai che lo scorso week end avevano scioperato a Dubai. I manifestanti chiedevano aumenti di salario, che è attualmente di 136 dollari al mese, mezzi di trasporto per andare al lavoro e alloggi migliori. Minacciati in un primo momento di espulsione in massa – lo Stato non riconosce il diritto di sciopero – i lavoratori sembrano ora trovare il sostegno delle autorità, che non solo hanno ritirato la minaccia, ma ora annunciano “severe misure” contro i datori di lavoro che non rispettano le norme sui diritti dei lavoratori.
 
Gulfnews riferisce infatti che il capo della polizia di Dubai, generale Dahi Khalfan Tamim, in una dichiarazione ha annunciato che “severe misure saranno adottate contro chiunque abbia violato, norme, ordini e istruzioni” del governo, “specialmente per ciò che riguarda i diritti dei lavoratori”
 
La polizia ha anche cominciato ad interrogare uno dei capi delle imprese di costruzione - gli scioperanti sono in gran parte muratori impegnati nella costruzione del Burj Dubai, che con i suoi 643 metri sarà il più alto grattacielo del mondo - che ha ammesso la sua colpa e fa sapere che compirà ispezioni per colpire le compagnie che non provvedono a una decente sistemazione dei lavoratori e che i trasgressori saranno denunciati.
 
Secondo Middle East ondine, sono circa 700mila i lavoratori stranieri, per lo più provenienti da India, Pakistan e Bangladesh, presenti negli Emirati, dove solo un 20 per cento degli oltre 4 milioni di abitanti ha la cittadinanza.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
30/10/2007 EMIRATI ARABI UNITI
Espulsi a Dubai 4mila operai che hanno scioperato
11/07/2006 EMIRATI ARABI
Una legge anti-schiavitù negli Emirati, in crisi le corse di cammelli
13/11/2004 MEDIO ORIENTE
La difficile situazione dei lavoratori domestici nel Golfo
18/02/2013 EMIRATI ARABI UNITI
Ad Abu Dhabi gli Stati del Golfo mostrano la loro fame di armi
11/02/2010 EMIRATI ARABI UNITI
Il governo degli Emirati pubblica un opuscolo sui diritti dei lavoratori

In evidenza
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).
ASIA
Il Pime in Cina: uomini nuovi in strutture nuove
di Piero GheddoLa missione in Cina è possibile: deve puntare più alla formazione che alle strutture. L’esempio dei martiri antichi e nuovi. Una sintesi commentata della lettera che il Superiore generale del Pime ha mandato ai suoi confratelli, dopo un viaggio in Cina.
EUROPA - ISLAM
Imam di Nîmes: Lo Stato islamico uccide i cristiani, e rischia di eliminare anche l’islam dall’Europa
di Hocine Drouiche*L’islam politico sta diventando un “islam delinquente” che valorizza la menzogna, l’odio, l’inimicizia. I nemici sono i “cristiani” e tutto l’occidente. Ma l’islam ha avuto epoche in cui dialogo, ragione, incontro, assimilazione erano tenuti in grande stima. L’islam guerriero che tanto affascina molti giovani, è frutto di miti e manipolazioni e spinge all’islamofobia. E’ tempo di far nascere e crescere un islam europeo, garante della libertà di coscienza e capace di convivere con cristiani ed ebrei. Risolvere col dialogo il problema palestinese.

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate