28 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 14/06/2012, 00.00

    SRI LANKA

    A Rio+20, lo Sri Lanka punta su lavoro, giovani e difesa dell’ambiente

    Melani Manel Perera

    Presentato il programma nazionale che società civile e ong porteranno alla Conferenza Onu sullo Sviluppo sostenibile (Rio de Janeiro, 20-22 giugno 2012). Per uscire dalla crisi mondiale, si deve riportare al centro l’essere umano. I Paesi più ricchi devono ridurre lo sfruttamento delle risorse.

    Colombo (AsiaNews) - Creare nuove opportunità di lavoro per i giovani, rispettare l'ambiente e valorizzare la donna, per uscire dalla crisi mondiale nel rispetto dell'essere umano: queste le proposte che società civile e ong dello Sri Lanka porteranno alla Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo sostenibile di Rio de Janeiro (Rio+20, 20-22 giugno). Riunitesi con il nome di Civil Society Concerns, associazioni della società civile e 33 ong hanno organizzato una conferenza stampa per illustrare il loro programma. I rappresentanti delle varie organizzazioni hanno esaminato la condizione dello Sri Lanka, per allargare poi lo sguardo sulla situazione mondiale. Rio+20 rappresenta il seguito della storica Conferenza della Nazioni Unite sull'ambiente e lo sviluppo, tenutasi nel 1992 nella stessa città brasiliana.

    Nonostante i problemi generati da tre secoli di colonizzazione britannica, la situazione socio-politica dello Sri Lanka si è evoluta in modo rapido. Tuttavia, il Paese non è mai riuscito a trovare un equilibrio interno, a causa di barriere religiose, linguistiche, di classe e di casta. A questo si è aggiunta poi la guerra civile, che per 30 anni ha investito l'isola. "Il conflitto - spiega la Civil Society Concerns nell'intervento - ha colpito milioni di persone in tutta la nazione. Abbiamo avuto tra le 80mila e le 100mila vittime, soprattutto nelle province nordorientali; oltre 300mila profughi".

    Sebbene oggi lo Sri Lanka sia considerato un Paese a reddito medio-basso, la povertà è ancora un grave problema e circa il 23% della popolazione vive sotto la soglia di povertà (1,25 dollari Usa). E il mancato coinvolgimento di poveri, donne e giovani non aiuta a far crescere la società srilankese. In più, notano gli attivisti, lo Stato affronta anche un grave problema ambientale. "Gran parte dei programmi di sviluppo economico - nota l'ambientalista Sajeewa Chamikara - non seguono la legislazione ambientale". Questo sta mettendo a rischio non solo la bellezza della natura dello Sri Lanka, ma anche "lo stesso sviluppo".

    Anche a livello internazionale la situazione non sembra molto diversa, come spiega Thilak Kariawasam, presidente dello Sri Lanka Nature Group: "Gran parte degli accordi presi 20 anni fa non sono stati attuati con successo. Il risultato lo vediamo oggi: il mondo sta affrontando la più grande crisi ambientale, economica e sociale mai avuta prima".

    Secondo Herman Kumara, presidente del National Fisheries Solidarity Movement (Nafso) e invitato speciale del World Forum for Fisher People (Wffp), il fallimento degli accordi "è colpa dei Paesi più grandi e ricchi, che per rispettare giochi geopolitici non sono disposti ad andare alla radice dei problemi. Al di là della retorica, queste nazioni non sono pronte a dire ai loro popoli che bisogna cambiare e fare dei sacrifici, per timore di perdere potere". 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/07/2009 SRI LANKA
    Sri Lanka, i pescatori artigianali vincono la guerra: bandite le tecniche invasive
    La Corte suprema del Paese dichiara fuorilegge la pesca con la dinamite e diversi tipi di reti. Un successo dei pescatori e degli attivisti che ne hanno difeso i diritti, contro le multinazionali del settore ittico. Essa consentirà anche una migliore gestione delle risorse e della fauna marina.

    02/06/2016 08:34:00 INDIA
    Goa, un chilo di zucchero per un chilo di spazzatura: una ricetta di sviluppo sostenibile

    La proposta è di John Douglas Coutinho, un ambientalista locale. Egli ha fondato una Ong che si occupa di raccogliere i rifiuti e mantenere pulito il distretto. L’amministrazione ha riconosciuto e premiato il valore delle sue iniziative, tutte autofinanziate.



    25/08/2012 MYANMAR
    I disastri ambientali mettono a rischio lo sviluppo birmano
    Due recenti studi sottolineano che la crescita economica deve essere accompagnata da programmi a tutela della natura. Il Myanmar è fra i Paesi più esposti ai cataclismi, come avvenuto nel 2008 col ciclone Nargis. Per il centro ricerche Maplecroft servono infrastrutture adeguate. Adb: contrastare l’urbanizzazione selvaggia.

    10/02/2014 SRI LANKA
    Sri Lanka, l'impegno dei cristiani: Custodire la natura per salvare le minoranze
    È l'obiettivo della Dilmah Conservation, associazione che si occupa di sviluppo sostenibile. Nata come costola di uno dei più grandi marchi di tè del Paese, la fondazione ha organizzato una "due giorni" per sensibilizzare grandi e piccoli. Il fondatore, un cattolico, spiega: "Come cristiani abbiamo la responsabilità di proteggere ambiente e persone".

    29/04/2009 FILIPPINE – ASIA
    Banca asiatica: i cambiamenti climatici “più pericolosi” della crisi economica
    L’istituto chiede ai Paesi del Sud-est asiatico “politiche verdi”. Gli esperti annunciano un calo del Pil variabile dal 2,2 al 7% se non verranno predisposte “misure appropriate”. La Chiesa cattolica invita i fedeli al rispetto dell’ambiente.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®