8 Luglio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 14/06/2012
SRI LANKA
A Rio+20, lo Sri Lanka punta su lavoro, giovani e difesa dell’ambiente
di Melani Manel Perera
Presentato il programma nazionale che società civile e ong porteranno alla Conferenza Onu sullo Sviluppo sostenibile (Rio de Janeiro, 20-22 giugno 2012). Per uscire dalla crisi mondiale, si deve riportare al centro l’essere umano. I Paesi più ricchi devono ridurre lo sfruttamento delle risorse.

Colombo (AsiaNews) - Creare nuove opportunità di lavoro per i giovani, rispettare l'ambiente e valorizzare la donna, per uscire dalla crisi mondiale nel rispetto dell'essere umano: queste le proposte che società civile e ong dello Sri Lanka porteranno alla Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo sostenibile di Rio de Janeiro (Rio+20, 20-22 giugno). Riunitesi con il nome di Civil Society Concerns, associazioni della società civile e 33 ong hanno organizzato una conferenza stampa per illustrare il loro programma. I rappresentanti delle varie organizzazioni hanno esaminato la condizione dello Sri Lanka, per allargare poi lo sguardo sulla situazione mondiale. Rio+20 rappresenta il seguito della storica Conferenza della Nazioni Unite sull'ambiente e lo sviluppo, tenutasi nel 1992 nella stessa città brasiliana.

Nonostante i problemi generati da tre secoli di colonizzazione britannica, la situazione socio-politica dello Sri Lanka si è evoluta in modo rapido. Tuttavia, il Paese non è mai riuscito a trovare un equilibrio interno, a causa di barriere religiose, linguistiche, di classe e di casta. A questo si è aggiunta poi la guerra civile, che per 30 anni ha investito l'isola. "Il conflitto - spiega la Civil Society Concerns nell'intervento - ha colpito milioni di persone in tutta la nazione. Abbiamo avuto tra le 80mila e le 100mila vittime, soprattutto nelle province nordorientali; oltre 300mila profughi".

Sebbene oggi lo Sri Lanka sia considerato un Paese a reddito medio-basso, la povertà è ancora un grave problema e circa il 23% della popolazione vive sotto la soglia di povertà (1,25 dollari Usa). E il mancato coinvolgimento di poveri, donne e giovani non aiuta a far crescere la società srilankese. In più, notano gli attivisti, lo Stato affronta anche un grave problema ambientale. "Gran parte dei programmi di sviluppo economico - nota l'ambientalista Sajeewa Chamikara - non seguono la legislazione ambientale". Questo sta mettendo a rischio non solo la bellezza della natura dello Sri Lanka, ma anche "lo stesso sviluppo".

Anche a livello internazionale la situazione non sembra molto diversa, come spiega Thilak Kariawasam, presidente dello Sri Lanka Nature Group: "Gran parte degli accordi presi 20 anni fa non sono stati attuati con successo. Il risultato lo vediamo oggi: il mondo sta affrontando la più grande crisi ambientale, economica e sociale mai avuta prima".

Secondo Herman Kumara, presidente del National Fisheries Solidarity Movement (Nafso) e invitato speciale del World Forum for Fisher People (Wffp), il fallimento degli accordi "è colpa dei Paesi più grandi e ricchi, che per rispettare giochi geopolitici non sono disposti ad andare alla radice dei problemi. Al di là della retorica, queste nazioni non sono pronte a dire ai loro popoli che bisogna cambiare e fare dei sacrifici, per timore di perdere potere". 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
24/07/2009 SRI LANKA
Sri Lanka, i pescatori artigianali vincono la guerra: bandite le tecniche invasive
di Melani Manel Perera
25/08/2012 MYANMAR
I disastri ambientali mettono a rischio lo sviluppo birmano
10/02/2014 SRI LANKA
Sri Lanka, l'impegno dei cristiani: Custodire la natura per salvare le minoranze
di Melani Manel Perera
29/04/2009 FILIPPINE – ASIA
Banca asiatica: i cambiamenti climatici “più pericolosi” della crisi economica
di Santosh Digal
08/06/2012 ASIA
Adb e Wwf: a rischio l’ecosistema delle nazioni Asia-Pacifico

In evidenza
IRAQ-EUROPA
Arcivescovo di Baghdad: Persecuzione dei cristiani, frutto del fondamentalismo e del calcolo politico internazionale
di Jean Benjamin Sleiman*Le persecuzioni hanno degli esecutori, ma vi sono pure dei mandanti e degli sponsor che non si vedono. Esse rispondono a progetti politici e non sono solo frutto della fiamma dell’intolleranza religiosa. Per mons. Sleiman, con le violenze contro i cristiani si sta attuando un programma di disgregazione dell’Iraq e del Medio oriente. Occorre fermare le violenze, ridare ai cristiani piena cittadinanza, riaffermare lo Stato come garante della convivenza. L’intervento dell’arcivescovo di Baghdad dei latini al Parlamento europeo.
ISLAM – M.ORIENTE
Al Azhar e il Vaticano sul terrorismo. Le ambiguità della comunità internazionale
di Bernardo CervelleraL’autorevole università sunnita denuncia le violenze “odiose” dello Stato islamico e domanda al mondo di sconfiggere questo gruppo “attraverso ogni modo possibile”. Vaticano: il terrorismo è una minaccia per l’umanità intera. La Francia dice di combattere il terrorismo, ma poi vende armi, aerei, elicotteri da guerra all’Arabia saudita, che sostiene il fondamentalismo islamico. Il Kuwait lascia vivere i salafiti che appoggiano al Nusra e lo Stato islamico. La Turchia contro i kurdi; gli Stati Uniti contro Iran, Russia e Cina.
TUNISIA - ISLAM
Tunisi, fermare il terrorismo chiudendo le moschee fondamentalistePer il presidente Essebsi, la sfida del terrore può essere affrontata solo con una strategia unitaria e globale. L’attentato a Sousse quasi in contemporanea con quelli in Francia, in Kuwait, in Somalia. Le rivendicazioni dello Stato islamico.

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate