30 Agosto 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 14/06/2012
CINA
Aborti forzati: in Cina si uccidono bambini come in Siria
di Wang Zhicheng
Scandalo e critiche per la storia e la foto della donna costretta ad abortire, ritratta con il piccolo ucciso affianco al letto. Le autorità per il controllo della popolazione dello Shaanxi hanno lanciato un'inchiesta. Il marito della donna vuole citare in tribunale gli impiegati che hanno costretto sua moglie all'aborto. In Cina, gli aborti forzati sono proibiti dalla legge, ma le cronache sono piene di storie di aborti e sterilizzazioni forzate.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) - Gli aborti forzati che vengono praticati in Cina in nome della legge sul figlio unico "sono come l'assassinio di donne e bambini che avvengono in Siria": è il commento di un internauta alla diffusione della notizia e della terribile  foto di una donna cinese costretta  ad abortire al settimo mese e ritratta con il piccolo ucciso al suo fianco sul letto dell'ospedale.

La storia è stata pubblicata da AsiaNews due giorni fa (v.: 12/06/2012 Donna cinese costretta ad abortire al settimo mese. Continua il massacro della legge del figlio unico). Da allora internet in Cina è pieno di commenti infuocati contro le autorità del family planning nello Shaanxi, tanto che esse hanno aperto un'inchiesta per verificare se nel caso che si dibatte vi è stato aborto forzato.

In Cina la legge sul figlio unico, in vigore dalla fine degli anni '70, è stata sempre applicata con violenza, ma negli ultimi anni il governo ha promesso di non usare metodi coercitivi. In teoria l'aborto forzato è proibito, ma le cronache abbondano di notizie su aborti e sterilizzazioni forzate. Molto spesso gli impiegati per il controllo sulla popolazione si lasciano corrompere facendo pagare multe elevate a loro piacimento.

Secondo gruppi per i diritti umani, Feng Jianmei, una donna di 22 anni della cittadina di Zengjia (v. foto), è stata rapita da impiegati del Family planning e tenuta per tre giorni in ospedale, dove le è stato praticato l'aborto al settimo mese di gravidanza, contro il suo volere.

Lei e suo marito Deng Jiyuan hanno già una bambina di cinque anni. Al momento del rapimento, Deng stava lavorando nella Mongolia interna. Le autorità gli hanno telefonato mettendolo davanti alla scelta: o pagare 40mila yuan di multa (tassa per il secondo figlio), o "scegliere" di abortire. Deng ha fatto notare che la somma richiesta è "più di quattro anni del mio salario" ed era impossibile raccoglierla.

Non potendo pagare, gli impiegati del controllo sulla popolazione hanno proceduto a fare un'iniezione a Feng e l'hanno fatta abortire.

Secondo le autorità, Feng ha acconsentito all'aborto. Per il marito, sua moglie è stata costretta a mettere la sua impronta digitale sul foglio medico: il suo "consenso" è stato estorto. Per questo, con alcuni avvocati sta pensando di citare in tribunale le autorità del family planning.

Foto: SCMP


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
15/06/2012 CINA
Le autorità cinesi si scusano per l'aborto forzato. "Siete come i nazisti"
di Wang Zhicheng
20/09/2013 ITALIA – USA – CINA
Reggie Littlejohn: Legge sul figlio unico, lo strumento con cui il Partito può restare al potere
di Giulia Mazza
24/09/2011 CINA - USA
Legge del figlio unico: nuovi casi di aborti, sterilizzazioni forzate e prigionia
11/01/2013 CINA
La politica del figlio unico mina intraprendenza e capacità di rischio dei cinesi
11/05/2011 CINA
Bambini cinesi “confiscati” e venduti in adozione

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate